Ercolano

Guida completa di Ercolano

La guida per vedere Ercolano

L'altra città romana distrutta dall'eruzione del Vesuvio, Ercolano si trova a più di 20 metri sotto l'attuale città di Ercolano. Sfortunatamente, le rovine di Ercolano tendono a essere messe in ombra da Pompei.

Ercolano era un villaggio di pescatori residenziale di soli 4000 abitanti, molto più piccolo di Pompei e non un centro commerciale. Quindi, Ercolano è architettonicamente meno impressionante e manca della grandiosità di Pompei.

Tuttavia, come risultato di 20 metri verticali di fango vulcanico viscoso che ha avvolto e indurito intorno a Ercolano, le sue rovine sono generalmente meglio conservate e si sentono più vive di quelle di Pompei.

Solo una parte di Ercolano è stata scavata da quando è circondata da abitazioni contemporanee. In alcuni casi, puoi persino vedere le travi in ​​legno originali, le scale, i tessuti, i papiri e i mobili che sono emersi intatti dalle conseguenze dell'eruzione e dai flussi piroclastici che inghiottirono Ercolano.

Vale sicuramente la pena visitare le rovine di Ercolano. È notevolmente ben conservato e privo delle fastidiose folle di turisti di Pompei.

Lasciati impressionare dalla sua ricchezza di tesori archeologici come piscine, mosaici eleganti, mobili carbonizzati, modanature delle porte e scheletri terrorizzati.

Come arrivare a Ercolano

Ercolano è a soli 15-20 minuti di treno da Pompei. Si prende lo stesso treno per andare a Napoli e si scende alla stazione di Ercolano Scavi. È importante prendere la linea Circumvesuviana poiché i treni intercity ti porteranno più lontano dal sito archeologico.

Biglietti per il Parco Archeologico di Ercolano

Dalla Stazione di Ercolano Scavi si segue la strada (Via IV Novembre) in discesa fino ad arrivare quasi in riva al mare e si giunge all'ingresso del parco archeologico. Un biglietto d'ingresso normale costa 13 EUR. In alternativa, puoi optare per un biglietto d'ingresso prioritario, molto utile nei mesi estivi.

Il Parco Archeologico di Ercolano è aperto tutti i giorni dalle 08:30 alle 19:30 (dal 15 marzo al 15 ottobre, ultimo ingresso alle 18:00) e dalle 08:30 alle 17:00 (dal 16 ottobre al 14 marzo, ultimo ingresso alle 15:30).

Utile da sapere: La prima domenica di ogni mese l'ingresso ad Ercolano è gratuito per tutti (compresi italiani, cittadini comunitari e stranieri di qualsiasi età). L'ingresso gratuito di solito inizia dal pomeriggio, intorno alle 13:00 o alle 14:00 a seconda della stagione.
I numeri sono limitati, quindi se vuoi approfittare dell'accesso gratuito, ti consigliamo di arrivare presto.

Tour a piedi autoguidato di Ercolano

Quando prendi il tuo biglietto d'ingresso per Ercolano, non dimenticare di chiedere anche una mappa delle rovine. Se ritieni che un tour autoguidato sia troppo scoraggiante per te, puoi optare per un tour privato con un archeologo. Tuttavia, se desideri vedere i punti salienti da solo, segui invece il nostro tour a piedi autoguidato di Ercolano.

Il tour autoguidato di Ercolano è lungo 1,6 km e dura circa 1-2 ore a un ritmo moderato. Se lo desideri, puoi aggiungere altre soste lungo il percorso. Usa la tua mappa ufficiale in combinazione con la nostra mappa di questo tour a piedi per personalizzare il tuo itinerario.

La disposizione di Ercolano è abbastanza semplice rispetto a Pompei. È diviso in tre strade parallele, Cardo III, IV e V, che hanno segmenti superiore e inferiore (superiore e inferiore) e sono intersecate da strade chiamate Decumano Inferiore e Decumano Massimo.

Questo tour non solo ti mostrerà quali sono le cose principali da vedere a Ercolano, ma ti darà anche un assaggio di ciò che ha reso davvero una città romana. In questo tour a piedi autoguidato di Ercolano vedrai:

  1. Ingresso
  2. Fornici (case nautiche)
  3. Casa dei Cervi
  4. Casa Del Rilievo Di Telefo
  5. Palestra
  6. Casa Di Nettuno e Anfitrite
  7. Casa Sannitica
  8. Casa Del Atrio A Mosaico
  9. Casa Del Tramezzo Di Legno
  10. Terme del Foro
  11. Sala Degli Augustali
  12. Casa Dello Scheletro
  13. Ingresso

  1. Ingresso scavi di Ercolano

Dopo aver lasciato l'edificio del biglietto, attraversa i tornelli e percorri il sentiero sotto il sito fino all'ingresso. La rampa di accesso offre una buona panoramica della città romana, situata a 25 metri sotto il livello stradale moderno.

La rampa curva intorno all'estremità meridionale del sito da dove si può prendere la rampa metallica che scende attraverso un tunnel nella roccia solida, emergendo presso l'antico litorale. È un buon posto per scattare delle fotografie.

  1. Fornici (case nautiche)

Una delle attrazioni più interessanti di Ercolano sarebbero probabilmente i fornici ad arco, una fila di archi a botte che venivano usati come magazzini o rimesse per le barche.

La maggior parte della città era stata evacuata prima dell'eruzione del Vesuvio. I restanti residenti erano in attesa di essere salvati dal mare nelle rimesse delle barche.

L'area sommersa appena sotto è quella che un tempo era la spiaggia di Ercolano.

Sfortunatamente, l'aiuto non è arrivato in tempo e negli anni '80 qui sono stati scoperti circa 300 scheletri umani, insieme a gioielli e monete, chiavi di case e strumenti di lavoro. Sono morti a causa di un improvviso aumento della temperatura fino a 500 gradi Celsius. I calchi dei loro resti possono ancora essere visti in questo luogo oggi. Forse in nessun altro luogo l'orrore dell'eruzione del 79 d.C. è stato catturato in modo così drammatico.

  1. Casa dei Cervi

Sulla rampa delle rimesse si trova la Casa dei Cervi, una delle ville più lussuose della città antica. La Casa dei Cervi  di Ercolano deve essere stata l'invidia degli abitanti del paese, poiché la sua grande terrazza sul davanti doveva avere una vista meravigliosa sul Golfo di Napoli.

La Casa dei Cervi  con i suoi due piani sono costruiti intorno a un cortile centrale e contengono corridoi in marmo adornati con vivaci decorazioni murali nere e rosse di nature morte.

Durante gli scavi del giardino furono rinvenute numerose statue: due cervi attaccati dai cani (da cui prende il nome), un Satiro con otre e il famoso Ercole ubriaco. Si tratta di copie (gli originali sono ora tutti al Museo Archeologico Nazionale di Napoli).

  1. Casa del Rilievo Di Telefo

La Casa del Rilievo di Telefo è uno dei maggiori punti di interesse di Ercolano. Costruita su tre livelli, con splendida vista sul mare, è la seconda casa più grande del Parco Archeologico di Ercolano.

Entrando a sinistra è stato riportato alla luce un rilievo scolpito raffigurante Telefo, figlio di Ercole (mitico fondatore della città). Questo edificio augustea (27 aC-14 dC) ha colonne che sostengono non le falde del tetto, ma le stanze del piano superiore, come in molte case greche.

All'interno della Casa del Rilievo di Telefo vedrai il tipico dei tempi impluvium, un bacino nel pavimento per la raccolta dell'acqua piovana, anche se Ercolano aveva acqua corrente fresca in città.

Ora guarda il muro alla tua sinistra. Nota i colori. Puoi vedere il giallo che si fonde con il rosso. Il pannello centrale sarebbe stato interamente giallo. A causa del calore, molti dei pigmenti gialli sono stati "bruciati" in rosso. Se noti molto rosso, in origine non era quel colore.

  1. Palestra

Dai una rapida occhiata all'ingresso della palestra con colonne della grande Palestra di Ercolano, dove i romani trascorrevano il loro tempo libero giocando a palla e lottando.

Disposta su due terrazze e con un lungo colonnato su due terrazze, la Palestra ha una fontana e un'area riservata ai riti religiosi.

  1. Casa Di Nettuno Ed Anfitrite

L'aristocratica casa di Nettuno e Anfitrite è una delle cose più belle da vedere ad Ercolano. Si pensava fosse la dimora di un ricco mercante amante dell'arte e prende il nome dal mosaico murale casa di Nettuno e Anfitrite ben conservato che adornano il triclinio (sala da pranzo).

Prima di entrare nella casa di Nettuno e Anfitrite, sul lato destro della porta c'è un thermopolium, un ristorante, appartenuto al proprietario della casa. Puoi ancora vedere il bancone, la stufa (nell'angolo in fondo a destra). Guarda il piano superiore; puoi vedere uno schermo di legno carbonizzato per separare il negozio dal magazzino.

Un altro mosaico adorna il ninfeo (zona balneare) adornato con mosaici a tema di caccia. Il negozio annesso alla casa di Nettuno e Anfitrite ha scaffali in legno e mobili in perfette condizioni.

La casa di Nettuno e Anfitrite non aveva giardino, quindi un artista ne ha dipinto uno per darti l'illusione che ce ne fosse uno. La stanza sembrava più grande di allora. Notare la pittura 3D, davvero pulita!

A sinistra, vedrai un bellissimo mosaico di ninfe che in realtà nasconde una cisterna d'acqua. Chiedi perché? Il cortile che stai guardando è una sala da pranzo all'aperto. C'erano tre letti in muratura con una fontana al centro. Quindi, come vedi in un vecchio film romano, in realtà è successo dove cenavano sdraiati, di solito per le feste.

  1. Casa Sannitica

La prossima tappa di questo tour autoguidato di Ercolano è la deliziosa Casa Sannitica. La Casa Sannitica presenta un delizioso mix di stili artistici: l'ingresso ha un arredamento in primo stile, con un secondo soffitto in stile, mentre le pareti dell'atrio sono dipinte in quarto stile. Interessante anche il disegno dei pavimenti piastrellati.

  1. Casa dell’Atrio a Mosaico

La maestosa Casa dell’Atrio a Mosaico è un'altra lussuosa villa di Ercolano. Avrebbe avuto una vista incantevole e il suo arredamento elegante suggerisce che avesse un ricco proprietario.

La Casa dell’Atrio a Mosaico prende il nome dal suo mosaico di motivi geometrici in bianco e nero nell'atrio. Notare come ha un certo effetto scacchiera. Puoi anche vedere l'effetto di instabilità qui, probabilmente causato dalla forza del flusso di fango e cenere che inghiottì la città nel 79 d.C.

Il giardino della Casa dell’Atrio a Mosaico una fontana in marmo e portici su tre lati. È decorato, come il resto della casa, con dipinti di quarto stile.

  1. Casa del Tramezzo di Legno

La Casa del Tramezzo di Legno si distingue per la sua partizione pieghevole tra l'atrio e il tablino (studio), per condurre gli affari. La struttura in legno ha i supporti per appendere le lampade a olio.

Mentre visiti la Casa del Tramezzo di Legno, cerca il disegno geometrico del mosaico del pavimento e le pitture murali nella stanza a destra dell'ingresso.

  1. Terme Del Foro

Una visita al complesso termale centrale è una delle cose migliori da fare a Ercolano. Entra nella sezione maschile del Cardo III e cerca l'apodyterium (spogliatoio) che ha scaffali per depositare le toghe.

Da lì si accede al frigidarium (bagno freddo) che ha pareti rosse e cupola azzurra con nicchie gialle. Prosegui fino al tepidarium (bagno tiepido) che presenta un mosaico bianco e nero di delfini, un polpo e il dio del mare.

Il complesso termale comprendeva anche una zona balneare femminile separata (accessibile attraverso la palestra erbosa e colonnata). Il bel pavimento a mosaico è decorato con motivi di Tritone e di creature marine.

  1. Sede Degli Augustali (Sala degli Augustali)

La casa in cui si trova la Sala degli Augustali un tempo apparteneva a un'associazione di schiavi liberati che lavoravano insieme per salire la scala della società romana.

La Sala degli Augustali a forma quadrangolare contiene alcuni degli affreschi meglio conservati di Ercolano.

Ad adornare la parete sinistra della Sala degli Augustali c'è una rappresentazione dell'antico eroe Ercole che sta per entrare nel Monte Olimpo, accompagnato dalle dee romane Giunone e Minerva.

L'affresco proprio di fronte allude alla battaglia tra Ercole e il dio etrusco Acheloo.

  1. Casa dello Scheletro

L'ultima tappa di questo tour guidato di Ercolano è la Casa dello Scheletro. Questa casa è così chiamata perché uno scheletro è stato trovato al piano superiore durante i lavori di scavo all'inizio del XIX secolo.

All’interno della Casa dello Scheletro si possono ancora vedere pareti affrescate e mosaici murali a tema mitico. Tuttavia, solo quelli sbiaditi sono originali.

Consigli utili per visitare Ercolano

  • Scarpe comode: una visita a Ercolano comporta molte camminate su terreni diversi. Le scarpe sensibili sono un must.
  • Equipaggiamento per la protezione solare: Ercolano è molto esposto e può diventare estremamente caldo. Porta un cappello e una crema solare se visiti in una giornata di sole.
  • Bottiglia d'acqua ricaricabile: evita la plastica monouso portando la tua bottiglia d'acqua.
  • Spuntini: non ci sono bar o negozi all'interno del complesso, quindi è comodo portare uno spuntino con te. Per un pranzo economico dopo la tua visita a Ercolano, ti consiglio di camminare in città e visitare uno dei ristoranti locali.

Il viaggio continua alla scoperta degli scavi di Pompei, ma di questo vi parlerò in questo articolo: Guida al Parco Archeologico di Pompei.

Ti è piaciuto leggere cosa puoi vedere nel Parco archeologico di Ercolano?
Allora salvalo su Pinterest e rileggilo con calma più tardi:
Scavi archeologici di Ercolano