Palmanova Friuli Venezia Giulia
La città stellata di Palmanova

La città stellata di Palmanova

L’Italia ha tante località da visitare che permettono ai turisti di divertirsi e rilassarsi allo stesso tempo, oggi andiamo a Palmanova, una delle città rinascimentali italiane per antonomasia, considerata "La città perfetta".

Infatti, a differenza di molte altre, Palmanova è stata progettata dall'inizio alla fine da Vincenzo Scamozzi, famoso architetto e artista che ha ideato sia il design delle sue strade che degli edifici che le compongono.

Palmanova dove si trova

Questa città italiana si trova nella provincia di Udine, a nord-est dell'Italia. Probabilmente la città vicina più conosciuta è Venezia, a circa 120 km a sud ovest della città ideale di Palmanova. Anche Trieste è molto vicina, 55 km ad sud-est.

Palmanova fa parte della regione Friuli-Venezia Giulia, una parte del paese caratterizzata dalla sua varietà di paesaggi e climi. Tieni presente che siamo ad un passo dall'Adriatico, con un piacevole clima mediterraneo, ma anche molto vicini alle Alpi con il suo clima continentale. Siamo quindi in una regione ricca di contrasti, perfetta per un viaggio itinerante che ci piace tanto.

Palmanova storia

Per capire come è nata questa città, dobbiamo prima conoscere tutto il pensiero della società rinascimentale. Dopo un periodo di "oscurità" artistica come il Medioevo (in cui le città erano caratterizzate da strade strette e intricate), nel XV secolo i grandi artisti e intellettuali iniziarono un nuovo movimento che cerca forme geometriche, ordine e bellezza.

Oggi il livello di pianificazione di questa città è quasi incredibile. Infatti fu addirittura segnata la data esatta di nascita: 7 ottobre 1593, questa scelta non è stata casuale, ma è dovuta alla coincidenza in questa giornata di due momenti chiave per la Repubblica di Venezia. Da un lato la festa di Santa Giustina, martire padovana e patrona della città. Dall'altra l'anniversario della vittoria contro i turchi nella battaglia di Lepanto nel 1571 (22 anni prima della fondazione della città).

Cosa rende Palmanova unica?

Se questa città è famosa per qualcosa, è senza dubbio per la sua forma a stella. Il modo più chiaro per vedere la perfezione geometrica di questa città è vedere Palmanova dall'alto e così si può apprezzare chiaramente la sua forma stellata e le sue strade dritte, che convergono in una grande piazza esagonale al centro esatto della fortificazione.

Tutto il disegno della città risponde a ragioni difensive, cosa molto importante in quel periodo di guerre e rivolte. La sua forma poligonale consente il fuoco incrociato, molto importante quando si difende la città in caso di attacco. Le sue spesse mura e gli edifici bassi (non visibili dall'esterno) proteggono la sua popolazione.

Il suo ottimo stato di conservazione, insieme a tutte queste particolari caratteristiche, hanno reso Palmanova degna del titolo di Patrimonio dell'Umanità dall’Unesco.

Palmanova cosa vedere: le porte d’accesso

Ora che sappiamo qualcosa in più sulla città di Palmanova, possiamo iniziare a visitarla. Per accedere all'interno della città medievale dovremo attraversare una delle tre porte della fortezza.

La più antica è la Porta Aquileia (o Marittima), situata a sud della città. Questa porta, coronata da due rotoli che circondano il corpo di guardia, si caratterizza per essere la più decorata delle tre. Sotto il fregio, gli scudi dei primi nobili della città completano la decorazione della porta. Prova a immaginare un grande Leone di San Marcos scolpito nella pietra sotto la garitta. Non è fantastico? Sfortunatamente, l'esercito di Napoleone lo abbatté quando raggiunse Palmanova nel 1797.

A nord-est troviamo la Porta Cividale, un accesso costruito in pietra bianca e grigia, di aspetto più robusto degli altri due. Ai lati della porta, due torrette di guardia unite da una balaustra rafforzano la sicurezza di questo ingresso.

Di fronte ad essa, sul lato sud-ovest della città, si trova la Porta Udine, molto simile alla precedente (infatti, furono costruite contemporaneamente). Dai uno sguardo al piedistallo conservato tra i due obelischi e prova ad immaginare un imponente Leone di San Marco (simbolo di Venezia) su di esso. Fate attenzione anche alle due ruote per spostare il ponte levatoio (ancora conservato), e immaginate quanto sarebbe sembrata inespugnabile la città a quel tempo.

Qualunque porta tu scelga, non esitare a girarti e osservarla dall'interno. In contrasto con le accurate finiture esterne, questa parte è caratterizzata da un'estetica molh2to più semplice e funzionale, incentrata sulle esigenze militari.

Palmanova Piazza Grande

Una volta all'interno della fortezza, una qualsiasi delle strade ci porterà direttamente in Piazza Grande, epicentro di Palmanova, ed una delle cose da vedere assolutissimamente. Il nome non è casuale, poiché le dimensioni di questa piazza sono impressionanti. È anche curioso che non sia un quadrato tondo come siamo abituati, ma ottagonale.

Qui si trovano gli edifici più importanti della città, come il Duomo, il Museo Civico Storico, il Palazzo Comunale, il Museo Storico Militare o la Chiesa Arcipretale, motivo per cui è un punto imprescindibile nella visita di questo piccolo paese. Divertiti seduto su una delle terrazze che occupano la piazza e ricarica le batterie circondato da secoli di storia.

Palmanova cosa vedere: il Duomo

Come non può essere altrimenti, il Duomo di Palmanova (o Chiesa del Santissimo Redentore), era il centro religioso della città. Questo edificio, dei primi del Seicento, è costituito da un unico piano.

L'elegante facciata, in pietra bianca e grigia, presenta le statue dei protettori della città: il Santissimo Redentore (al centro) insieme a San Marco e Santa Giustina, su entrambi i lati. Sopra di esse, a coronamento del tutto, ritroviamo il leone di San Marcos, che mostra la prevalenza a Palmanova del potere politico e militare sul potere religioso.

Una cosa che potrebbe attirare l'attenzione è l'altezza del campanile, molto bassa rispetto all'altezza del Duomo. Vuoi sapere il motivo? Come abbiamo già visto, a Palmanova è stato studiato ogni dettaglio nella costruzione di questa grande fortezza. La sicurezza e la difesa della città erano fondamentali, così si decise di costruire un campanile che non fosse visibile dall'esterno delle mura, poiché poteva essere utilizzato come punto di riferimento in caso di possibili attacchi.

Non restare fuori ed entra in Duomo. Entrando nell'interno, sorprende il candore delle sue pareti, che mette in risalto solo la bellezza e il colore degli affreschi e delle pale d'altare che decorano l'altare e le cappelle. Attenzione al bellissimo organo e al pulpito sospeso, entrambi decorati in modo molto elegante e delicato.

Nonostante le piccole dimensioni di Palmanova, la città aveva altre due chiese più piccole: quella di San Francisco (utilizzata per scopi militari durante l'occupazione francese) e quella della Natività della Vergine (utilizzata contemporaneamente come magazzino, senza da allora hanno recuperato il culto).

Museo Civico Storico e Museo Militare

Tornando in piazza possiamo visitare il Museo Civico Storico, realizzato grazie al generoso contributo dei residenti della città. In essa sono esposte armi, divise militari, monete e documenti che fanno menzione di Palmanova, tutti riportati cronologicamente dalla fondazione della città alla prima guerra mondiale. Per mostrare più chiaramente l'evoluzione della fortezza, si distinguono quattro periodi principali: il veneziano, il francese, l'austriaco e l'italiano.

Possiamo anche visitare il Museo Militare, suddiviso in tre diversi edifici: il Palazzo del Governatore dell'Armi (ex sede dell'autorità militare e dell'armeria durante il periodo veneziano, dove sono esposti diversi reperti legati alla storia di Palmanova), il Dongione (la parte alta della Porta Cividale, dove sono esposti documenti, armi e divise dei vari eserciti, permettendo al visitatore di approfondire la conoscenza delle rocche, delle macchine da guerra ...) e la zona delle mura, dove si possono visitare vari in loco elementi di fortificazione per comprendere meglio le difese che la città aveva.

La Palmanova sotterranea

Se le piccole dimensioni della città lasciano desiderare di più, non dimenticare che puoi visitare anche la Palmanova sotterranea, composta da 4 km di gallerie d'epoca veneziana.

Queste gallerie servivano per unire i vari settori della fortificazione per garantire il transito dei soldati da un luogo all'altro e per aumentare la protezione della città. Inoltre, ci sono altre gallerie che collegano l'interno di Palmanova con l'esterno, sia per garantire l'ingresso e l'uscita dell'acqua necessaria all'interno sia per poter uscire se necessario.

Tieni presente che queste visite non vengono effettuate dal 100% delle gallerie, ma da quelle annesse al Museo Militare e sempre accompagnate da una guida.

Altre attrazioni di Palmanova

Oltre a questi edifici, Palmanova ha numerosi palazzi veneziani di grande bellezza e altri edifici pieni di storia, quindi è assolutamente consigliabile tenere gli occhi aperti mentre si cammina per le sue strade per non perdere un solo dettaglio della bellezza della città. Città perfetta del Rinascimento.

Possiamo anche conoscere le polveriere, sia quella napoleonica (di forma rettangolare, costruita nel 1810, oggi ospita varie mostre temporanee) che quella veneziana (il primo edificio della città, del 1595, a pianta quadrata)

Una volta terminata la parte storico-artistica, potete dedicarvi un po’ allo shopping e recarvi presso il Palmanova Outlet village, dove 90 spacci aziendali delle migliori marche italiane e straniere vi aspettano con sconti fino al 70%.

Alla prossima meta.
inguaribile.viaggiatore(at)yahoo.it

SCHEDA TECNICA PALMANOVA

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Turistico di Palmanova
Borgo Udine 4 – 33057 Palmanova (UD)
Tel/fax: 0432 924815
E-mail: [email protected]

Siti Web:
Ufficio Turistico di Palmanova: www.palmanova.it

Come si raggiunge:
In auto:
Autostrada A4 (Venezia-Trieste) Uscita Palmanova.
In treno:
linea ferroviaria Udine - Cervignano del Friuli.
In Aereo:
L’aeroporto più vicino è l’Aeroporto di Ronchi dei Legionari (35 Km.)
Distanze: Roma 633 Km, Milano 367 Km, Venezia 115 Km (fonte Google Maps)

Spero ti sia piaciuta la mia guida di viaggio su Palmanova e non dimenticare di aggiungere questa guida alla tua bacheca Pinterest.
La città stellata di Palmanova