Treni storici
Treni storici

Il senso dei treni storici

Treni storici l’esempio campano e non solo

Salve inguaribili viaggiatori
una tragedia può aiutare a riflettere su ben altro? In molti abbiamo letto del disastro di Pioltello, dell’incidente ferroviario costato la vita a molti pendolari di Trenord.
Ebbene, partendo da qui, Ferrovie dello Stato sta pensando di tornare a prendere il completo controllo delle tratte lasciate, finora, alle regioni e ai privati.
E questo potrebbe, però, mettere fine a iniziative che proprio dalle regioni (con la collaborazione di Fondazione FS) erano partite. Come quella dei treni storici.

Vediamone i 2 migliori esempi in Campania.

Treni storici per Pietrelcina

Fondazione FS e Regione Campania confermano anche per il 2018 l’offerta di treni storici che prevede due corse mensili per Pietrelcina, con partenze da Napoli Centrale e Salerno.
Un'iniziativa congiunta che fa viaggiare i cittadini con locomotive e carrozze del passato: "Centoporte", dagli anni '30, "Corbellini", degli anni '50, trainate dalla locomotiva diesel D.345. Dalla Stazione di Pietrelcina c'è inoltre un trasbordo in bus per il centro cittadino.

Il costo del biglietto, comprensivo del viaggio di andata e ritorno, varia tra i 4 ed i 15 euro, in base alla stazione di partenza e all’età del viaggiatore. Per maggiori informazioni su orari di partenza e arrivo del convoglio, è sufficiente contattare il numero 06.4410.3520 o consultare la sezione “Viaggi ed eventi” del sito www.fondazionefs.it.
I biglietti sono in vendita su tutti i canali Trenitalia, biglietterie e self service di stazione, agenzie di viaggio abilitate, sul sito www.trenitalia.com, e sull’app "Trenitalia" per dispositivi mobili. Sarà possibile acquistare i biglietti anche direttamente a bordo del treno, senza alcuna maggiorazione e in relazione alla disponibilità dei posti a sedere.

Treni storici per Pompei e Paestum "Archeotreno Campania"

Un appuntamento al mese per viaggiare a bordo di un treno storico, con carrozze degli anni '30 "Centoporte" e locomotiva elettrica d'epoca, partendo dal centro di Napoli e diretti a Pompei e Paestum per visitare i due Parchi Archeologici, Patrimonio UNESCO.
Il calendario degli appuntamenti nel 2018
  • 28 gennaio
  • 25 febbraio
  • 25 marzo
  • 29 aprile
  • 27 maggio
  • 24 giugno
  • 22 luglio
  • 26 agosto
  • 23 settembre
  • 28 ottobre
  • 25 novembre
  • 23 dicembre
Itinerario in treno storico
Partenza da Napoli Centrale, fermata intermedia a Pietrarsa-S. Giorgio a Cremano, arrivo a Pompei e Paestum per la visita dei due Parchi Archeologici grazie a due lunghe soste previste nell'itinerario in treno storico.

Biglietti per il viaggio su carrozze degli anni ‘30 “Centoporte” con locomotiva elettrica d’epoca:

  • Euro 20 adulto
  • Euro 10 ragazzo
Le tariffe sono comprensive di corsa di andata e ritorno; è prevista la possibilità di effettuare la sola corsa di andata o ritorno al 50% delle tariffe indicate; la tariffa ragazzo è destinata a viaggiatori 4-12 anni non compiuti; è prevista la gratuità per bambini 0-4 anni non compiuti, accompagnati da almeno un adulto pagante e senza garanzia di posto a sedere.

Biglietti per la visita di entrambi i Parchi Archeologici di Pompei e Paestum:

  • Euro 15 adulto
  • Euro 7,5 ragazzo
Sono previste due lunghe soste per visitare i siti archeologici usufruendo di un unico voucher, a tariffa ridotta e con ingresso prioritario, acquistabile durante il viaggio. A bordo treno, in vendita anche le guide cartacee e un servizio di visita guidata/audioguida ufficiale.

L’inguaribile viaggiatore Modestino Picariello
inguaribile.viaggiatore(at)yahoo.it

 

 

Booking.com