Matera cosa vedere
Matera cosa vedere nell'antica città rupestre

Matera cosa vedere nell'antica città rupestre

Matera è una straordinaria città che un tempo custodiva così tanto dolore, è forse una delle più affascinanti che abbiamo mai visitato.

Matera è diventata popolare tra i turisti italiani nell'ultimo decennio ma questa antica città rimane relativamente sconosciuta ai visitatori stranieri anche se nei prossimi anni, questo cambierà sicuramente e quindi goditi la possibilità di perderti in una città di improbabile bellezza e tradizione, dove il turismo non ha ancora preso il sopravvento.

Soprattutto d’estate a Matera fa molto caldo, quindi cerca di evitare di camminare troppo a di primo pomeriggio. E, se vuoi vagare per le strade senza molti altri turisti, allora esci alle 7 del mattino come abbiamo fatto noi: la città sarà il tuo museo privato e presto capirai perché questa è una delle nostre cose preferite fare a Matera.

Conosciuta come "La città di pietra" e "La città dei sassi", Matera città è uno spettacolo da vedere. La città è stata letteralmente scavata nella roccia e quando la vedrai per la prima volta da uno dei tanti belvedere, ti sembrerà di essere tornato indietro nel tempo.

Dopotutto, Matera città è il terzo più antico insediamento abitato ininterrottamente al mondo dopo Aleppo e Gerico, il che spiega anche perché è spesso utilizzato per filmare film ambientati in tempi biblici!

A causa della sua somiglianza con Gerusalemme, Matera è stata location per molti film, in gran parte religiosi, nel corso degli anni, in particolare "La passione di Cristo" di Mel Gibson.

Altre apparizioni cinematografiche degne di nota includono "Il Vangelo secondo San Matteo" (1964), "The Nativity Story" (2006) e "Ben-Hur" (2016). La città è apparsa di recente in "Wonder Woman" (2017) e "Mary Magdalene" (2018).

Matera dove si trova

Matera è la città più popolare della Basilicata, una regione dell'Italia meridionale. La Basilicata è uno dei segreti meglio custoditi d'Italia che aspetta di essere scoperta.

Con i suoi pittoreschi villaggi e città lungo la costa spettacolare e le montagne spettacolari, la regione Basilicata rappresenta l'Italia che deve essere scoperta.

Matera è senza dubbio la star della Basilicata. Tuttavia, c'è molto altro da scoprire nella regione.

Matera cosa vedere: Civita

La Civita è la parte più antica di Matera città. Rappresenta il primo insediamento urbano abitato da circa 4000 anni.

Costruita su una collina che domina la Gravina, l'orrido di Matera, la Civita è dominata dall'imponente Duomo, la Cattedrale. Ospita una serie di palazzi spettacolari. Per orientarti facilmente, la Civita è la parte di Matera situata tra i due Sassi.

Matera sassi

I Sassi di Matera sono i due rioni che si estendono su entrambi i lati della Civita. Di fronte a quest'ultimo, possiamo vedere il Sasso Caveoso a sinistra e il Sasso Barisano a destra.

I Sassi di Matera sono famosi per le singolari abitazioni rupestri che sono state abitate sin dal Paleolitico. Formano un paesaggio straordinario e davvero speciale. Questo è il motivo per cui i Sassi godono dello status di patrimonio mondiale dell'UNESCO dal 1993.

Trascorri una giornata vagando per vicoli stretti simili a labirinti, anelli interconnessi e graziosi cortili pieni di cactus verde brillante.

Sali su vecchie scale in pietra per viste spettacolari, scopri una graziosa piazza e sparisci attraverso spettacolari archi per incontrare un mondo che non sembra di questo tempo.

Mentre i Sassi Barisano hanno subito un notevole sviluppo, con vecchie grotte splendidamente ristrutturate per creare splendidi spazi artistici, boutique hotel e ristoranti tradizionali, è nei Sassi Caveoso che si può intravedere un vero scorcio delle vite che sono state vissute qui, non quello molto tempo fa.

A causa di problemi di sicurezza, alcuni sassi sono diventati recentemente inaccessibili ma senza superare le transenne, potete intravedere le grotte, in gran parte incontaminate dagli anni '50, è assolutamente affascinante.

I Sassi sono di grande importanza storica in quanto hanno fatto guadagnare alla città della Basilicata un posto tra le città più antiche del mondo abitate ininterrottamente.

Casalnuovo

Il territorio di Casalnuovo si estende sul versante sinistro del Sasso Caveoso. Questo quartiere fu scavato nella roccia nel XV secolo quando gli albanesi in fuga dalle invasioni ottomane decisero di chiamare Matera casa.

Matera cosa vedere: il Piano

Il Piano di Matera è la parte pianeggiante e più recente del centro storico. Costruita tra il XVII e il XVIII secolo, questa parte della città ricorda in tutto il suo splendore una tipica cittadina italiana.

Per farla breve, se la Civita ed i Sassi rappresentano il palcoscenico impressionante, quasi irreale, che lascia tutti a bocca aperta, il Piano è il vivace backstage dove la vita reale si svolge in modo irresistibilmente affascinante.

Un po' di storia di Matera

Essendo una delle città più antiche del mondo, la storia di Matera è lunga e interessante. Tuttavia, sembra che nessuno ricordi nulla di ciò che è accaduto prima degli anni '50, il punto di svolta nella storia della città che ha avuto un enorme impatto sulla vita della popolazione locale.

Il libro di Carlo Levi “Cristo si è fermato a Eboli” ha sollevato la consapevolezza delle condizioni disperate in cui vivevano le persone e circa la metà dei 30.000 abitanti è stata trasferita in nuove case nella parte moderna della città tra il 1953 e il 1968.

Fino ad allora, quasi 16.000 persone vivevano nelle abitazioni rupestri di Matera. Le condizioni di vita erano dure. Povertà, mancanza di spazio e acqua corrente, nonché focolai di malaria e altre malattie furono tra le ragioni per cui il governo italiano dell'epoca dichiarò Matera una disgrazia nazionale e costrinse tutta la sua popolazione a trasferirsi in case di nuova costruzione ma claustrofobiche.

La città involontariamente abbandonata cadde presto vittima di totale abbandono e deterioramento, trasformandosi da vergogna dell'Italia in una città fantasma e covo per tutti i tipi di criminali.

Le case grotta nella zona di Casalnuovo sembravano molto più squallide negli anni '50 di quanto non siano adesso.

Fortunatamente, tutto questo iniziò a cambiare negli anni '80, quando la città lucana attirò l'attenzione di vari archeologi e altri intellettuali.

L'UNESCO ha segnato la fine della caduta di Matera nel 1993, quando ha conferito alla città lo status di Patrimonio dell'Umanità e ha posto le basi per la rinascita di uno dei luoghi più emozionanti d'Italia.

Al giorno d'oggi, la città lucana vede un rapido sviluppo in quanto diventa gradualmente una delle principali destinazioni turistiche del Sud Italia.

Matera capitale della cultura europea per il 2019 si è lasciata alle spalle le ferite del suo passato e guarda a un meritato e glorioso futuro.

Matera cosa vedere: i nostri consigli

  1. I migliori punti panoramici di Matera

Ogni volta che pianifichiamo un viaggio in un posto nuovo, siamo ansiosi di conoscere in anticipo i suoi migliori punti di vista per non perderli una volta lì. Abbiamo fatto lo stesso con questa città della Basilicata. Tuttavia, si scopre che, in questo caso, fare i compiti in anticipo non era necessario. Matera offre panorami mozzafiato praticamente ovunque. Detto questo, ci sono davvero alcuni punti di vista che la tua fotocamera non vorrebbe perdere.

Uno dei momenti salienti della mia visita a nella cittadina lucana è stato semplicemente girovagare per la città e fermarsi a immergersi nel panorama ogni volta che ci siamo imbattuti in un punto panoramico, e ce n'erano molti!

Questi sono i pungi panoramici che ho apprezzato di più:

  • Piazza Pascoli: questa piazza sarà molto probabilmente il tuo punto di ingresso al centro storico della città. Piazza Pascoli ospita un balcone che offre una vista iconica e da cartolina sul Sasso Caveoso. Onestamente, non ci aspettavamo di avere la migliore vista di Matera così facilmente, senza dover camminare, ma l'abbiamo fatto e ci è piaciuto molto.
  • Belvedere Luigi Guerricchio: Luigi Guerricchio è stato un artista che amava profondamente Matera. Questo splendido belvedere verso il Sasso Barisano in Piazza Vittorio Veneto onora la sua memoria.
  • Piazza Duomo: Il Duomo si trova in uno dei punti più alti di Matera offrendo così una vista spettacolare sulla città, in particolare sul Sasso Barisano.
  • Chiesa di Santa Maria de Idris: sali le scale fino alla chiesa di Santa Maria de Idris per alcuni dei panorami più mozzafiato sul Sasso Caveoso e sul burrone.
  • Chiesa di Sant'Agostino: Il Sasso Barisano da una prospettiva diversa ma altrettanto sorprendente.
  • Murgia Timone: Per una vista panoramica sui Sassi di Matera, attraversare la gola fino all'area della Murgia Timone.

  1. Perditi nelle antiche strade di Matera

Una volta raggiunti i Sassi, lascia la mappa e inizia a camminare senza una meta. Passeggiare per i vicoli stretti e ammirare panorami superbi ad ogni angolo è il modo migliore per cogliere l'essenza di questa città unica. Aspettatevi strade in salita e alcune scale.

  1. Strade Fiorentini e Madonna delle Virtù

Tra le cose da vedere a Matera, partendo da Piazza Vittorio Veneto, percorrendo la pittoresca Via Fiorentini incontri il Sasso Barisano e quest'ultimo ad un certo punto cambia in Via S. Antonio Abate.

Continuate a destra e percorrete tutta Via Madonna delle Virtù. Questa meravigliosa strada, che ha la città dei sassi da un lato e la suggestiva gola dall'altro, attraversa sia il Sasso Barisano che la Civita prima di terminare davanti alla Chiesa di S. Pietro Caveoso nel Sasso Caveoso.

  1. Visita Murgia Timone

Il Parco della Murgia è un'area di selvaggia bellezza che si estende attraverso la gravina. Ospita il Belvedere, un magnifico belvedere nonché il Parco delle Chiese Rupestri che è patrimonio dell'UNESCO insieme ai Sassi di Matera.

I panorami dal Belvedere del centro storico della città lucana sono unici al mondo. Prova ad essere lì al tramonto per un'esperienza quasi irreale.

Oltre ai panorami, Murgia Timone offre anche ottime occasioni per lunghe passeggiate in uno splendido contesto naturale.

Dulcis in fundo, tra fiori di campo e sentieri escursionistici, la zona di Murgia Timone ospita più di cento chiese rupestri tutte da scoprire. L'unico modo per visitare quei tesori elencati dall'UNESCO è partecipare a una visita guidata.

  1. Goditi l'alba e il tramonto a Matera

L'alba è di gran lunga il momento migliore per apprezzare la bellezza di una determinata destinazione e questa città della Basilicata non è certo l’eccezione.

Matera città è incredibilmente carina sia al tramonto che all'alba. Come abbiamo detto sopra, la Murgia Timone è il punto ottimale per ritrovarsi al tramonto, magari con il tuo partner.
Detto questo, va bene anche qualsiasi altro punto panoramico nel centro storico di Matera. Lo stesso vale per l'alba e per i suoi magnifici colori che valgono totalmente la sveglia mattutina.

  1. Il Palombaro Lungo

Il Palombaro Lungo è un'imponente cisterna d'acqua nel cuore di Piazza Vittorio Veneto, la piazza principale della cittadina lucana.

Questa enorme cisterna fu scavata nella roccia nel XVI secolo per immagazzinare le acque sorgive della zona e fornì acqua ai cittadini fino a quando l'avvento delle moderne tubature giunse nei sassi. Poi, il Palombaro Lungo fu quasi completamente dimenticato e non sarebbe stato riscoperto fino al 1991.

L'imponente costruzione del Palombaro Lungo è enorme e la sua storia è davvero interessante. Puoi visitare solo con la visita guidata che però è solo in lingua italiana e questo dice molto di quanto c’è da lavorare ancora per rendere Matera una meta turistica internazionale.

Tuttavia, anche i viaggiatori stranieri, non perdono l'opportunità di entrare in questa struttura unica. Ci sono volantini in inglese, spagnolo, francese e tedesco che includono le stesse identiche informazioni che la guida italiana condividerà con il gruppo durante il tour di 25′. Un biglietto costa 3 € ed è necessario prenotare in anticipo una data e un orario specifici della visita.

  1. Visita la casa grotta di Vico Solitario

Un'altra attrazione che mi è piaciuta molto in questa città è stata la Casa Grotta di Vico Solitario, perché puoi vedere come sarebbe stata la vita nei sassi.

È difficile immaginare come grandi famiglie di oltre 8 membri insieme al loro bestiame vivessero all'interno di quelle minuscole grotte fino agli anni '50.

Oggi, molte delle abitazioni rupestri a Matera sono state aggiornate e migliorate per una clientela turistica con boutique hotel e accoglienti bistrot che spuntano, ma la realtà della vita nei sassi solo pochi decenni fa, sarebbe stata completamente diversa.

Questo museo è essenzialmente un'abitazione rupestre arredata e decorata come se fosse ancora abitata. Ultimo ma non meno importante, c'è un documentario video che puoi guardare alla fine del tour che è una fonte inestimabile di conoscenza su questa città lucana.

  1. Matera cosa vedere: le chiese

In cima alla collina di Civitas, nel punto più alto tra i due Sassi, si trova la Cattedrale romanico-pugliese del XIII secolo. Riaperto di recente a seguito di un gigantesco progetto di restauro di 10 anni, questa è un'attrazione estremamente popolare tra gli inguaribili viaggiatori visitano Matera.

Oltre che per la cattedrale, questa cittadina della Basilicata è famosa per le sue chiese rupestri, le imponenti costruzioni scavate nella roccia.

Ci sono più di cento chiese rupestri qui, ma tre di esse spiccano su tutte. Prima di tutto, San Pietro Barisano che è la più grande chiesa rupestre del centro storico della città. Sotto il pavimento della chiesa San Pietro Barisano è possibile visitare la zona in cui si svolgeva il rito dello spurgo dei cadaveri. Sì, essere lì sembra spaventoso come sembra, ma ne vale assolutamente la pena.

Il complesso delle chiese di Santa Maria de Idris e San Giovanni in Monterrone è costruito sulla rupe del Monterrone, che domina il Sasso Caveoso ed è uno dei monumenti più rappresentativi del centro storico di Matera.

Le due chiese, che in realtà sembrano una sola, ospitano magnifici affreschi dipinti sulle pareti della grotta. La terza ed ultima imperdibile chiesa rupestre è Santa Lucia Alle Malve che, a nostro modesto parere, ha gli affreschi e gli interni più belli di tutti. Tieni presente che esiste un biglietto combinato per tutte e tre le chiese che costa 7 €, mentre l'ingresso a ciascuna di esse separatamente costerebbe un totale di 10,5 €.

Oltre alle chiese rupestri ed il duomo, meritano una visita anche un paio di altre chiese.

Tra questi, la chiesa di Sant'Agostino che domina il Sasso Barisano mentre la chiesa di San Giovanni Battista è la bellissima chiesa situata appena fuori dalle mura della città vecchia che è una miscela unica di elementi architettonici romanici, arabi, gotici e greci.

  1. La cialledda materana

Il cibo è una parte enorme dei nostri viaggi. Controlliamo sempre le prelibatezze locali prima ancora di visitare un posto per sapere cosa cercare.

Nel caso di Matera, il piatto più semplice è quello che ha catturato la nostra attenzione. La cialledda materana è un'insalata a base di ingredienti di uso quotidiano, come pane raffermo, pomodori, formaggio e olive.

  1. Il pane di Matera

Matera ha un posto speciale nel suo cuore per il suo pane. Appositamente realizzata a Matera, questa ricetta unica può durare fino a 9 giorni; ogni giorno ha un gusto diverso ed è meglio utilizzarlo in modi diversi in giorni diversi.

Il pane di Matera è ben riconoscibile per sapore, profumo e forma quasi preistorica di dinosauro, oltre alle caratteristiche bollicine dovute alla lenta lievitazione e cottura a legna.

  1. L’Aglianico del Vulture

L'unico vino DOCG (denominazione di origine controllata e garantita) della Basilicata, l'Aglianico del Vulture, è uno dei migliori vini rossi d'Italia.

È ottenuto da uve Aglianico, un'antica varietà che si ritiene sia stata portata nel sud italiano dai coloni greci nel VII o VI secolo a.C. Non perdere l'occasione di sorseggiare un bicchiere o due ammirando la meraviglia che è Matera.

  1. Struscio serale lungo Via Domenico Ridola

Quando visiti questa cittadina lucana, molto probabilmente vorrai trascorrere tutto il tuo tempo nei Sassi. Tuttavia, come in tutte le città italiane (e nel resto del mondo), dovresti trovare il tempo per incontrare la gente del posto e vivere la vera Matera.

Il modo migliore per raggiungere questo obiettivo è fare una passeggiata serale lungo Via Domenico Ridola.

Sembra che il cuore di Matera città pulsi in questa strada in qualsiasi ora del giorno. Eppure è la sera, in quel momento benedetto in cui la folla degli escursionisti è ormai lontana e la gente del posto rivendica Via Domenico Ridola e la strada rivela tutta la sua magia.

  1. Soggiorna in un hotel nei sassi

L'abbiamo già detto e non ci fermeremo mai. Scegliere un bel posto in cui soggiornare è molto importante per rendere i nostri viaggi ancora più memorabili. Ciò è particolarmente vero per le destinazioni che vantano un tipo di alloggio speciale.

Per questo non penseremmo mai di programmare un viaggio a Matera senza organizzare un soggiorno in uno degli hotel rupestri della città nei Sassi.

La stragrande maggioranza delle ex abitazioni rupestri è stata trasformata in hotel moderni e confortevoli che preservano l'architettura unica della cittadina lucana.

Nel caso ve lo stiate chiedendo, gli hotel nei sassi non sono l'opzione di alloggio più economica a Matera. Detto questo, soggiornare in una di esse nel cuore dei Sassi è un'esperienza unica che ricorderai per tutta la vita.

  1. Souvenir di Matera: il tradizionale cuccù

Il miglior souvenir di Matera da portare a casa è senza dubbio il tradizionale cuccù. Quest'ultimo è un fischietto artigianale fatto di argilla e sagomato come un gallo multicolore. In tutto il travagliato passato di Matera, il cucù ha servito diversi simbolismi.

Nella preistoria, il cuccù era un giocattolo popolare per i bambini. Molti di questi fischietti di argilla sono stati trovati nelle tombe dei bambini di quell'epoca.

In seguito, i galli divennero simboli di potere. Questo è il motivo per cui le persone li hanno messi fuori dalle loro case per proteggersi da tutti i mali. In tempi di grande povertà, il cucù divenne il regalo più popolare che un giovane potesse fare alla sua dolce metà.

Più elaborato è il cuccù, maggiore è il suo amore per la ragazza che sperava diventasse sua moglie. Negli anni '50, il cuccù ha ripreso il suo precedente ruolo di giocattolo popolare ed è diventato la migliore idea regalo di Pasqua per i più piccoli.

Il cuccù è oggi un vero e proprio simbolo di Matera. Ci sono ancora alcune persone che continuano la tradizione di creare fischietti fatti a mano a forma di gallo.

Puoi acquistare il tuo cuccù personale da venditori ambulanti e negozi in tutto il centro storico di Matera città.

Quanti giorni restare a Matera?

La maggior parte dei viaggiatori, purtroppo, decide di vedere Matera durante una gita di un giorno. Non possiamo sottolineare abbastanza quanto sia terribilmente sbagliata questa decisione.

Il centro storico di Matera è piccolo ed è quindi facile da vedere in poche ore. Tuttavia, è un vero peccato lasciare la città senza aver visto i Sassi anche di sera.

Senza contare che tutti coloro che decidono di visitare Matera dovrebbero assolutamente soggiornare in un hotel nei sassi. Pertanto, un pernottamento a Matera è a nostro avviso obbligatorio. Abbiamo trascorso due notti a Matera. Consideriamo questo il minimo assoluto per chiunque desideri avere un assaggio dell'atmosfera autentica della città dei sassi.

Come arrivare a Matera

L’auto è di gran lunga il modo migliore per arrivare a Matera città. Le regioni della Puglia e della Basilicata ospitano innumerevoli città affascinanti che vale la pena visitare. Quale modo migliore per farlo che pianificare un viaggio in macchina attraverso il Sud Italia?

Se arrivate a Matera in macchina, ricordate che i veicoli non sono ammessi nei Sassi. Pertanto, ti consigliamo di parcheggiare il più vicino possibile al centro storico.

Puoi parcheggiare nelle aree designate lungo le strade intorno al centro storico (0,70 € / ora, 08: 30-13: 30 e 16: 00-20: 30) o in uno dei parcheggi privati ​​della città.

Abbiamo parcheggiato l'auto in un ampio parcheggio in Via Vena vicino a Via Lucana per 0,50 € / ora. Abbiamo pagato circa 25 euro per l'intera durata del nostro soggiorno. Parcheggiare a Matera non è economico ma non avevamo nessuna preoccupazione al mondo per quanto riguardava l'auto.