Isola d'Elba
L’isola d’Elba

L’isola d’Elba

L'Elba, o Isola d'Elba in italiano, è la più grande delle sette isole che formano l'arcipelago toscano, situata a sole 10 chilometri a est della cittadina toscana di Piombino, che è anche il porto di partenza del traghetto, l'unico modo per raggiungere Elba. C'è un piccolo aeroporto sull'isola, ma non è frequentato dalle famose compagnie aeree.

L’isola d'Elba è la terza isola più grande d'Italia e parte del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano. I suoi 233 chilometri quadrati di estensione proteggono bellezze naturali e tesori culturali di livello mondiale. L'Elba è un luogo ideale per una vacanza di qualche giorno per la sua ricca storia culturale e per le sue spiccate bellezze naturali. Ecco alcuni dei punti salienti delle varie attrazioni.

Portoferraio è il capoluogo dell'isola, la città più grande e il porto dove arrivano i traghetti da Piombino. Prima di intraprendere il tuo viaggio all'Elba, dovresti prenderti un po' di tempo per esplorare Piombino con il suo centro storico, il porto turistico e la terrazza a strapiombo sul mare.

Il periodo migliore per visitare l'Elba va da aprile a ottobre, quando italiani e altri cittadini – prevalentemente europei – vengono a godersi un'isola così varia e sempre più apprezzata. Il nome dell'Elba è probabilmente meglio conosciuto perché qui fu esiliato l'imperatore Napoleone nel 1814.

A quanto pare l'isola non gli piaceva molto. Date le circostanze, questo non sorprende, ma il suo esilio è durato solo 9 mesi. I visitatori di oggi, tuttavia, lo adoreranno perché c'è così tanto da fare e da vedere. L'interno è aspro e attraversato da molti sentieri per escursionisti e camminatori accaniti.

Gli amanti della spiaggia trovano il loro paradiso in una delle circa 80 spiagge e calette. I subacquei e gli amanti dello snorkeling possono esplorare l'acqua cristallina e la vita marina delle coste.

Gli appassionati di storia possono visitare la casa di Napoleone, i musei e gustare la buona cucina ei vini dell'Elba. Un'ultima parola all'eredità dell'imperatore: non rimase inattivo durante il suo esilio.

Si occupò di miglioramenti, in primis la realizzazione della viabilità interna. Questo è davvero molto conveniente perché il traghetto trasporta le auto durante l'estate, il che significa che puoi esplorare l'isola in macchina. Detto questo, le strade interne sono ripide e tortuose.

Esplorare Portoferraio

Il nome riflette il passato dell'isola quando il minerale di ferro veniva estratto, macinato ed esportato da qui; questa industria portò ricchezza all'Elba. Portoferraio ti accoglie con un'imponente fortezza, chiamata Fortezza Medicea, e un grazioso centro storico più bello della zona del porto industriale. Visita alla Torre della Linguella Villa dei Mulini, residenza di Napoleone durante il suo esilio all'Elba. La villa è oggi un museo nazionale.

Non è solo Napoleone a lasciare le sue tracce; lo fecero anche i romani. Resti di una villa romana sono visitabili nei pressi della Torre del Martello. Nonostante il suo soggiorno piuttosto breve all'Elba, Napoleone si concesse una residenza estiva a poca distanza da Portoferraio chiamata Villa San Martino. La magnifica architettura neoclassica dell'edificio vale la piccola deviazione dalla capitale.

Portoferraio è conosciuta come la “città rosa” per via della pietra calcarea rosa che veniva utilizzata per lastricare le strade del centro storico intorno al 1700. Le antiche fortificazioni della città sono conservate sotto forma di palazzi napoleonici e numerosi forti e bastioni. Merita una visita non solo il centro storico, ma anche i siti archeologici etruschi e romani.

Ci sono anche varie feste durante l'anno, tanto più che è il 201 ° anniversario della morte di Napoleone. A seconda dei tuoi gusti e interessi, potresti voler pianificare il tuo soggiorno in queste date.

Arrampicata sul Monte Cappane

Alto 1.018 metri, il Monte Cappane è l'elevazione più alta dell'isola. Scegli una giornata limpida e parti la mattina presto per salire in vetta per una vista spettacolare sull'Elba e sull'intero arcipelago.

Ci sono due modi per arrivare in cima: se sei un escursionista appassionato e in forma, puoi farlo a piedi. Il sentiero si snoda in un fitto bosco di castagni e in cima attende una struttura con bar per riprendere fiato e rinfrescarsi. Il trekking dura circa 3 ore.

Più divertente, secondo me, è usare la funivia perché è una cosa così piccola. Ma è meglio non avere paura dell'altezza, perché è solo una gabbia – aperta su tutti i lati – che trasporta solo un massimo di due adulti.

La funivia va dall'inizio della primavera alla fine di settembre. La stazione di partenza si trova tra i paesi di Poggio e Marciano e il tragitto dura 20 minuti. C'è un ampio parcheggio alla stazione dove è possibile lasciare l'auto e anche un bar pizzeria.

Godersi le spiagge di Porto Azzurro

Se le escursioni in montagna non fanno per te e sei venuto all'Elba per le spiagge e gli sport acquatici, anche tu non mancheranno. Le spiagge dell'Elba sono in parte sabbiose e in parte di ciottoli, quindi ce n'è per tutti i gusti.

Porto Azzurro è una ridente località balneare, dominata dall'imponente Forte San Giacomo del XVII secolo che si erge sul promontorio.

Situato nella parte sud-est dell'isola, Porto Azzurro ha perso il suo passato di carcere civile quando iniziò a svilupparsi il turismo ed è oggi uno dei luoghi più visitati dell'Elba. Non solo il grazioso villaggio è pieno di stradine di negozi caratteristici, ma è anche vicino a tre favolose spiagge.

Sono Spiaggia di Terranera, con la sua piscina di un lago sulfureo verde smeraldo e sabbia nera lucida, Spiaggia di Reale, e Spiaggia di Barbarossa. Quest'ultimo è una miscela di sabbia e ghiaia, ma molto liscia e di colore scuro. La spiaggia è raggiungibile da Porto Azzurro attraverso un breve sentiero panoramico che segue la parete inferiore del Forte San Giacomo. C'è anche un hotel e su tutte le spiagge troverai stabilimenti balneari e ristoranti che ti forniscono lettini.

Se si preferisce la sabbia fine e dorata, bisogna dirigersi verso il versante sud-ovest dell'isola, a Marina di Campo e alla famosa Spiaggia di Fetovaia. Acqua blu, scogliere di granito e tanta vegetazione verde contrastano magnificamente con il colore della sabbia.

Visitare Capoliveri

Capoliveri è una ridente cittadina più grande della costa meridionale dell'Elba. La sua particolare attrattiva risiede nel fatto che si tratta di una cittadina medievale situata su una collina con una splendida vista sul sud.

Piazze, strade strette e numerosi gradini, spesso sotto archi e fiancheggiati da balconi fioriti, conferiscono a questa città un fascino speciale.

Capoliveri è stata a lungo collegata alle ormai defunte Miniere di Calamita, che sono una popolare attrazione turistica da esplorare. Durante la tua visita potrai entrare nella miniera del Ginevro con una visita guidata e conoscere tutto sul duro lavoro dei minatori nel Museo dell'Officina. Capoliveri celebra il suo passato minerario con una festa a fine maggio.

Non solo la storia di Capoliveri è affascinante, ma anche le spiagge sono un'attrazione speciale. La spiaggia di Lacona, quasi due chilometri di sabbia dorata e la seconda spiaggia più lunga dell'Elba, è l'unica spiaggia che ha ancora dune di sabbia rimaste.

È popolare tra i giovani e dispone di bar, ristoranti e stabilimenti balneari che forniscono servizi. Ci sono anche parti che sono gratuite e dove puoi semplicemente stendere il tuo asciugamano.

Maggiori informazioni su Capoliveri e sulla sua popolare Festa dell’uva, le potete leggere nell’articolo: www.inguaribileviaggiatore.it/capoliveri

Immersioni e snorkeling

Che tu sia un subacqueo esperto o preferisca dedicarti allo snorkeling, sono oltre 30 i siti all'Elba dove puoi svolgere questa attività. Si trovano principalmente sul lato settentrionale.

Nel sud-ovest, una delle esperienze più emozionanti è l'immersione nel relitto di Pomonte. Nel 1972 una nave mercantile italiana di nome Elviscot naufragò sullo scoglio di Ogliers e affondò, giacendo ora sul fondo del mare completamente ricoperto di organismi marini e habitat per i pesci. Il ponte e la sala macchine della nave possono essere tranquillamente immersi.

Capo di Colvo è per subacquei esperti, mentre Punta della Madonna ti porta giù da una diga e avvicinandoti alla superficie per arrivare alla statua della Madonna.

L'Acquario

Se vuoi vedere la vita marina ma non fare immersioni o fare snorkeling, puoi visitare il famoso acquario di Marina di Campo.

Oltre 50.000 visitatori all'anno si dirigono verso quello che è considerato uno degli acquari più completi del Mediterraneo. 80 vasche ospitano oltre 1.150 diverse specie di vita marina.

Mulino Moncione

Un altro interessante sguardo sul passato dell'isola è da fare con una visita al Mulino del Moncione. Si tratta di uno dei più grandi e belli mulini ad acqua dell'Elba, immerso nel verde e adagiato su un promontorio a picco sul mare e di fronte a Montecristo e Pianosa.

Il mulino fu ampliato e reso più produttivo nel 1880 fino alla cessazione della produzione nel 1910. Il grano veniva trasportato fino al mulino su dorso di asini, e la farina scendeva allo stesso modo.

L'edificio è ancora in piedi ed è visitabile, così come la gora e alcuni ingranaggi.

 

 

Questo articolo contiene link di affiliazione. Tutto ciò non comporta alcun costo aggiuntivo per te, mentre per noi significa ricevere una piccola commissione su qualsiasi tuo acquisto fatto attraverso i nostri link. È un modo per supportare le nostre attività.
Grazie per sostenerci.

Ami viaggiare? Vuoi tornare a farlo in sicurezza? Anche noi e non possiamo pensare ad un viaggio senza preoccuparci di fare un’assicurazione di viaggio per proteggersi da ogni imprevisto che può accadere prima o durante il vostro viaggio, soprattutto in questo periodo in cui spesso le condizioni cambiano velocemente.

Queste sono le compagnie a cui ci rivolgiamo:

  • Frontier Assicurazioni - www.frontierassicurazioni.it

Fai un preventivo gratuito e senza impegno per verificare quale sia la migliore soluzione per te e la tua famiglia.