Firenze insolita

Firenze insolita

Firenze insolita

Salve inguaribili viaggiatori,
Con i suoi iconici capolavori del Rinascimento e la sua splendida architettura, Firenze è giustamente una delle città più visitate d'Italia. Ma per evitare la folla, ti suggerisco alcune delle gemme nascoste della città toscana e per questo oggi vi parlo della Firenze insolita con cinque cose da vedere non scritte sui libri e considerazioni sparse.

Firenze insolita: Logge del Mercato Nuovo

Un luogo caratteristico, ma poco pubblicizzato da cui iniziare il viaggio nella Firenze insolita sono le Logge del Mercato Nuovo (che soprattutto i Fiorentini trapiantati di recente chiamano “Piazza Mercato”) dove c’è il porcellino portafortuna.

Il realtà questo porcellino è un cucciolo di cinghiale di bronzo seicentesco, opera dello scultore Pietro Tacca. L’originale del Cinghiale si trova in realtà a Palazzo Pitti, ma è quello di piazza Mercato a portare fortuna, attraverso un piccolo rito.

Si esprime un desiderio mettendo una moneta nella sua bocca aperta. Se questa moneta scivola nella grata al di sotto del cinghiale e sprofonda, allora il desiderio si avvererà, altrimenti il desiderio non sarà realizzato.

Firenze insolita: copie e calendario polizia di stato a palazzo vecchio

La galleria di statue a tema mitologico che delizia la visione di chi arriva a palazzo vecchio è, per preservarne la sicurezza, una serie di copie ottimamente rifatte.

Lo stesso palazzo vecchio, poi, oltre che essere sede del Comune, è uno dei posti più piacevoli di Firenze dove allestire mostre e presentazioni.

A Capodanno c’era il calendario della polizia di stato che si presentava ai cittadini per il nuovo anno con gli auguri di una collaborazione sempre fattiva.

Firenze insolita: piazzale Michelangelo come punto panoramico

Piazzale Michelangelo è la risposta alla domanda “Qual è il punto più panoramico di Firenze”.

La massima parte delle foto scattate alla città (una delle tre più fotografate d’Italia) provengono da qui. Nel piazzale sono anche conservate alcune copie degli originali Michelangioleschi sparsi pe Firenze.

Un ottimo punto, quindi, non solo d’osservazione, ma anche di ripasso della storia dell’arte.

Firenze insolita sotto la pioggia

Firenze sotto la pioggia resta una città ordinata e non caotica. Con grossi problemi di parcheggio per le auto, soprattutto dei turisti, ma senza che si crei mai un enorme traffico.

Resta quasi una cartolina pacifica, pulita e bagnata, ma le esclusive zsc (esistono solo qui, zone a sosta controllata, aree della città interamente dedicate ai residenti, e se parcheggi, anche nelle strisce blu, son dolori) restano qualcosa a cui è difficile abituarsi.

L'esondazione dell' Arno nel '66 e simboli viola per una fede mai sopita, così come le antipatie, da notare un “keep calm e juve merda” che ci ha fatto ridere per un' ora. Una grande, ma in fondo piccola città.

Piccoli appunti di viaggio sulla mia Firenze insolita

Nel Duomo da notare la natività presepiale e l' enorme imponenza gotica del tutto, oltre a molte immagini da libri di storia dell' arte, come quella di Dante col suo capolavoro.

Ma la fila massima è per la cupola, affrescata dal Brunelleschi, la famosa cupola di Santa Maria del fiore.

Da lì Firenze è uno spettacolo che “per poco il cor non si spaura”, da sinistra a destra una città dai tetti rossissimi ci presenta Piazza della Signoria con il giardino di Boboli, palazzo Pitti, santa Maria novella, la stazione, il mercato delle pelli, il tutto sovrastato dall’attaccata torre di Giotto.

E a circondare il verde nebbioso di diversi dipinti di Leonardo da Vinci, basti pensare alla Gioconda. Alla nostra sinistra c'è Santa Croce, dove ancora immaginiamo il Dante che ci guarda accigliato e pensoso. Una vista gigantesca e tremebonda. I palazzi che di ergono da lontano sulle nebbie danno l' aria di una artistica prigione. Siamo fuori dal mondo e non ce ne vergogniamo affatto.

Battistero: si gioca sull' oro, simbolo della luce e sul sincretismo di culture, dalla Scaramella ai sarcofagi dorati. È come se tante divinità avessero voluto lasciare il loro ricordo in questa bellezza.

La piccola recinzione, Ottagono dentro l' Ottagono, testimonia l' infinita Valenza della resurrezione, una visita, quella al Battistero, da non perdere, pur sacrificando un pranzo in una delle ottime ma costose locande della città.

Firenze insolita e segreta: i modelli di cera anatomica secolari

Inaugurato nel 1775 dal Granduca Pietro Leopoldo di Lorena, La Specola fu uno dei primi musei di scienza aperti al pubblico.

Originariamente ospitava tutti gli oggetti della vasta collezione di storia naturale dei Medici-Lorena.

Oggi contiene non solo una vasta collezione di animali imbalsamati, tra cui l'ippopotamo che i Medici apparentemente custodivano nel Giardino di Boboli nel 1600, ma anche la più grande collezione al mondo di cere anatomiche.

I modelli sono entrambi straordinariamente realistici e inquietanti nella raffigurazione di figure femminili altrimenti romanticamente posate (soprannominate "Veneri"). È veramente uno spettacolo insolito.

La Specola, Via Romana, 17, 50125 Firenze, Italia, +39 055 205 5930

Vedi una delle più grandi e eclettiche collezioni di armature in Europa allo Stibbert

Situato su una splendida collina di Firenze, il Museo Stibbert è un museo che merita la passeggiata sulla collina. La creazione di un illustre gentiluomo italo-inglese del XIX secolo e di un ossessivo collezionista, Frederick Stibbert.

Si sviluppa su due ville e contiene alcune delle più vaste collezioni di armature storiche europee, giapponesi e islamiche nel mondo. Scenografato teatralmente in mezzo a un'imponente esposizione di dipinti rinascimentali e arti decorative, è uno spettacolo che deve essere visto per essere creduto.

Museo Stibbert, via Federigo Stibbert 26, Firenze, Italia, +39 055 486049

L'importuno di Michelangelo

Il famoso scultore ha lasciato il segno su questo muro italiano in un esempio di arte di strada protetto a livello internazionale.

Situata tra le antiche pietre toscane dello storico Palazzo Vecchio di Firenze, la semplice caricatura conosciuta come L'importuno di Michelangelo, o Graffiti di Michelangelo, è la prova dell'insaziabile necessità dell'artista di creare o semplicemente uno scarabocchio creato dalla noia.

Guardando verso l'angolo di Palazzo Vecchio, sul lato vicino alla Galleria degli Uffizi, scolpito nel muro c'è un semplice ma evocativo contorno del volto di un uomo. Quello che sembra lo scarabocchio di un vandalo che passa è in realtà opera dello storico scultore Michelangelo.

Tuttavia, nonostante la fama dell'autore ci sono numerose storie che circondano l'origine di questo piccolo pezzo di graffiti.

Una teoria afferma che Michelangelo scolpì il volto con la schiena rovesciata, altri dicono che l'artista è stato "bloccato" in una conversazione con di una noia mortale con un personaggio illustre dell'epoca e un giorno ha scolpito la somiglianza dell'uomo chiacchierone nel muro semplicemente per passare il tempo.

Ancora un'altra versione della storia afferma che Michelangelo assistette ad un'esecuzione nella piazza e il volto è quello dell'uomo nel braccio della morte.

Nessuno è esattamente sicuro del motivo per cui Michelangelo ha deciso questo atto di disobbedienza civile, ma la sua stessa esistenza fornisce un po' di intuizione al lato umano di un artista che è più spesso considerato un classicista pesante.

Firenze insolita e segreta: Farmacia di Santa Maria Novella

La più antica farmacia operativa al mondo presenta ricette di 800 anni.

La farmacia di Santa Maria Novella è probabilmente la più antica farmacia ancora funzionante al mondo, e certamente la più antica d'Italia. Fu fondato nel 1221, quando i monaci domenicani della vicina Basilica di Santa Maria Novella iniziarono a coltivare erbe per fare balsami, pomate e medicine per la loro infermeria. La qualità superiore dei loro prodotti divenne ampiamente nota e nel 17 ° secolo la farmacia aprì le sue porte al pubblico.

Oggi la farmacia utilizza ancora i metodi di preparazione tradizionali e porta ancora prodotti utilizzando le ricette originali dei monaci. Particolarmente degno di nota è l'Aceto dei Sette Ladri, o "Acido dei Sette Ladri". Questi sali maleodoranti hanno il loro nome insolito da una banda di sette uomini che hanno derubato i cadaveri durante la pestilenza. Si diceva che si fossero immersi nel forte aceto per proteggersi dalla peste (i cattivi odori, o "miasma", erano ritenuti la causa della malattia).

Un'altra specialità della farmacia è la produzione di Carta D'Armenia ("carta armena") almeno dal XVI secolo. È un incenso di carta immerso in una miscela di infusi di resine e spezie orientali e brucia senza fiamma, profumando l'aria.

La farmacia stessa è ospitata nello straordinario edificio originale, le cui stanze sono dotate di soffitti a volta, dorature ornate, affreschi, mobili in noce, decantatori con tappi di vetro pieni di pozioni colorate, pavimenti in marmo, vetrate colorate, statue di bronzo e scaglie e mortai antichi da farmacia.

Aspetto molto importante per visitare la Farmacia di Santa Maria Novella è che all’esterno non c’è alcuna insegna e quindi devi prestare ai numeri civici, infatti si trova in via della Scala 16

Prendi un panino al lampredotto

Una volta che hai stuzzicato l'appetito delle tue esplorazioni, è ora di mangiare come un vero fiorentino e cercare un trippaio tradizionale (trippa alimentare), come il Trippaio di San Frediano di Oltrarno.

Il sandwich lampredotto, chiamato per la sua somiglianza visiva con l'anguilla lampreda una volta abbondante nell'Arno, è ricavato dal quarto stomaco della mucca.

Viene cotto in brodo con erbe e pomodori, tagliato a fette sottili e posto su un panino impregnato di brodo con una scelta di salse di accompagnamento.

Trovato solo a Firenze, questo insolito sandwich è in circolazione da secoli. In origine era un cibo di strada economico per le classi lavoratrici, ma ora è apprezzato dall'intero spettro dei fiorentini.

Se ti piacciono i luoghi insoliti e misteriosi, perchè non fare un viaggio nei luoghi cinematografici siciliani?

L’inguaribile viaggiatore Modestino Picariello
inguaribile.viaggiatore(at)yahoo.it

Alcune fotografie della Firenze insolita

Firenze insolita Firenze insolita
Firenze insolita Firenze insolita

 

 


Booking.com