Palermo cosa vedere

Palermo : il capoluogo della trinacria

Cosa vedere a Palermo

A Palermo abbiamo trovato una città che è un mix di affascinanti influenze grazie alla sua posizione al crocevia del Mediterraneo (e dei suoi numerosi occupanti) e una città con cibo straordinario, persone amichevoli e una storia culturale e religiosa che risale a millenni fa.

Palermo è eclettica, rumorosa e squallida in alcuni posti, eppure è esotica e inebriante. Una città di contrasti e molti sapori, circondata da paesaggi meravigliosi e ricca di architetture straordinarie. Trasuda fascino da ogni angolo.

È sicuro dire che è stata molto più di una piacevole sorpresa. Se ti stai chiedendo cosa fare a Palermo come se fossimo noi, ecco alcuni dei luoghi divertenti e delle esperienze che abbiamo scoperto che dovete assolutissimamente vedere a Palermo.

Visita la Cattedrale di Palermo

Palermo è una città piena di grandiose chiese ma nessuna più grandiosa della Cattedrale di Palermo. Originariamente costruito nel 1185, la Cattedrale di Palermo è stata nel corso degli anni ampliata, restaurata e ristrutturata secondo lo stile dell'epoca e l'estetica dei preposti.

Centinaia di anni di cambiamenti rendono lo stile della la Cattedrale di Palermo unico, dal moresco al gotico catalano e molto in mezzo.

All'interno della cattedrale si trovano diverse tombe reali, tra cui quella di Ruggero II, fondatore del Regno d'Italia. Il tesoro ospita una collezione di gioielli e reliquie religiose, in particolare una corona tempestata di gemme del XIII secolo.

A causa della sua architettura che sposa influenze occidentali, bizantine e islamiche, la Cattedrale di Palermo è stata dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO insieme alle cattedrali di Cefalù e Monreale, alla Chiesa di San Giovanni degli Eremiti, alla Cappella Palatina e altre.

La Cattedrale è aperta dal lunedì al sabato dalle 9:00 alle 17:30 (marzo - ottobre), solo fino alle 13:00 in novembre-febbraio. La domenica è possibile visitare le Tombe Reali solo dalle 9:00 alle 13:00. È meglio andare prima per evitare la folla.

L'ingresso è gratuito per chi visita solo la chiesa, e € 10 se si desidera visitare le tombe, il tesoro, le cripte e la terrazza (che ha le migliori viste su Palermo). È anche possibile acquistare i biglietti separatamente solo se non desideri visitare tutte le aree (ad esempio puoi visitare solo il tetto per € 5 - nota che è una salita di circa 100 scalini stretti).

Palermo cosa vedere : i mercati locali

C'è qualcosa di mistico nei mercati di Palermo. L'energia è contagiosa, gli odori sono appetitosi e i colori sono deliziosi. Inoltre, visitare un mercato ti mostra un autentico spaccato di vita.

I mercati alimentari all'aperto di Palermo sembrano un mondo a sé stante. Il caos, la folla, i fischi e la claustrofobia sono tutti elementi essenziali di ciò che rende assolutamente essenziale una visita ad almeno uno dei mercati di Palermo durante la tua visita. La gamma di prodotti freschi e locali offerti è una festa per i sensi, ed è solo un modo sorprendentemente meraviglioso per trascorrere un'ora o due.

Se non sei ancora stato in grado di viaggiare fuori dall'Europa, i tuoi occhi saranno aperti e i tuoi sensi saranno trattati per un'ora o due esplorando le bancarelle qui.

I tre mercati principali di Palermo sono Ballarò, Capo e Vucciria, ciascuno a circa 15 minuti a piedi dagli altri nel centro della città e sono generalmente aperti dalle 7:00 alle 20:00 dal lunedì al sabato, ma chiudono alle 13:00 il mercoledì.

Mercato Ballarò

Il mercato alimentare più più grande, il più antico e il più famoso della città, il mercato Ballarò accoglie ogni giorno migliaia di locali e turisti.

Attraversando diverse strade in un quartiere centrale povero, trascurato e diversificato, il mercato Ballarò è così lontano dall'essere un mercato per turisti che in realtà è diventato più popolare tra i turisti desiderosi di dare una sbirciatina all'autenticità siciliana.

Sentirai molti dei venditori ambulanti, che cercano di essere ascoltati tra il fumo e gli sfrigolio, gridando in modo abbastanza melodico. Questo si chiama ' abbaniate ', ed è un modo per attirare l'attenzione sui tuoi beni!

Ricco di spezie, prodotti freschi e carni, e tanto cibo da strada siciliano, una visita al mercato Ballarò è una delle cose migliori da fare a Palermo. Scegli questo se hai solo il tempo di visitare un mercato durante il tuo viaggio.

Mercato del Capo

La particolarità del mercato del Capo è il numero dei cuochi. Troverai un'ampia selezione di prodotti interessanti e ci sono anche molte persone che aspettano solo di aiutarti a provare più street food o per cucinare il pesce o la carne che hai acquistato in alcune bancarelle. È un ottimo posto per assaggiare.

Abbinalo a una sosta al vicino Teatro Massimo, uno dei teatri d'opera più grandi d'Europa e luogo delle riprese delle scene finali del Padrino III.

Mercato della Vucciria

Un po' più tranquillo di Ballarò, il mercato della Vucciria si estende per le vie laterali intorno a Piazza San Domenico. Ci sono molte bancarelle di prodotti in tenda con la necessaria selezione di frutta e verdura, anche se il gruppo di venditori desiderosi è notevolmente più piccolo. Troverai anche un sacco di mercanzia tipo mercatino delle pulci qui, se stai cercando tesori siciliani.

Prova lo street food palermitano

Ci sono pochi modi migliori per vivere una città che provare il suo cibo. In una visita a Palermo, lo street food è la strada da percorrere.

Per le strade e le bancarelle di Palermo potrai riempirti la pancia ogni giorno - completamente senza sensi di colpa - perché mangiare cibo da strada è letteralmente un'attività culturale essenziale mentre sei in città. E anche molto economica, poiché le specialità molto apprezzate sono semplici, senza pretese e poco costose a causa delle loro radici come alimenti base dei poveri.

L'area all'interno e intorno ai tre mercati della città brulica di venditori ai chioschi e carri che vendono alcuni degli articoli più gustosi in circolazione. Non lasciarti dissuadere dal fatto che alcuni dei luoghi potrebbero sembrare un po' grezzi: generazioni di siciliani giurano sui luoghi.

Quando si tratta di cibo da strada, più grasso è, meglio è. Si possono provare le panelle (frittelle con farina di ceci), le crocchette di patate dette crocche o le polpette di riso fritte dette aracine. Il nostro preferito era lo sfincione, un pane siciliano denso, condito con pomodori, cipolle e un po' di origano. Se ti senti molto più avventuroso di noi, prova lo street food siciliano noto come Pani ca' Meusa, o un panino alla milza.

Suggerimento | Dalla nostra esperienza, lo standard del cibo di strada può variare enormemente da bancarella a bancarella e da carrello a carrello. Quindi, se addentate il vostro primo sfincione e ha il sapore di un regalo del cielo, prendete nota di dove lo avete comprato (o compratene subito un altro).

Anche se non è propriamente uno street food, perché mentre siete a Palermo, non ne approfittate per assaggiare la Cassata siciliana

Vedi Martorana e Chiesa di San Cataldo

Affacciate su Piazza Bellini ci sono due chiese una accanto all'altra che non potrebbero essere più diverse.

Da un lato si trova la chiesa detta La Martorana (alias Santa Maria dell'Ammiraglio). Questa opera d'arte, costruita nel 1100, è una miscela di stili a causa di diverse influenze e gusti mutevoli nel corso dei secoli.

È difficile decidere quali caratteristiche attirino di più l'attenzione: la facciata barocca, il campanile romanico o la cupola bizantina.

Il mio voto per la sua caratteristica più notevole va agli interni. Una serie di mosaici del XII secolo con oro e blu brillante rivestono le volte e le colonne nel modo più drammatico, conducendo all'altare in marmo scolpito.

La bellezza è ben nota in tutta la Sicilia: non c'era quasi un momento durante la nostra visita in cui non fosse occupato da un matrimonio o da un'altra funzione speciale.

Accanto, la Chiesa di San Cataldo è in netto confronto. Costruita anch'essa intorno al 1160, questa chiesa è più piccola e semplice.

Una volta ha preso il posto dell'ufficio postale locale, il che potrebbe aiutare a spiegare la sua mancanza di decorazioni. Progettato in stile arabo-normanno e sormontato da tre cupole rosse, le sue pareti sono nude ma il pavimento è un bellissimo mosaico.

Palermo cosa vedere : l’incrocio Quattro Canti

L'incrocio più famoso di Palermo, Quattro Canti è situato all'incrocio delle due strade principali di Palermo, ed è abbastanza bello che anche se il suo scopo principale è ancora quello di essere un incrocio funzionante (auto e vespe si intrecciano tra i turisti sbalorditi), è merita una visita.

Girovagando per le vie della città, ci siamo imbattuti in Quattro Canti per caso. Avevamo fretta di raggiungere un'altra attrazione, ma sono rimasto così sbalordito dalle fontane e dalle sculture che sorgevano intorno a noi che ho fatto fermare Lance e fissarlo per alcuni minuti.

La piazza aperta barocca, propriamente detta Piazza Vigliena, risale ai primi del 1600 e si trova all'incrocio di due grandi vie nel cuore della città.

A ciascuno dei quattro angoli dei Quattro Canti, una facciata a quattro piani è ornata da fontane che celebrano le stagioni, e i quattro re spagnoli di Sicilia e le patrone di Palermo guardano con attenzione dalle nicchie delle pareti.

È una breve ma utile sosta che ti fa sentire come se fossi entrato nel Rinascimento.

Passeggia per via Vittorio Emanuele

L'antica strada corre trionfalmente in una linea perfettamente dritta per quasi due miglia dal mare e da Porto Felice a Porta Nuova, e racchiude gran parte delle principali attrazioni che vi suggeriamo di vedere a Palermo, dal porto alle preghiere e ai palazzi.

Mentre esploravamo il centro storico di Palermo in modo piuttosto senza meta - fermandoci per un espresso al banco, scattando foto di vecchie insegne fresche, andando a sinistra invece che a destra - abbiamo incrociato molte volte via Vittoria Emanuele.

Questa è l'arteria attorno alla quale si è formata la città, che la mantiene in funzione.

E così, semplicemente partire per percorrerla da un punto all'altro, o diffondersi nelle sue strade laterali e nelle sue propaggini quando la fantasia ti prende, è un modo davvero carino per vedere Palermo il tuo primo o secondo giorno.

Ad un certo punto passerai davanti al famoso incrocio dei Quattro Canti e alla fine verrai portato alla cattedrale e al palazzo, ma forse potrai anche trovare la tua nuova vecchia boutique o panetteria preferita o l'enclave della città. Oppure imbattersi in un ristorante in cui tornare la sera.

Palermo cosa vedere l'arte di strada

Negli ultimi anni la street art è diventata davvero una forma d'arte a Palermo. Non più percepita come vandalismo o atto puramente politico, la street art non solo è accettata ma è incoraggiata in alcune parti della città.

Sia gli imprenditori che il governo hanno visto come l'aggiunta di murales stradali può trasformare un'area precedentemente in rovina o abbandonata in una galleria all'aperto.

Ora ci sono quasi 300 opere di street art in città, quindi non è difficile trovarle nel centro della città. Abbiamo incontrato molti lavori intorno ai mercati del Capo e della Vucciria.

Lasciati stupire dalla Cappella Palatina

Palazzo dei Normanni fu costruito nel 1130 sul sito di un castello arabo. La caratteristica più impressionante del palazzo è la fiammeggiante Cappella Palatina creata dal monarca normanno Ruggero II.

Anche a quasi 900 anni, la Cappella Palatina non ha perso il suo splendore ed è una delle migliori opere d'arte e architettura bizantine sopravvissute in Europa.

La Cappella Palatina è ricoperta di mosaici dai colori vivaci ricoperti di foglia d'oro e intarsiati di pietre preziose.

Oltre ai mosaici raffiguranti Gesù e ai racconti dell'Antico Testamento, le pareti e il pavimento sono intarsiati di marmo con motivi che hanno una chiara influenza islamica. Dal pavimento al soffitto, c'è qualcosa di straordinario in quasi ogni centimetro quadrato della stanza. È sicuramente una delle cose più belle da vedere a Palermo.

Assaggiate il gelato con la brioche

Il gelato è senza dubbio una delle migliori prelibatezze della terraferma italiana, e questo non cambia quando visiti Palermo.

Una distinzione insolita, però, è come i siciliani mangiano il loro gelato. Certo, puoi trovarlo in un cono o in una coppa come altrove, ma il modo preferito è mangiare il gelato in una brioche. Inizialmente, non sembrava così delizioso. Ma poi l'abbiamo provato e ci siamo completamente convertiti.

Assicurati di scegliere saggiamente la tua gelateria. Cerca i colori naturali (non pazzi) come segno di qualità: un posto con un'insegna che dice "gelato artigianale" (gelato artigianale) di solito è una buona scommessa.

Visita San Giovanni degli Eremiti

Situata vicino al palazzo reale e famosa per la sua cupola rossa brillante, la Chiesa di San Giovanni degli Eremiti è uno dei miei luoghi preferiti da vedere a Palermo. Mi è piaciuto passare un po' di tempo nel suo bellissimo giardino! È un'oasi di tranquillità nella frenetica Palermo. 

Con le sue caratteristiche cupole rosse, San Giovanni degli Eremiti attira sicuramente l'attenzione. La piccola chiesa risale al VI secolo e, come molti altri luoghi della città, è stata sia una chiesa che una moschea.

Anche come altri siti della sua notevole età, l'edificio è stato modificato e influenzato da molti stili e culture architettoniche, guadagnandosi un posto tra le chiese della Sicilia settentrionale riconosciute dall'UNESCO.

Il cortile è davvero il punto forte della Chiesa di San Giovanni degli Eremiti: con i suoi archi, i resti di un pozzo arabo e le piante abbondanti, sembra quasi un giardino segreto.

Palermo cosa vedere : la Fontana Pretoria

Se c'è un posto a Palermo da vedere e che vorresti fotografare da tutte le angolazioni è la splendida Fontana Pretoria, situata proprio nel cuore di Piazza Pretoria.

La fontana Pretoria mostra scale ornamentali e statue elaborate raffiguranti divinità greche, ninfe, teste di animali grottesche e altre figure mitologiche. 

Sorprendentemente, l'enorme creazione della Fontana Pretoria fu realizzata per una villa privata a Firenze e trasportata in questo luogo nel 1574 come rimborso di un debito.

Le statue altamente decorate raffigurano divinità greche antiche tra cui Zeus, Poseidone e Apollo insieme a ninfe, animali e altre figure mitologiche.

Chiesa di Santa Caterina

L'estremità nord di Piazza Pretoria è occupata dall'enorme ala della Chiesa di Santa Caterina, ex convento domenicano. Questo straordinario capolavoro del barocco siciliano del XVI secolo è assolutamente da non perdere a Palermo!

Visitare solo questa chiesa giustificherebbe il tuo intero viaggio a Palermo. Ma non giudicare la chiesa dall'esterno! La vera chicca sono i suoi magnifici interni. A molte persone manca a causa dell'esterno semplice e semplice.

Siamo entrati in chiesa principalmente perché volevamo salire sulla terrazza sul tetto per fotografare Fontana Pretoria, ma non ci aspettavamo che fosse così bella.

 Ci sono molti modelli dettagliati, intarsi in marmo, stucchi e affreschi. Ma la parte più sorprendente della chiesa è la zona dell'altare e il soffitto sopra di essa. 

Scendendo dalla terrazza panoramica, non perdetevi l'ex convento, anch'esso molto interessante. Una volta che vedrai i modesti alloggi delle monache capirai la loro indignazione alla vista delle statue nude attorno alla fontana davanti alla loro chiesa e al loro convento. 

Palermo cosa vedere : il Teatro Massimo

Il Teatro Massimo è impressionante sia all'interno che all'esterno, quindi se hai 30 minuti a disposizione non esitare a fare il tour dietro le quinte. È il più grande teatro d'opera d'Europa ed è l’orgoglio della città!

Il teatro Massimo aveva lo scopo di stupire i visitatori in ogni occasione, a cominciare dal suo aspetto fisico. L'architettura include elementi dei templi greci di Selinunte e Agrigento, e anche solo salendo i ripidi gradini all'esterno, sai che stai visitando un posto speciale.

Il Teatro Massimo organizza regolarmente concerti e spettacoli di opera e balletto. Se non hai tempo per inserirne uno, prendi in considerazione uno dei tour di mezz'ora che vanno dalle 9:30 alle 17:30 tutti i giorni.

Visita le Catacombe del Monastero dei Cappuccini

Le Catacombe di Palermo stanno diventando sempre più famose tra i viaggiatori ogni anno che passa e forniscono una macabra aggiunta agli itinerari tradizionalmente più incentrati su alcune delle cose migliori che la vita può offrire

Per quanto riguarda l'origine, i corpi dei frati cappuccini furono conservati e seppelliti nelle cripte durante i secoli XVII-XIX, principalmente per la mancanza di spazio nei tradizionali luoghi di sepoltura.

Tuttavia, il "servizio" fu infine aperto ai residenti di Palermo e divenne un modo relativamente prestigioso per essere sepolti; infatti qui si trovano circa 2.000 scheletri e corpi mummificati inchiodati alle pareti, seduti su panche, e in una varietà di curiose contorsioni cadaveriche.

La cosa che distingue davvero le catacombe di Palermo dalle altre in Europa è che le famiglie hanno vestito i loro cari (cambiando spesso i loro abiti durante l'anno) e gli scheletri continuano a indossare questi abiti.

Alle Catacombe dei Cappuccini, oltre 8000 corpi mummificati sono esposti su scaffali e appesi alle pareti. È sicuramente un'attrazione insolita, che riflette la convinzione dei monaci nella natura temporanea della vita seguita dalla salvezza in Paradiso. Si noti che le catacombe sono chiuse per due ore nel pomeriggio e hanno un orario limitato la domenica.

Sebbene tutti noi visitiamo le catacombe per curiosità, tieni presente che è ancora un luogo di riposo per migliaia di persone. Inoltre, la fotografia è vietata e dovresti rispettare questa regola (motivo per cui non abbiamo foto).

Passeggia per Porta Nuova

Proprio accanto al Palazzo dei Normanni si trova la Porta Nuova. La porta monumentale della città è l'ingresso del Cassaro, la via più antica della città.

Porta Nuova è una delle poche porte cittadine rimaste a Palermo e si apre proprio su Cassaro, la strada principale di Palermo, per così dire (la Cattedrale di Palermo è solo una breve passeggiata lungo la strada, ad esempio ).

Costruita per la prima volta nel 1583, Porta Nuova è difficile da perdere perché si trova al centro della zona turistica. Fermati un minuto per ammirare le incisioni mentre cammini.

È facile fermarsi a Porta Nuova e non ci vuole molto per vederlo: assicurati di aggiungerlo alla tua lista quando decidi cosa vedere a Palermo!

Visita la spiaggia di Mondello

A soli 15 minuti a nord della città, troverai la spiaggia di Mondello, il luogo ideale per rilassarsi e godersi il Mediterraneo in una calda giornata.

Sappi solo che durante l'estate la spiaggia di Mondello diventa super, super affollato, incluso l'autobus che la maggior parte di voi utilizzerà per arrivarci

Vedere il Duomo di Monreale

Un'altra attrazione da non perdere a Palermo è la bellissima Cattedrale di Monreale, a breve distanza dalla città alle pendici del Monte Caputo.

Adagiata su una collina a soli 15 km dalla città si trova Monreale, sede della straordinaria Cattedrale di Monreale del XII secolo. I massicci mosaici all'interno sono simili a quelli della Cappella Palatina solo molto, molto più grandi.

La cattedrale arabo-normanna di Monreale ha 130 scene musive, 200 colonne scolpite e l'imponente mosaico alto 65 piedi del Cristo Pantocratore (Cristo Onnipotente) sopra l'altare. Gran parte del mosaico è ricoperto d'oro: gli esperti ne stimano fino a 5000 libbre.

L'interno della cattedrale di Monreale è a croce latina a tre navate, divise da colonne marmoree. Le pareti sono decorate con mosaici raffiguranti storie dell'Antico e del Nuovo Testamento.

Anche se di solito non sei colpito dalle chiese, questa merita una sosta. Dopo la tua visita, gironzola per le strade e prendi un caffè o uno dei tanti succhi di frutta freschi negli stand e nei caffè della città. La corsa in autobus è di circa 35 minuti.

Passeggia per le strade di Cefalù

Un facile viaggio in treno di 50 minuti da Palermo ti depositerà nella splendida città di Cefalù. Visita la spiaggia, pranza in riva al mare o passeggia per le strade tortuose. Da non perdere anche la Cattedrale di Cefalù, patrimonio mondiale dell'UNESCO. È quasi altrettanto interessante dall'esterno quanto lo è dall'interno. Se ti senti particolarmente avventuroso, sali sulla collina per viste panoramiche.

Maggiori informazioni su cosa vedere a Cefalù le trovate nell’articolo www.inguaribileviaggiatore.it/cefalu/

Come arrivare a Palermo dall'Aeroporto di Palermo

L'aeroporto di Palermo (ufficialmente chiamato Aeroporto Falcone-Borsellino) si trova a 35 km fuori città ed è un hub per la maggior parte delle rotte aeree in entrata e in uscita dall'isola. La buona notizia è che sia il bus navetta che il treno da/per il centro città sono facili, regolari, comodi e non troppo costosi.

Il treno dall'aeroporto a Palermo Centrale costa circa 5,90 euro a persona, con un tempo di percorrenza di poco meno di un'ora. Se vai in aeroporto da Palermo, la fermata che devi cercare è 'Punta Raisi', che si trova in aeroporto ea un paio di minuti a piedi dal terminal delle partenze. Di solito c'è un treno ogni ora, ma a volte questo aumenta fino a due volte all'ora.

Con frequenza ogni 30 minuti, il servizio di autobus dell'aeroporto parte appena fuori le porte di ingresso dell'aeroporto e scende in vari punti di Palermo, terminando nella nuova stazione degli autobus accanto alla stazione ferroviaria centrale. Il tempo di percorrenza totale tra i due punti è di 45 - 55 minuti a seconda del traffico.

Un biglietto singolo dell'autobus costa 6€, ma puoi avere un biglietto di andata e ritorno per 10€ se prenoti online. I biglietti possono anche essere acquistati presso il loro chiosco in aeroporto con carta o contanti (dalle 8:00 alle 22:30) o a bordo dell'autobus in contanti, anche se è un po' più costoso se acquistati in questo modo.

Noleggio auto

Se Palermo è il punto di partenza per il tuo viaggio in Sicilia (come noi), allora sarai felice di sapere che un'abbondanza di società di autonoleggio locali e internazionali hanno sede all'aeroporto di Palermo. Tuttavia, poiché è un popolare punto di raccolta di autonoleggio, aspettati lunghe code (soprattutto se noleggi con una delle aziende più economiche).

Tutte le società di noleggio hanno i loro veicoli parcheggiati nel parcheggio a pochi passi dall'altra parte della strada dall'ingresso dell'aeroporto (durante le nostre ricerche sul noleggio di un'auto eravamo preoccupati che alcune di loro avessero bus navetta e lunghi tempi di attesa, ma sembra che è cambiato).

Taxi

Il modo più veloce per raggiungere la città, ma anche il più costoso, intorno ai 50 - 60 €. I tassisti in Sicilia hanno una reputazione, non del tutto immeritata, per i costi eccessivi e non consigliamo di prendere un taxi senza prenotazione sull'autobus.

Ci sono anche taxi collettivi che aspettano fuori dall'aeroporto e dalla stazione dei treni, che sono "non ufficiali" e costano € 7 a persona. Ancora una volta, non li raccomandiamo a chi visita la città o per la prima volta in Sicilia.

Dove dormire a Palermo

Quando scegli dove alloggiare a Palermo, la posizione è il fattore più importante: se possibile, ti consigliamo di stare a una distanza comoda a piedi dalla Cattedrale di Palermo e dai Quattro Canti: se sei facilmente in grado di raggiungere a piedi entrambi questi luoghi, ' Potrai raggiungere a piedi quasi tutte le migliori cose da fare a Palermo!

Economico

Il Lapino — Sede di camere semplici (alcune con bagno in comune) e situato a soli 10 minuti a piedi dalla Cattedrale di Palermo, Il Lapino è molto ben recensito ed è un luogo eccellente in cui soggiornare a Palermo per chi ha un budget limitato.

Di fascia media

Ciuri Ciuri B&B — Dotato di camere spaziose, colazione inclusa e una posizione eccellente, i viaggiatori di fascia media non possono sbagliare con un soggiorno al Ciuri Ciuri B&B a Palermo!

Lusso

Palazzo Natoli Boutique Hotel — Vantando recensioni quasi perfette, Palazzo Natoli si trova nel cuore di Palermo, a pochi passi da alcune delle migliori attrazioni della città. Viste del balcone privato, servizio clienti eccezionale e una deliziosa colazione giornaliera sono tutti inclusi qui: se stai cercando il massimo del relax a Palermo, è proprio questo!

Alla prossima meta.
inguaribile.viaggiatore(at)yahoo.it

SCHEDA TECNICA PALERMO

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Informazioni Turistiche di Palermo
Piazza Castelnuovo, 34
90141 Palermo
Tel. 091.6058351 - Fax 091.586338
Orari di apertura: lunedì - venerdì 8.30-14.00 / 14.30 - 18.30
Email: [email protected]

Siti web:
Palermo Tourism: www.palermotourism.com

Distanze: Roma 921 Km, Milano 1473 Km, Venezia 1424 Km (fonte Google Maps)

 

 

Questo articolo contiene link di affiliazione. Tutto ciò non comporta alcun costo aggiuntivo per te, mentre per noi significa ricevere una piccola commissione su qualsiasi tuo acquisto fatto attraverso i nostri link. È un modo per supportare le nostre attività.
Grazie per sostenerci.

Ami viaggiare? Vuoi tornare a farlo in sicurezza? Anche noi e non possiamo pensare ad un viaggio senza preoccuparci di fare un’assicurazione di viaggio per proteggersi da ogni imprevisto che può accadere prima o durante il vostro viaggio, soprattutto in questo periodo in cui spesso le condizioni cambiano velocemente.

Queste sono le compagnie a cui ci rivolgiamo:

  • Frontier Assicurazioni - www.frontierassicurazioni.it

Fai un preventivo gratuito e senza impegno per verificare quale sia la migliore soluzione per te e la tua famiglia.