Pompei
Guida per vedere Pompei

La guida per vedere Pompei

Durante il nostro ultimo viaggio a Napoli, non vedevo l'ora di raggiungere le antiche città di Pompei ed Ercolano per vedere le città di cui avevo letto nei testi di Plinio il Giovane.

Abbiamo trascorso un'intera giornata visitando gli scavi di Pompei. Pianificare la visita agli scavi di Pompei può essere difficile a meno che tu non abbia un quadro chiaro di quali siano le cose principali da vedere.

Se hai poco tempo assicurati di seguire il nostro tour a piedi autoguidato completo che evidenzia le cose principali da vedere a Pompei.

Perché dovresti visitare Pompei

La fama di Pompei, certamente il più importante sito archeologico classico d'Europa, è tale da non aver bisogno di presentazioni. Fondata nel 600 a.C., Pompei era una città vivace e un fiorente centro commerciale con una popolazione di 20.000 abitanti nell'impero romano.

Un esempio archetipico della vita romana, Pompei era una città di negozi, mercati e case di mercanti, con strade lastricate, uno stadio, due teatri, templi, terme e bordelli. Ha guadagnato popolarità come destinazione di vacanza sciccosa tra i patrizi romani che costruirono ville sontuose e apprezzarono i bordelli e le terme della città.
La città fu distrutta durante un'eruzione del vicino vulcano Vesuvio nel 79 dc. Pompei fu inondata da 4-6 metri di lava, cenere e detriti che portarono all'eccellente conservazione delle rovine della città. Sfortunatamente, la maggior parte della popolazione della città è morta durante la catastrofe.

Pompei storia

Il Vesuvio aveva emesso fumo e cenere per diversi giorni prima dell'eruzione mortale del 24 agosto. Intorno alle 13:00 del pomeriggio del 24 agosto del 79 d.C., il vulcano Vesuvio eruttò, inviando una nuvola di funghi di cenere, polvere e rocce a 15 chilometri miglia nell'aria.

Fortunatamente, la maggior parte di Pompei era già stata evacuata quando è avvenuta la catastrofe: su una popolazione totale di 20.000 si pensa che solo 2.000 siano effettivamente morti, asfissiati dai fumi tossici dei detriti vulcanici, le loro case sepolte in diversi metri di cenere vulcanica e pomice.

Visitare le rovine di Pompei è come entrare in una vera macchina del tempo risalente all'epoca degli imperatori romani. Il tempo qui rimane fermo come se fosse il 79 d.C. e Pompei oggi è una struggente città fantasma. Le strade, le officine e le aree pubbliche sono state ottimamente conservate.

Resti come arredi, strumenti, gioielli e persino cibo e bevande fanno luce su come viveva la gente di Pompei, dalla nobiltà fino agli schiavi, le loro convenzioni sociali, la struttura di classe e le disposizioni domestiche.

I calchi fatti di impronte nella pomice indurita testimoniano gli ultimi secondi nella vita di molte persone. L'apprensione della loro via di morte è evidente nei calchi in gesso fatti dai loro corpi lasciati nella cenere vulcanica - con volti tormentati dall'angoscia, o inoculandosi dalla polvere e dalle ceneri.

Nessun altro posto al mondo è paragonabile a Pompei ed è molto affascinante e una visita alle rovine di Pompei non ti lascerà deluso. Entra nella tua toga mentale e visita Pompei con noi!

Come arrivare a Pompei

Napoli è la base perfetta per esplorare Pompei. Situata a soli 25 km da Napoli, Pompei è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici. È possibile prendere un treno diretto dalla Stazione Centrale di Napoli sulla linea Circumvesuviana Napoli-Sorrento.
Il terminal della Circumvesuviana alla Stazione Centrale di Napoli per i treni diretti a Pompei è anche chiamato Stazione Garibaldi. In generale si possono facilmente seguire le indicazioni per la “Circumvesuviana”.

Pompei biglietti

Una volta raggiunto il terminal, è possibile acquistare un biglietto in biglietteria o in tabaccheria. Un biglietto di sola andata costa 2,60 EUR. In alternativa, consiglio vivamente di acquistare in anticipo l'ArteCard che include i trasporti pubblici in tutta la regione.

Dopo aver acquistato il biglietto, attraversi i cancelli e procedi al binario 3 da dove partirà il tuo treno. In media, sono circa 2-3 i treni della Circumvesuviana all'ora in partenza da Napoli per Pompei. Il viaggio in treno tra Napoli e Pompei di solito dura 35-40 minuti, ma il collegamento più veloce ti porta a destinazione in circa 25 minuti.

Pompei può essere visitata anche con una gita di un giorno da Roma. I treni veloci ad alta velocità tra Roma e Napoli impiegano poco più di un'ora e ci sono oltre 30 collegamenti al giorno. Quindi, per una gita di un giorno da Roma a Pompei, la scelta migliore è prendere il treno da Roma a Napoli. Poi prendere la Circumvesuviana (come detto sopra) da Napoli a Pompei. Dovresti prendere un treno la mattina presto da Roma per arrivare presto a Pompei in modo da ottenere il massimo dal tuo viaggio.

Hai anche la possibilità di fare questo tour guidato da Roma a Pompei, ma per coloro che amano viaggiare in modo indipendente, visitare in treno è un'esperienza molto semplice e gratificante.

Se hai intenzione di visitare Pompei in una gita di un giorno da Sorrento, segui la Circumvesuviana in direzione Napoli. Il viaggio in treno da Sorrento a Pompei dura tra i 25 ei 30 minuti. I biglietti costano 2,10 euro.

Scendi dalla Circumvesuviana alla stazione Pompei Scavi - Villa Dei Misteri. Da qui, sono solo due minuti a piedi dall'ingresso principale del Parco Archeologico di Pompei. Se viaggi con ArteCard, devi stare nella fila “Biglietto Online”.

Un biglietto d'ingresso normale costa 15 EUR. In alternativa, puoi optare per un biglietto d'ingresso prioritario, utile nei mesi estivi. Come minimo, il parco è aperto dalle 09:00 alle 15:30, anche se l'orario di apertura è prolungato nei fine settimana e in estate. Una panoramica degli orari di apertura e dei prezzi dei biglietti è disponibile sul sito ufficiale (www.pompeiisites.org)

Tour a piedi di Pompei senza guida

Quando prendi il tuo biglietto d'ingresso a Pompei, non dimenticare di chiedere anche una mappa delle rovine. Se ritieni che un tour autoguidato sia troppo scoraggiante per te, puoi optare per un tour privato con un archeologo o persino assumere una guida. Tuttavia, se desideri vedere i punti salienti da solo, segui invece il nostro tour a piedi autoguidato di Pompei.

Il tour autoguidato di Pompei è lungo 5 km e richiede circa 3 ore per essere completato a un ritmo elevato o 4 ore a un ritmo più moderato. Se lo desideri, puoi aggiungere altre soste lungo il percorso.

Usa la tua mappa ufficiale in combinazione con la nostra mappa di questo tour a piedi per personalizzare il tuo itinerario.

Questo tour non solo ti mostrerà quali sono le cose principali da vedere a Pompei, ma ti darà anche un assaggio di come vivevano veramente gli abitanti di una città romana. In questo tour a piedi autoguidato di Pompei vedrai:

  1. Foro (Forum)
  2. Teatro Grande
  3. Casa del Menandro
  4. Orto dei Fuggiaschi (Giardino dei fuggitivi)
  5. Anfiteatro
  6. Necropoli di Porta Nocera
  7. Via dell’Abbondanza
  8. Terme Stabiane
  9. Lupanare (bordello)
  10. Casa dei Vettii
  11. Porta Vesuvio
  12. Casa dei Dioscuri
  13. Casa del Fauno
  14. Casa Del Poeta Tragico
  15. Necropoli di Porta Ercolano
  16. Villa dei Misteri
  17. Antiquarium (Museo)

  1. Foro (Forum)

Il luogo ideale per iniziare questa visita guidata di Pompei è al Foro. Nell'antica Roma, il foro era una piazza pubblica e in gran parte il cuore della città. L'area lastricata rettangolare era la parte più antica di Pompei e costruita nel punto più alto. Era servito principalmente per attività commerciali ma spesso il forum è stato utilizzato anche per dibattiti pubblici o altre attività sociali.

Al foro di Pompei, una volta si potevano trovare numerose strutture degne di nota come il tribunale (noto anche come Basilica). Ancora più importante, il foro era anche il luogo in cui si trovava il Tempio di Giove. Ancora oggi sono visibili alcuni degli eleganti colonnati che racchiudono il foro. Il Foro è circondato da un mercato e da un tribunale.

  1. Teatro Grande

Con l'espansione del loro impero, i romani originariamente portarono il teatro dalla Grecia. Il teatro romano si è presto evoluto in una fiorente forma d'arte. Un teatro romano era solitamente organizzato in 3 parti, vale a dire il palco principale, uno spazio semicircolare per l'orchestra di fronte al palco e posti rialzati per il pubblico.

Il grande teatro, con la spettacolare cornice naturale dei Monti Lattari, risale al II secolo a.C. Ospitava fino a 5000 spettatori ed è stato suddiviso in diverse classi. Nobili e senatori si sarebbero seduti al livello più basso, la classe media al centro e la classe inferiore al vertice.

Il Teatro era utilizzato principalmente per le esibizioni dei gladiatori. È interessante notare che il teatro è ancora in uso oggi con spettacoli occasionali come la Carmen di Bizet nel 2014.

Accanto al Teatro Grande si trova il delizioso Teatro Piccolo (Teatro Piccolo o Odeum), utilizzato per concerti di musica. Fu costruito circa un centinaio di anni dopo il Grande Teatro. Potrebbe ospitare 1.000 persone ed è meglio conservato rispetto alla sua controparte più grande.

  1. Casa Del Menandro

A Pompei troverai molte case ben conservate, in particolare delle classi sociali superiori. Una delle case più sontuose di è la Casa del Menandro, uno dei principali punti di interesse di Pompei.

L'imponenza della Casa Del Menandro indica che il suo patriarca doveva essere coinvolto nella politica. Infatti, Benito Mussolini tenne una festa qui quasi mille anni dopo la distruzione di Pompei.

È conosciuta come la Casa di Menandro a causa di un affresco ben conservato del drammaturgo e poeta greco antico Menandro, anche se alcuni credono che possa essere un ritratto del proprietario originale dell'edificio (un parente della moglie di Nerone, Poppea Sabina).

I mosaici nel calidarium raffigurano mostri marini. La Casa di Menandro comprende anche un piccolo complesso termale privato e un atrio con giardino porticato (con affreschi raffiguranti scene dell'Iliade e dell'Odissea di Omero).

  1. Orto Dei Fuggiaschi

Percorri la Via dei Sepolcri e prendi la serie di gradini appena dietro l'angolo che porta ad una panoramica della città e in una villa con un grande vigneto. Uno dei siti più intriganti e inquietanti di Pompei, il Giardino dei fuggitivi è altrettanto attraente per i turisti quanto avvincente.

Durante l'eruzione del Vesuvio, un gruppo di adulti e bambini si rifugiò in un antico frutteto. Sfortunatamente, nessuno di loro è sopravvissuto. Invece, i loro corpi hanno lasciato un'impronta permanente nella pietra pomice indurita. Sono stranamente catturati nei loro ultimi istanti, le mani che coprono la bocca mentre ansimavano per respirare.

Durante gli scavi del 1870, Giuseppe Fiorelli riempì questi fori con intonaco liquido, realizzando i calchi che si possono vedere oggi. Tredici di questi calchi si trovano oggi nel giardino, altri si trovano in tutto il parco.

  1. Anfiteatro

Quando la maggior parte delle persone pensa all'Italia, al Colosseo di Roma, sono sicuro che ti viene in mente. In effetti, gli anfiteatri rappresentano gli edifici più iconici del mondo romano, quindi non sorprende. Da non perdere anche l'Anfiteatro di Pompei.

Gli anfiteatri si distinguono da un teatro romano classico per il fatto che sono circolari anziché semicircolari. Come tali gli anfiteatri nell'antica Roma erano strutture imponenti (e lo sono, infatti, ancora oggi).

Un anfiteatro medio poteva contenere 40.000 - 60.000 spettatori ed era utilizzato per i famosi "panem et circenses", l'anfiteatro era utilizzato per l'intrattenimento in cui le folle assistevano a battaglie militari rievocate, combattimenti di gladiatori e "venationes" (caccia e uccisione di animali selvatici).

L'anfiteatro di Pompei è importante poiché è stato il primo anfiteatro mai costruito in pietra piuttosto che in legno. Poteva contenere fino a 20.000 spettatori urlanti e le gradinate in pietra erano separate in diverse sezioni per le varie classi sociali.

In tempi più moderni, l'anfiteatro è stato la location di un documentario sui concerti dei Pink Floyd, "Pink Floyd: Live at Pompeii".

Intorno al parapetto, un muro che separa l'arena dalla zona dei posti a sedere, ci sono alcune iscrizioni in latino. Sono i nomi dei magistrati che hanno finanziato la costruzione delle poltrone (un po' come oggi, quando in cambio di una donazione in denaro forse vieni ringraziato con una targa!)

Adiacente all'anfiteatro si trova la palestra, una vasta piazza d'armi con una piazza centrale che veniva utilizzata dai giovani di Pompei per lo sport e l'esercizio. Gli scavi hanno rivelato una serie di scheletri qui, suggerendo che lo scenario era in uso in quel fatidico giorno del 79 d.C.

  1. Necropoli di Porta Nocera

C'è un inquietante senso di fascino in questo cimitero. Nella necropoli di Porta Nocera vedrai che alcuni dei monumenti funerari sono piuttosto elaborati; questo mostra quanto fosse dinamica la società romana.

Un nome romano, a differenza di oggi, può dare molte informazioni sulla persona e sul suo status sociale. Molte tombe della necropoli di Porta Nocera appartenevano a personaggi il cui nome terminava con "L", abbreviazione di Libertus, liberto o ex schiavo. Alcuni schiavi liberati dal loro proprietario sono riusciti a salire i gradini sociali accumulando ricchezza diventando uomini che si sono fatti da soli.

Suggerimento: cerca la tomba di P. Vesonius Phileros, un liberto. Sotto la targa con i nomi del defunto, ce n'è un'altra con un avvertimento molto interessante che parla di amicizia, tradimenti e vendetta.

Suggerimento: la necropoli di Porta Nocera è l'unico posto dove si possono ammirare autentiche sculture pompeiane. Prima degli scavi iniziati nel 1954, la maggior parte delle statue furono portate al Museo Archeologico di Napoli e quasi tutte quelle visibili a Pompei sono repliche.

  1. Via dell’Abbondanza

Ora salirai su Via dell'Abbondanza, la strada principale di Pompei. In passato, questa vivace zona pedonale era fiancheggiata da negozi, bar e ristoranti. Le residenze e i contenuti rappresentano un'immagine colorata della vita quotidiana.

Ogni giorno, i cittadini di Pompei inondavano le strade con acqua per pulirle. I tre trampolini di basalto che vedi permettevano ai pedoni di attraversare senza bagnarsi le scarpe. Un unico trampolino di lancio in una strada indica che era una strada a senso unico, una coppia indica un normale senso di marcia e tre (come questo) significa un viale principale.

  1. Terme Stabiane

Nell'antica Roma le terme erano parte integrante della vita quotidiana dei cittadini. Le terme erano complessi balneari pubblici che non erano solo un luogo di abluzioni ma anche importanti per la socializzazione.

Per lo meno, un bagno consisteva in un apodyterium (spogliatoio), un frigidarium (bagno freddo), un tepidarium (bagno tiepido) e un calidarium (bagno caldo).

Le Terme Stabiane sono il complesso termale più antico e completo di Pompei, un tempo riscaldato da fornaci sotterranee. Il complesso è costituito da due lati, uno per gli uomini e uno per le donne.

Decorato con fantasia con stucchi e pitture murali, l'imponente sistema di riscaldamento fornisce una prova visiva del sofisticato stile di vita degli antichi romani. Sono molto simili, anche se il lato femminile è decorato in modo meno complesso e non possiede un frigidarium.

  1. Lupanare (bordello)

In latino, la parola per bordello è "lupanar" che letteralmente si traduce in tana del lupo, mentre una prostituta era una lupa. Il bordello in Vicolo del Lupanare è una delle cose principali da vedere a Pompei.

Con 10 stanze, il lupanar era il più grande bordello di Pompei. Questo può sembrare grande ma in realtà è piuttosto piccolo e non puoi fare a meno di chiederti quanto deve essere stato scomodo per le prostitute sui letti di pietra.

È probabile che le prostitute fossero schiave e si diceva che fossero di origine greca o orientale. Si pensava che due bicchieri di vino fossero l'equivalente di una sessione di sesso.

Le sue pareti sono adornate con arte pornografica e graffiti osceni come "Hic ego puellas multas futui". Probabilmente servivano a stuzzicare i clienti e ad aiutare a dare qualche indizio sulle inclinazioni lascive delle prostitute.

  1. Casa dei Vettii

La spettacolare Casa dei Vettii è senza dubbio una delle migliori attrazioni di questo tour autoguidato di Pompei. Una delle case più grandi di Pompei, è un altro esempio delle case tentacolari che i ricchi romani costruirono per se stessi.

La Casa dei Vettii apparteneva a due fratelli, A. Vettius Restitutus e A. Vettius Convivia (Vettii è il loro cognome), ex liberti. Due sigilli di bronzo erano situati nella sala anteriore, in cui gli studiosi hanno stabilito che questa era la loro residenza. I fratelli Vettii si arricchirono grazie al commercio. La casa è una delle più grandi di Pompei in quanto si estende su quasi un'intera sezione di un isolato.

A differenza della Casa del Menandro, la Casa dei Vettii prende il nome dai suoi proprietari, Aulo Vettius Conviva e Aulo Vettius Restitutus.

La Casa dei Vettii è particolarmente nota per i suoi affreschi ben conservati. I dodici fregi superstiti raffigurano scene mitologiche, tra cui (ma non limitato a):

  • Punizione del re Ixion per aver tradito Zeus
  • Daedalus e Pasiphae
  • Dioniso alla scoperta di Arianna
  • L'assassinio di Penteo da parte delle seguaci di Dioniso
  • Un piccolo Ercole che strangola i serpenti

Nella porta ci sono molti mosaici, il più famigerato è la figura fallica di Priapo, il dio della fertilità.  Nella storia romana un simbolo di fallo non è maleducazione, è considerato un simbolo fortunato di fertilità e prosperità, a proposito, non è l'unico che vedrai in casa, né in tutta Pompei.

Attraverso l'atrio a destra dell'ingresso della Casa dei Vettii si trova la cucina, completa di pentole poste su un focolare e sono ancora visibili due casseforti.

Questa piccola stanza della Casa dei Vettii è decorata con scene erotiche, murales e arazzi. La cucina e gli alloggi della servitù forniscono uno spaccato intrigante della vita domestica in epoca romana.

  1. Porta Vesuvio

Situato nella parte settentrionale di Pompei e raramente visitato dai turisti, infatti, i gruppi di turisti non ci vanno affatto.

Era una delle porte d'ingresso alla città antica. Le mura difensive dove si trovano i buchi furono provocate dalle catapulte di Silla (è ancora evidente il generale romano che assediò e conquistò Pompei durante la Guerra Sociale nell'89 a.C.

Fuori le mura, ci sono tombe, tra cui quella di un 22enne di nome Vestorio Prisco, un Edile, eletto ufficiale. L'iscrizione afferma che la città ha pagato 2000 sesterzi (moneta romana) per le spese funebri.

sulle pareti interne ci sono murales. Non puoi vederli dall'esterno, ma se allunghi il braccio oltre il muro e fai una foto vedrai un dipinto di un banchetto che si è svolto probabilmente al funerale di Vestorio Prisco.

Sull'altro lato c'è un dipinto di due gladiatori che combattono. Di solito si tenevano spettacoli di gladiatori per onorare persone molto importanti ai loro funerali.

Il motivo per cui Porta Vesuvio è così speciale è che ti troverai in uno dei punti più alti dell'antica città di Pompei. Se vedi un pino marittimo, un pino a forma di ombrello che è cresciuto su uno strato di pietra pomice e ceneri dall'eruzione del 79 d.C., sei nel miglior punto panoramico di Pompei.

Dalla Porta Vesuvio puoi dominare l'intera città e apprezzare non solo ciò che puoi vedere, ma le parti che devono ancora essere scavate. Guardando oltre Pompei, si possono vedere la Penisola Sorrentina e l'isola di Capri.

  1. Casa dei Dioscuri

La Casa dei Dioscuri è senza dubbio uno degli edifici più grandi e decorati di tutta Pompei. Deve il suo nome ad un dipinto rinvenuto vicino all'ingresso, raffigurante i Dioscuri - Castore e Polluce. Oggi il dipinto si trova al Museo Archeologico di Napoli (come nel caso di tutti gli oggetti di valore trovati a Pompei).

Tuttavia, all'interno della Casa dei Dioscuri si possono ancora osservare diversi affreschi colorati raffiguranti scene come:

  • Nascita di Adone
  • Apollo e Dafne
  • Ninfe con neonato Bacco

La Casa dei Dioscuri era in origine diverse piccole case che sono state fuse in una dal suo ricco proprietario. Adoro il modo in cui l'atrio colonnato e i pannelli dipinti nel peristilio aggiungono grandiosità alla Casa dei Dioscuri.

  1. Casa del Fauno

Con 40 stanze, la Casa del Fauno era la più grande e lussuosa di tutte le abitazioni private di Pompei ed è stata costruita nel II secolo a.C. durante il periodo sannitico (200-80 a.c.

Sebbene l'eruzione sia stata devastante, gli strati di cenere che ricoprono la città abbandonata hanno conservato opere d'arte, come i mosaici della Casa del Fauno, che altrimenti sarebbero stati probabilmente distrutti o decaduti a causa del passare del tempo.

La Casa del Fauno prende il nome da una statua in bronzo di 1 metro favolosamente realistica del Fauno danzante (in realtà il dio Pan) trovata nell'impluvium (uno stagno rettangolare poco profondo) nel cortile interno.

Per il suo design elegante e gli incantevoli mosaici, la Casa del Fauno è senza dubbio la più bella residenza privata di Pompei.

La Casa del Fauno conteneva originariamente il famoso mosaico della vittoria di Alessandro Magno sul re persiano Dario. Oggi il mosaico insieme alla statua originale del Fauno si trova nel Museo Archeologico di Napoli.

  1. Casa Del Poeta Tragico

La Casa del Poeta Tragico è sicuramente una delle più affascinanti ed enigmatiche di tutte le case di Pompei. Non è affatto notevole per le sue dimensioni, ma i suoi interni contengono alcuni dei più bei mosaici di tutta Pompei.

Infatti, la Casa Del Poeta Tragico in stile atrio prende il nome da un mosaico, ora al Museo Archeologico di Napoli, che raffigura una prova teatrale. La Casa del Poeta Tragico offre ancora una volta una piccola finestra sulla vita quotidiana degli abitanti di Pompei.

Si sa molto poco dei proprietari della Casa Del Poeta Tragico, il che aumenta ulteriormente il suo mistero. Sebbene tutti i mosaici della Casa Del Poeta Tragico siano interessanti, il mio preferito è un mosaico trovato sul pavimento del vestibolo (ingresso). Raffigura un cane incatenato e l'iscrizione "cave canem" ("Attenti al cane").

  1. Necropoli

Finalmente ci avventuriamo fuori dalle mura della città di Pompei. Sulla strada per la Villa dei Misteri, camminerai lungo la Via delle Tombe. È fiancheggiata da monumenti funebri e lapidi degli illustri cittadini di Pompei. È una passeggiata molto panoramica, soprattutto perché solo pochi visitatori trovano la loro strada nella "periferia di Pompei".

  1. Pompei villa dei Misteri

Abbiamo riservato il meglio per ultimo, o quasi. A Pompei la Villa dei Misteri è una delle case più famose del parco archeologico. Situata a circa un chilometro fuori dalle mura della città, la Villa dei Misteri offre un tranquillo sollievo dalle strade trafficate di Pompei.

Una struttura originale con un labirinto di stanze e cortili risalenti al III secolo a.C., è sicuramente la meglio conservata di tutte le dimore sontuose di Pompei.

Pompei Villa dei Misteri è così chiamata perché contiene un noto ciclo di affreschi con 29 figure a grandezza naturale dai colori vivaci su uno sfondo rosso, che raffigurano l'iniziazione di una sposa al culto segreto di Bacco (Dioniso), il dio greco del vino.

Sebbene ricoperta di cenere, la villa subì solo lievi danni durante l'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. e la maggior parte delle sue pareti, soffitti e soprattutto dei suoi affreschi sopravvissero in gran parte intatti.

Con uno sfondo rosso intenso, gli affreschi della Villa dei Misteri sono particolarmente suggestivi. Anche le terrazze e i giardini dell'opulenta villa sono impressionanti.

Durante gli scavi della Villa è stato scoperto un torchio che è stato riportato alla sua posizione originaria. Non era raro che le case dei più ricchi includessero aree per la produzione di vino, olio d'oliva o altri prodotti agricoli, soprattutto perché molti romani d'élite possedevano terreni agricoli o frutteti nelle immediate vicinanze delle loro ville.

Da qui puoi uscire dal parco, ma ti consigliamo di tornare a piedi per visitare l'Antiquarium all'uscita.

  1. Antiquarium (Museo)

Sebbene la maggior parte delle persone sia incline a visitare l'Antiquarium mentre entra, consiglierei di vederlo alla fine della tua visita a Pompei.

Nell'Antiquarium sono esposti una serie di manufatti trovati nelle rovine della città che erano troppo fragili per essere lasciati nella loro posizione originale. Ci sono anche informazioni sullo scavo e un filmato informativo per legare tutto insieme.

Una cosa da controllare è l'armadietto pieno di lettere di scuse di persone che hanno rubato oggetti da Pompei. Si ritiene che prendere cose da Pompei porti sfortuna. Le lettere sono persone che chiedono perdono, poiché hanno avuto sfortuna da quando hanno rubato gli oggetti. Alcune persone credevano addirittura che gli oggetti presi da Pompei causassero la morte di familiari e animali domestici.

Suggerimenti per visitare Pompei

  1. Può fare un caldo torrido in Campania e nelle giornate più calde di luglio e agosto le temperature si avvicinano ai 40 ° C. C'è pochissima ombra a Pompei, quindi se visiti Pompei in estate indossa un cappello, porta una crema solare e assicurati di avere con te molta acqua da bere.
  2. Ti consigliamo di indossare scarpe comode e comode poiché il terreno a Pompei di solito è irregolare e c’è molto da camminare.
  3. Quando visiti Pompei, tieni presente che non sempre tutto il sito è aperto. Inevitabilmente una o più delle principali attrazioni potrebbero essere chiuse per restauro. Gli scavi sono ancora in corso e periodicamente vengono effettuate nuove scoperte.
  4. Se hai deciso di visitare Pompei in un giorno, l'opzione migliore per mangiare è portarsi il cibo da casa. Non ci sono ristoranti o caffè all'interno del Parco Archeologico di Pompei. In alternativa, puoi anche prendere del cibo e delle bevande da uno dei numerosi caffè lungo la strada nei pressi del Parco Archeologico.

Il viaggio continua alla scoperta del Parco Archeologico di Ercolano.

Ti è piaciuto leggere cosa puoi vedere nel Parco archeologico di Pompei?
Allora salvalo su Pinterest e rileggilo con calma più tardi:
Parco Archeologico di Pompei