Cimitero monumentale di Milano
Cimitero Monumentale a Milano, un museo di scultura all'aperto

Cimitero Monumentale a Milano, un museo di scultura all'aperto

Potrebbe sembrare strano andare in un cimitero come turista ma il cimitero monumentale di Milano è un’opera d’arte a cielo aperto.

Nel 1838, la città di Milano annuncia un concorso per la progettazione di un nuovo cimitero che sarà aperto ai cittadini di "tutte le forme e tutte le fortune" e diventerà un "Monumento di Milano". Ci sono voluti 28 anni, ma il Cimitero Monumentale ha finalmente aperto nel 1866.

Perché il Cimitero Monumentale, o Cimitero Monumentale, è molto più che il tuo cimitero medio. È uno sguardo enorme ed elaborato in una città; un museo a cielo aperto che rappresenta i principali eventi storici della città, nonché i suoi principali protagonisti.

Dopo l'indipendenza in Italia nel 1861 servì anche come mezzo per unire i cittadini, anche se dopo la morte. Il cimitero contiene tombe di diverse credenze e religioni, con una sezione per gli ebrei e una sezione per gli altri non cattolici.

I monumenti e le sculture mostrano il cambiamento delle forme d'arte dal realismo del XIX secolo alla libertà e alla simbologia all'inizio del XX secolo.

Ogni monumento rappresenta un artista diverso, ogni nome inciso un permanente chi-chi di Milano dell'epoca - solo il più ricco, il più popolare e il più influente sono sepolti nel Cimitero Monumentale.

Essere sepolti nel cimitero monumentale di Milano divenne rapidamente uno status symbol. L'élite della città commissionò a scultori famosi come Luca Beltrami, Giò Ponti, Pietro Cascella, Giò Pomodoro, Giacomo Manzù, Arturo Martini, Lucio Fontana, Medardo Rosso, Vincenzo Vela e Adolfo Wildt di creare tombe e sculture di tombe in disegni sempre più elaborati.

Il Famedio

La prova di ciò si trova nel Famedio, un massiccio edificio fatto di marmo e pietra a cinque metri dal suolo. Ecco la crema della crema di Milano, tra cui Alessandro Manzoni, lo scrittore italiano più noto per aver scritto I Promessi Sposi.
Il Famedio è enorme, antico e realizzato quasi interamente in marmo. Inutile dire che è una spettacolare "lapide". Due ali si estendono da ogni lato del Famedio e oltre il resto del grande cimitero, 62 ettari riempiti fino all'orlo di statue, alberi, croci e monumenti a grandezza naturale per i defunti .

Il Cimitero Monumentale di Milano è la seconda destinazione turistica più popolare della città, dopo il magnifico Duomo. Una passeggiata attraverso gli ampi viali alberati rivela i templi greci, una torre a forma di faro scolpita con scene della Via Crucis, tombe con facciate in vetro a lastra, obelischi, angeli e sculture in pose che vanno dall'agonia alla pace eterna.

Tuttavia, questo non è pensato per essere una storia di fantasmi. In realtà il cimitero ha poco del sentimento del cimitero di Halloween. Piuttosto, sembra essere una celebrazione di arte, architettura e, sicuramente, una città - una fatta di arte, architettura e, soprattutto, i suoi cittadini.

Il Tempio Crematorio

Seguendo i sentieri alberati alla fine ho raggiunto la fine del cimitero in un edificio compatto in stile greco-deco. Conosciuto semplicemente come "Tempio", questo è il Tempio Crematorio, il Crematorio. Sebbene non sia più in uso, il Crematorio rafforza l'attenzione del cimitero verso varie religioni.

Se mi sentivo completamente solo nel cortile, le uniche persone che mi ero lasciato vicino alla parte anteriore del cimitero, lo sentivo ancora di più nel Crematorio. Entrando nell'edificio simile a una chiesa, ogni parete è coperta, quasi decorata, con iscrizioni e fiori sulle "scatole" dei milanesi.

C'è un'abbondanza di luce naturale, una rinuncia alle modifiche della struttura, poiché la pratica della cremazione è stata perfezionata nel corso degli anni. Infatti, Milano è stata la prima in Italia e una delle prime in Europa ad adottare la cremazione come pratica. Oggi, urne del 1800 siedono in nicchie gialle e i vecchi forni sono appena bloccati da porte rosse sbiadite.

Quindi sì, stai guardando un cimitero, tombe, mausolei, persino l'antico, ora chiuso, crematorio - ma stai anche guardando forse la storia e l'arte più rappresentative di Milano.

I nomi incisi sulle lapidi fanno capire l’importanza delle persone sepolte, dai capi dell'industria, della finanza, della cultura, dell'intrattenimento e dello sport sono tutti sepolti qui: il direttore d'orchestra Arturo Toscanini; poeta e romanziere Alessandro Manzoni; poeta, romanziere e premio Nobel Salvatore Quasimodo; attrice e cantante Wanda Osiris; e il filosofo e scrittore Carlo Cattaneo tra gli altri.

Uno dei nomi più riconoscibili trovato qui è Campari, una famiglia rinomata come produttori di aperitivi Campari. La loro cripta di famiglia presenta una scultura in bronzo a grandezza naturale del Cenacolo di Giannino Castiglioni

Come arrivare al cimitero monumentale di Milano:

Per raggungere il cimitero, potete prendere:

  • l'autobus n. 94 per la fermata Monumentale,
  • il tram 2, 4 o 33 per la fermata Farini,
  • la metropolitana M5 fermata Monumentale,
  • il più semplice, è quello di andare alla stazione Garibaldi (tramite metropolitana o treno) e proseguire a piedi. Sono circa cinque minuti di distanza.

Cimitero monumentale Milano orari

Il Cimitero Monumentale di Milano è aperto dal martedì alla domenica, dalle 8:00 alle 18:00.

Non è previsto alcun biglietto d'ingresso e l'ingresso è consentito fino a 30 minuti prima dell'orario di chiusura. Le visite guidate possono essere prenotate a pagamento chiamando lo 02 884 45706 o inviando un'e-mail a dsc.ricercheriprese@comune.milano.it

Per ulteriori informazioni: www.turismo.milano.it/cimitero_monumentale

Dopo aver visitato il cimitero monumentale, perchè non visitare anche qualche museo milanese?

Ti è piaciuto leggere cosa puoi vedere al cimitero monumentale di Milano?
Condividilo su Pinterest ora così lo potrai rileggere più tardi:

Cimitero monumentale di Milano