PleinAir

Turismo En Plein Air: a settembre la festa, a ottobre il giubileo

Turismo En Plein Air: a settembre la festa, a ottobre il giubileo

Salve inguaribili viaggiatori
La Festa Nazionale del PleinAir, che quest’anno è avvenuta il 24 e il 25 settembre, è un incontro diffuso organizzato dall’Associazione dei Paesi Bandiera Arancione e dalla rivista PleinAir. Per ciascuna delle località aderenti all’iniziativa sono indicati il tipo di struttura predisposto per la sosta e il relativo indirizzo, il numero massimo di veicoli ammessi, i recapiti per le prenotazioni, l’indicazione delle attività previste (ove comunicate) e la possibilità di accogliere anche equipaggi in auto più caravan.

Quella che viene presentata En Plein Air è una grande panoramica sull’Italia disegnata dall’Associazione dei Paesi Bandiera Arancione scegliendo località che custodiscono i valori ambientali, linfa pura per un turismo ricco di motivazioni, aperto alla scoperta e stimolato dallo spirito di conoscenza.

Quasi ottanta di questi paesi hanno partecipato alla Festa Nazionale del PleinAir in programma il 24 e il 25 settembre. La manifestazione, organizzata da PleinAir in stretta collaborazione con l’associazione che ha come simbolo la bandiera arancione, ovvero il Touring Club Italiano, sarà come un marchio che certifica il ruolo dell’abitar viaggiando quale strumento per conoscere il territorio e trovare l’intesa per entrare nelle sue atmosfere. In ogni località i turisti sono arrivati in camper hanno trovato sorprese e perfetta accoglienza. Ogni paese è stato un approdo che potrebbe essere chiamato “località dell’accoglienza”.

PleinAir ringrazia l’Associazione dei Paesi Bandiera Arancione e tutti i Comuni che hanno aderito: la grande festa p probabilmente stata l’anno di nascita di una intesa destinata a diventare sempre più solida.

Il legame tra i Paesi Bandiera Arancione e PleinAir nasce da una consolidata unità d’intenti e di consapevolezza nel valorizzare e nel gustare le bellezze della nostra Italia e del suo entroterra di qualità. L’evento costruito e condiviso con Raffaele Jannucci ha ottenuto in questi anni l’approvazione e il plauso dei partecipanti, invitati dalla rivista a visitare tanti piccoli “gioielli”, accompagnati dalla genuina ospitalità di amministratori e volontari.

MA le giornate non finiscono qui: l’invito degli organizzatori è quello di far rivivere questo evento anche nelle settimane successive, perché i Paesi Bandiera Arancione sono mete uniche, visitabili tutto l’anno, dove la vita quotidiana è dettata dai ritmi lenti della natura e del lavoro.

Luoghi che trasmettono colori, profumi e paesaggi anche completamente diversi nelle quattro stagioni. Turisti sostenibili, quindi, per città sostenibili.

Il futuro del turismo passa anche da qui.

L’inguaribile viaggiatore Modestino Picariello
inguaribile.viaggiatore(at)yahoo.it