Catania title=

Catania Tra meteomar e sole

Cosa fare a Catania

Per quanto la Sicilia sia un'isola di mare e campagna, è difficile non notare le principali città siciliane. Catania sulla costa orientale è una ed è un tipico punto di partenza per chi cerca di esplorare la Sicilia.

Mentre le vicine destinazioni costiere come Taormina e Siracusa possono essere più fotogeniche, c'è molto da farti divertire mentre visiti Catania. È qui che entra in gioco questa guida di Catania.

All'interno di questa guida turistica di Catania troverai consigli sulle attrazioni della città da non perdere. La maggior parte sono abbastanza facili da raggiungere dal centro città e probabilmente potresti coprirli tutti con un giorno a Catania.

Questa guida non è esattamente esauriente, ma dovrebbe assicurarti di non perdere nulla di troppo importante. Mescola un po' di vagabondaggio e hai gli ingredienti per un'ottima visita.

Catania - stretta tra il Mar Ionio e un vulcano, una città modellata dalla lava e rinata dalle ceneri del 17° secolo - offre una meravigliosa finestra sul palato siciliano e un posto nella storia.

Dal suo cibo di strada ai suoi vini acclamati dalla critica, dalle sue esperienze gastronomiche semplici e sottovalutate al suo patrimonio greco-romano e all'architettura barocca, patrimonio dell'UNESCO, di edifici anneriti costruiti con mattoni di lava taglienti e una tavolozza di colori a scacchiera, questo è un luogo che può non essere così ovviamente seducente come altri nel Val di Noto o nella Sicilia orientale, ma la sua eccezionalità fa parte del suo fascino.

In effetti, gran parte del divertimento di Catania viene dalla sua gente, dal suo cibo, dalla sua energia giovanile e dalla sua vita notturna esoterica, piuttosto che semplicemente entrare nei musei o godersi graziosi edifici

Da un punto di vista pratico, è anche una base davvero conveniente da cui partire per visitare l'imponente Etna, che fuma e fuma sullo sfondo, e la sua compattezza rimuove molti dei problemi che possono derivare da un city-break europeo alternativo o dalla sua inclusione un lungo viaggio in Sicilia.

Lo spirito e la trasandatezza di Catania è una, un po' come una Napoli al di là del mare, una virtù che o farà amare la gente o un vizio per allontanarla.

Per questo motivo, inoltre, non attrae i livelli di turismo che fanno altri paesi e città siciliane, quindi ci sono molte più opportunità per avere effettivamente incontri significativi e sfuggire alla folla; Catania può vivere e morire senza turismo, e questo non è un male per una città europea di questi tempi.

In questa guida abbiamo condiviso le nostre cose preferite da fare a Catania, consigli su dove alloggiare + mangiare, consigli per sfruttare al meglio il tuo soggiorno, oltre a informazioni sui collegamenti di trasporto da/per Catania e il suo famoso aeroporto.

Se dai una possibilità a Catania, c'è una possibilità che alla fine impari ad amarla anche tu.

Quanto tempo ti occorre a Catania?

È probabile che, se stai leggendo questo articolo, sei già a Catania o in viaggio verso Catania o stai pianificando il tuo itinerario in Sicilia e stai cercando di decidere se la città dovrebbe essere presente al suo interno. Molti di voi probabilmente voleranno anche a Catania e si staranno chiedendo se rimanere una o due notti lì o andare altrove direttamente dall'aeroporto.

Pensiamo che due notti siano probabilmente il periodo di tempo giusto per la maggior parte dei viaggiatori per ottenere un buon apprezzamento e una panoramica di Catania, e saremmo felici di proporlo come consiglio alternativo per una vacanza in città se segui i nostri suggerimenti sulle cose da fare.

Può essere facilmente percorsa e scoperta a piedi in quei due giorni, passando da wine bar a wine bar, salumeria a corner di street art, chiesa a cannoli.

Questo, insieme al fatto che molti viaggiatori vi volano dentro, Catania è il punto di partenza per un itinerario della Sicilia orientale.

Un soggiorno più lungo e più lento è assolutamente possibile, ma potresti anche preferire essere sulla costa o in un posto che sembra un po' più una meta di vacanza nell'estate siciliana.

Le migliori cose da fare a Catania

Una mattinata al mercato del pesce

Il mercato del pesce di Catania è uno dei mercati più interessanti che abbiamo mai visitato e la routine della città è ancora legata al ritmo di esso.

Atmosferico, caotico, autentico, confuso, melodico, crudo e non filtrato, è difficile trasmettere effettivamente la sensazione di essere lì a parole, con gran parte della sua anima nei volti e nelle voci di richiamo degli uomini che vendono ciò che hanno pescato in mare.

Il mercato si svolge qui dal 19° secolo, e si apre a ventaglio sotto i bassi archi bianchi e neri degli Archi della Marina.

Vai al mattino presto per vederlo come il più affollato e vivace, e assicurati di mangiare in uno dei numerosi ottimi posti per il pranzo nelle vicinanze almeno una volta durante il tuo soggiorno, preferibilmente prima che i personaggi del mercato del pesce e la cacofonia siano pieni.

Scirocco | L'opzione più popolare e probabile. Ambientati all'interno di un'antica macelleria che si affaccia sulla piazzetta dove hanno sede diversi pescatori, servono una semplice versione siciliana di fast food con frutti di mare appena fritti in coni di carta. Sono aperti anche fino a tardi, ma pensiamo sia meglio pranzare mentre il mercato è ancora in corso.

L'iska | In via Gisira, la strada incorniciata dagli ombrelloni dove la follia della follia comincia un po' a placarsi, questo è un ristorantino di pesce fresco.

Vuciata | Sempre su Via Gisira, questo è più un ristorante rivolto ai turisti, che offre una gamma di piatti tipici siciliani, ma una versione migliore e moderna del genere.

Sikule, vicino a Scirocco, era sempre popolare ma le recensioni non erano ottime, quindi non abbiamo mangiato lì.

Goditi le migliori viste di Catania

Situata proprio dietro la Cattedrale di Sant'Agata si trova la più piccola Chiesa della Badia di Sant'Agata, sede della migliore vista di Catania.

L'accesso avviene tramite la stretta scalinata in pietra verso una terrazza, e poi ancora qualche altra spirale di scale verso la cupola e le sue viste a 360° sulla città e sull'Etna che incombe in lontananza.

Dalle foto che abbiamo visto online, il vulcano è un'immagine perfetta quando ci sono cieli azzurri, ma spesso ci sono nuvole, nebbia, fumo - o una combinazione di tutti e tre - che lo oscurano (come possiamo attestare). Se hai cronometrato perfettamente, molti di voi saranno persino lassù per una delle sue numerose eruzioni.

Sia la chiesa che la Cattedrale si trovano all'interno di Piazza del Duomo, il cuore dell'antica Catania, e passerai più volte per la piazza mentre esplori. Mentre esci, fermati davanti alla curiosa scultura di lava nera di un elefante sorridente che trasporta un obelisco.

Conosciuto come " Liotru " dalla gente del posto, i racconti di una statua mistica di elefante venerata a Catania esistono da quasi mille anni, ma questa statua e la fontana in cima furono costruite negli anni '30 del Settecento, fungendo da allora da punto di incontro e di aggregazione.

Questo elefante e il suo castello è il simbolo e la mascotte della città, e il motivo per cui il suo stemma e lo stemma della locale squadra di calcio!

Una gita di un giorno sull'Etna

Sulla costa orientale della Sicilia, il vulcano più alto e attivo d'Europa domina lo skyline: l'Etna, 500.000 anni fa.

In uno stato di attività quasi costante, cumuli di fumo denso e scintille di lava non sono uno spettacolo raro, soprattutto dalla vicina città di Catania, un luogo il cui paesaggio e la cui topografia sono stati alterati, formati e trasformati in modo unico in seguito alla feroce eruzione dell'Etna 1669.

Con un terreno ghiaioso e scuro che è in qualche modo ultraterreno, l'Etna offre un'eccellente gita di un giorno dalla seconda città più grande della Sicilia. In effetti, è un grande motivo per cui le persone scelgono di basarsi a Catania per almeno una notte o due prima di dirigersi a nord oppure a sud.

Sebbene sia possibile visitare alcune aree dell'Etna in modo indipendente, scalare e percorrere il cratere del vulcano è consentito solo nell'ambito di una visita guidata autorizzata; a meno che tu non abbia un'auto a noleggio per guidare lì un'ora, un tour offre anche il modo più conveniente per arrivare / tornare da Catania.

È un'escursione abbastanza facile, ma non qualcosa da fare con le infradito e il beachwear, soprattutto considerando i 3.300 m di altitudine in vetta.

La Pasta alla Norma

La Pasta alla norma è un semplice ma divino incontro di melanzane arrosto o fritte, salsa di pomodoro, basilico e ricotta salata, e le sue origini affondano molto nel catanese.

La ricetta originale la si assaggia qui, non a Trapani né a Palermo.

Si racconta che Vincenzo Bellini, nato in città, mangiasse spesso lo stesso piatto nello stesso ristorante di Catania mentre componeva la sua famosa opera 'La Norma'. In omaggio al lavoro e al musicista, e forse per allontanare un po' di consuetudine dall'associazione, il ristoratore la ribattezzò ' pasta alla norma'.

Questo è ciò che ci ha portato a pranzare un giovedì alla Nuova Trattoria del Forestiero, un ristorantino nel quartiere che presumibilmente è la patria di una delle migliori norme tradizionali catanesi che si possano trovare. Gestita dalla formidabile signora Rosanna De Fiore da oltre 50 anni, ci ha fatto piacere vederla ancora in cucina, ad abbaiare ordini e istruzioni alla sua assistente, a cucinare tutto lentamente e con cura come se foste un ospite di casa.

La melanzana era fatta in modo diverso rispetto ad altre normali che abbiamo avuto in Sicilia, tagliata a fette piuttosto che a cubetti, con montagne di ricotta salata che la ricoprono e la pasta e l'abbiamo adorata assolutamente.

Proprio dietro l'angolo, troverai anche vari pezzi di street art e una piazzetta hipster per un drink nel Quartiere San Berillo  parte di un progetto comunitario per rigenerare il territorio.

Suggerimento | Un altro piatto caratteristico della città che dovete assolutamente provare è la pasta alla catanese, un piatto di pasta ripieno a base di pangrattato e acciughe.

Rimpinzarsi di nuovi sapori e piatti regionali è una parte importante dell'esperienza di viaggio in Sicilia e una delle migliori cose da fare a Catania, quindi non essere timido di mettere su qualche chilo in più mentre sei qui o trascorri un poco più sul cibo di quanto potresti fare di solito: abbiamo condiviso più consigli sul cibo nel nostro post cose meravigliose da fare in Sicilia.

Il Mercatino delle Pulci in Piazza Carlo Alberto di Savoia

Questo è il luogo in cui l'essenza di Catania, o almeno quella che credevamo fosse la sua essenza, ha preso vita per noi.

In questo mercato delle pulci tentacolare e affollato - chiamato anche Fera 'o Luni (fiera del lunedì) - i giovani cuciono jeans strappati per le anziane su Singer, i carrelli si piegano sotto il peso di prodotti freschi e borse contraffatte, vecchie nonne contraggono ferocemente su pomodori rossi maturi e carnose melanzane viola.

Un uomo ti risolverà per Rizlas e batterie, mentre il falso Gucci viene venduto proprio accanto a budella di pesce con la colonna sonora di un coro in competizione tra il tintinnio delle campane della chiesa, i latrati dei cani e le chiamate finali per i saldi di mezzogiorno.

Questo è un luogo comune e diversificato per i nuovi arrivati ​​a Catania e per coloro che non hanno mai lasciato i confini della città, così come per tutti quelli che si trovano nel mezzo, ed è una gioia vedere le sue scene svolgersi davanti a te.

Suggerimento | C'è un po' di street art a Catania, alcune buone, altre meno. Il più bello che abbiamo trovato è stato sui tre enormi silos in fondo al porto, ma è difficile avere una visione completa o una ripresa di loro poiché sono alloggiati in un'area di lavoro recintata. Il porto stesso è industriale e commerciale, non è un luogo dove i visitatori possono davvero girovagare, ma c'è l' edificio Vecchia Dogana che ospita eventi e mostre. Nelle vicinanze ' Open ' in Via Porta di Ferro c'è un fresco spazio di co-working.

Mangia e Bevi in ​​Via Gemmellaro

Abbiamo prima visitato questa zona della città in cerca di pranzo e drink dopo il mercato, per poi tornarci altre volte la sera.

Vermut è hipster-friendly ed economico, con molte opzioni vegetariane e non vegetariane in un piattino in stile tapas e bicchieri di vino locale per meno di € 2. È popolare tra gli studenti e un pubblico giovane.

Proprio dietro l'angolo in una piazzetta, Frequenzia è aperta anche fino a tardi e gestita da un gruppo di ragazzi simpatici con un grande gusto per la musica. Il cibo è semplice, le bevande sono forti ed è anche aperto fino a tardi.

Se la serata sta andando bene, ci sono altri cocktail bar e locali aperti fino a tardi nella zona. Se mangi negli altri ristoranti di Via Gemmellaro e puoi consigliarli, faccelo sapere nei commenti!

Quei due posti erano più il nostro tipo di atmosfera ma, continua da qui e troverai FUD, La Polpetteria e molti altri ristoranti in Via Santa Filomena; quei due sono tra i posti più popolari della città per i visitatori, ma il menu e l'allestimento del FUD non ci hanno particolarmente attratto e non mangiamo il polpo.

Per vegetariani e vegani (e tutti gli altri), possiamo anche indicarvi la direzione La Cucina Dei Colori. Sebbene uno o due piatti offerti durante il nostro pranzo siano stati più mancati che apprezzati, ha un'atmosfera fantastica ei loro valori si concentrano fortemente sui fornitori locali e sugli ingredienti naturali, biologici e di stagione. Il menu cambia ogni giorno, il pranzo prevede la scelta tra l'offerta al banco, mentre la cena è à la carte.

Una gita di un giorno Spiagge di Catania, Aci Trezza o Aci Castello

Catania non è una destinazione per le vacanze al mare. Credici su questo.

Se, tuttavia, stai visitando Catania durante una vacanza estiva, o durante un periodo di clima primaverile/autunnale favorevole, ti consigliamo vivamente di salire su un autobus per le graziose cittadine gemelle di Aci Castello e Aci Trezza.

La loro posizione a soli 45 minuti a nord della città significa che rimangono più i preferiti di un locale piuttosto che un'attrazione turistica, ma sono così adorabili che ci siamo basati su di loro due volte durante i nostri due viaggi in Sicilia - una volta invece di Catania, e una volta per gli ultimi giorni di sole estivo.

In alternativa, mentre Catania non è un posto dove venire per una vacanza in spiaggia in particolare, c'è una distesa di sabbia di 18 km nelle vicinanze che funge di fatto da spiaggia cittadina. Conosciuta come "La Playa di Catania", è abbastanza piacevole e piena di lidi, ma il nuoto non è eccezionale e non fa parte dei nostri consigli sulle migliori spiagge della Sicilia.

Se vivessi in città, andrebbe benissimo (è anche un locale notturno in estate), ma non è un posto per il quale andremmo in linea d'aria.

Per accedere alla spiaggia con i mezzi pubblici è sufficiente salire sull'autobus linea D da Catania. Tieni presente che poiché La Playa è così lunga, è bene avere un'idea in anticipo di dove vuoi scendere in modo da poter giudicare la fermata giusta. In alternativa, proseguire per Campo di Mare per meno lidi e più spiaggia libera (ma meno servizi ecc).

Se hai un'auto a noleggio, c'è un parcheggio gratuito lungo Via Kennedy, ma la tua opzione migliore e più sicura è parcheggiare all'interno del lido che stai visitando. Anche il parcheggio ovunque nei fine settimana estivi scarseggia, quindi arriva presto.

Visita Castello Ursino (o no)

Man mano che Catania cresce come destinazione culturale e turistica, immaginiamo che questo tozzo castello del XIII secolo costituirà il centro di gran parte della sua promozione, diventando una delle cose più popolari da fare a Catania.

Edificato per ordine di Federico II, Imperatore del Sacro Romano Impero, la posizione di Castello Ursino all'epoca su un promontorio circondato dal mare era chiara nel suo scopo difensivo.

Tuttavia, è un po' più difficile apprezzarlo ora, visto come Catania è cresciuta attorno al castello e l'impatto delle colate laviche dell'Etna del 1669 che hanno trasformato definitivamente la topografia della città.

Ursino fu anche sede del Parlamento siciliano durante i 'Vespri siciliani', nonché base dei vari poteri che governavano la regione.

Al momento, però, manca un po' per sfruttare al meglio il suo evidente potenziale, lo stato ben conservato e la posizione del centro città in Piazza Federico di Svevia.

Le sale e le mostre all'interno (il Museo Civico di Catania è qui, ma ce ne sono anche di temporanee) potrebbero essere più accattivanti e coinvolgenti, sentendosi un po' trascurate in termini di pensiero e narrazione.

Per questo motivo, alcuni di voi potrebbero semplicemente preferire apprezzarlo dall'esterno, soprattutto se si ha poco tempo.

Il Castello Ursino è aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 18:00. L'ingresso è di € 6 per gli adulti, € 3 per i bambini.

L'Anfiteatro di Catania

Potrebbe non essere fotogenico come il teatro romano di Taormina o il teatro greco lungo la costa di Siracusa, ma l'anfiteatro romano di Catania rimane interessante, soprattutto se quel periodo storico ti affascina.

A differenza dei suddetti teatri, l'anfiteatro di Catania del I secolo d.C. si trova proprio al centro di tutto e la città è cresciuta intorno ad esso nel corso degli ultimi secoli. Edifici relativamente moderni circondano i resti all'aperto, con la maggior parte della struttura sepolta o costruita sopra. Si pensa che il teatro originale fosse il più grande del suo genere sull'isola, con una capienza di 15.000 spettatori.

Prenditi del tempo per esplorare i tunnel e i passaggi dietro i sedili (ci siamo abbastanza persi in mezzo a loro). Ci sono anche alcuni pezzi in esposizione presso la biglietteria.

Il Teatro Romano di Catania si trova in Via Vittoria Emanuele II - Aperto dalle 9:30 alle 17:30.

Biglietti | € 6 a persona (€ 3 ridotto), che pensiamo sia più di quanto dovrebbe essere. Inoltre, le visualizzazioni/spiegazioni devono essere migliorate per rendere l'esperienza un po' più viva e trasmettere meglio la storia del sito.

Il barocco siciliano a Catania

Il 17° secolo non fu buono per Catania. Quattordici anni dopo che la città fu danneggiata e trasformata dalla feroce esplosione dell'Etna, un terremoto distrusse gran parte del sud est della Sicilia. Richiedendo la stragrande maggioranza di questa regione del Val di Noto - che comprende Caltagirone, Militello in Val di Catania, Catania, Modica, Noto, Palazzolo Acreide, Ragusa e Scicli - da ricostruire da zero, con Giovanni Battista Vaccarini che si assume la responsabilità Catania.

Tuttavia, da questo disastro sorse una forma architettonica distintiva e celebrata - il barocco siciliano - una tarda fioritura, evoluzione dello stile per mano di vari architetti siciliani che si assumevano l'imponente sforzo di ricostruire e disponendo, di fatto, di una tela bianca.

Questa singolarità architettonica è la ragione per cui l'intero Val di Noto e le sue otto città sono elencate e protette come patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Come ci si potrebbe aspettare da una città più grintosa che glamour, Catania non è la più fotogenica delle città del Val di Noto (per questo consigliamo di andare a Noto che ha l'atmosfera di un museo a cielo aperto), con molti degli edifici storici che hanno un disperato bisogno di un'energia pulita.

Detto questo, però, anche una breve passeggiata per il centro storico rivelerà molti esempi della versione molto particolare dell'architettura barocca.

Alcuni luoghi da conoscere in anticipo o pianificare il tuo percorso a piedi sono:

  • Via dei Crociferi - Costruita nel XVIII secolo, questa strada del centro cittadino fiancheggiata da imponenti chiese barocche, grandiose ville (e i relativi giardini) è considerata un simbolo di questo stile architettonico unico a Catania.
  • Via Giuseppe Garibaldi - Questa strada rettilinea da poker si estende per 1,2 km da Porta Garibaldi a Fontana dell'Amenano e offre splendide viste verso Piazza del Duomo dall'imponente cancello in bianco e nero di Piazza Palestro.
  • Basilica della Collegiata - Questa pregevole chiesa a pochi passi dal Duomo, è considerata uno dei più begli esempi di barocco siciliano. L'abbiamo ammirata solo dall'esterno ma è possibile entrare (aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 12:00 e dalle 17:00 alle 20:00, gratuito per tutti).
  • Monastero di San Nicolò l'Arena - Ne abbiamo parlato più dettagliatamente di seguito, ma il monastero ha diverse sezioni nello stile.

Il vino dell'Etna

Le pendici dell'Etna hanno fornito a lungo un sito ricco, ma capriccioso, per piccoli vigneti a conduzione familiare, ma i loro vini dell'Etna sono diventati sempre più rispettati e ricercati al di fuori della Sicilia negli ultimi due decenni.

Classificato e protetto sotto la denominazione Etna DOC - la prima in Sicilia - che copre i versanti settentrionale, orientale e meridionale della montagna, i viticoltori producono viti fino a circa 4.000 piedi sul livello del mare. Il terroir è comprensibilmente unico per la sua posizione sulle pendici del vulcano più attivo d'Europa, nonché per la diversità della produzione causata dai drammatici cambiamenti di altitudine. Il Nerello Mascalese e suo cugino Nerello Cappuccio sono i principali vitigni a bacca rossa; Carricante per il bianco.

Pertanto, quando si è a Catania, è d'obbligo assaggiare alcuni di questi vini iperlocali. Ecco alcuni wine bar che vi consigliamo

Razmataz, appena fuori dalla principale via dello shopping di Via Etnea, è un'ottima opzione per assaggiare una vasta gamma di vini locali in un ambiente rilassato. Un bicchiere costa tra i 4 e i 7 euro e i camerieri saranno felici di darti un suggerimento o due se non sei sicuro. Sebbene sia principalmente un wine bar, serve anche piatti grandi e piccoli (non possiamo garantirli perché stavamo solo bevendo qualche bicchiere di vino). Durante il giorno c'è spesso anche un mercato dell'artigianato locale nella strada fuori.

Wine & Charme Enoantiquoteca offre anche vari prodotti siciliani e cibi disponibili per l'acquisto, insieme alla sua selezione di vini siciliani. È un posto principalmente per turisti, non per gente del posto, ma ha molta più grazia e raffinatezza di quanto ci si possa aspettare da quella descrizione e il personale è felice di darti suggerimenti sui vini.

Il Monastero e la Chiesa di San Nicolò l'Arena

Ora, siamo realisti quando si tratta di capire gli stili di viaggio e non pensiamo nemmeno per un momento che un viaggio a Catania debba ruotare solo intorno a chiese, monasteri, castelli e rovine romane.

Per alcune persone queste saranno una parte significativa della loro esperienza della città, ma per altri potrebbe essere il caso di visitare più di una delle due e vedere il tuo livello di divertimento calare a zero (e Catania ha circa 90 chiese al suo nome). Non c'è niente di sbagliato in quest'ultimo approccio, a condizione che tu dedichi la tua curiosità ad altri aspetti della storia, dei prodotti e della storia di Catania!

Nella parte occidentale della città, a circa 10 minuti dal mercato del pesce, il Monastero dei Benedettini di San Nicolò l'Arena è Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO, uno dei più grandi d'Europa, ed esempio di architettura tardo barocca siciliana - ma noi mentendo se dicessimo che è qualcosa che secondo noi non dovresti assolutamente lasciare Catania senza aver visitato.

Per alcuni leggendo questo, potrebbe essere quasi un sacrilegio... ma è solo condividere la nostra prospettiva onesta per aiutarti a pianificare il tuo tempo.

Essendo parte dell'Università degli studi di Catania, puoi entrare in alcuni tratti senza biglietto, ma coincidere con la tua visita con le frequenti visite guidate è il modo migliore per apprezzare la storia del monastero e per accedere (quasi) a tutte le aree. Il biglietto della visita guidata di 75 minuti costa 8€ per adulto, 3€ per gli studenti, 2€ per i minori di 18 anni e gratuito per i minori di 12 anni - scopri di più sul loro sito web.

La Chiesa di San Nicolò l'Arena, la chiesa accanto con la sua facciata incompiuta e i pilastri rotti, ha però anche una bella vista della città dal tetto dal suo punto più alto, che vale la tassa di € 3 per salire le scale (la chiesa stessa è ad ingresso libero). Se il meteomar Catania è sereno, avrete una vista spettacolare dell'Etna che cova sullo sfondo, mentre molto interessante è anche la meridiana zodiacale lungo il pavimento nel corpo principale.

Il Sentiero Bellini

La città natale di Vincenzo Bellini rende giustamente omaggio alle sue opere e alla sua eredità musicale, con il suo nome attaccato a diverse istituzioni, strade e palazzi.

Inaugurato con una rappresentazione della Norma nel 1890, il Teatro Massimo Bellini all'interno della circolare Piazza Vincenzo Bellini, è una delizia dentro e fuori. È interessante notare che la sua facciata è un'imitazione dello stile barocco siciliano piuttosto che essere un originale dell'epoca. Se vuoi regalare a qualcuno una serata magica, fai coincidere la tua visita a Catania con uno spettacolo d'opera; un'opzione più conveniente potrebbe essere quella di partecipare alla visita guidata di 45 minuti che va dal martedì al sabato.

Più a nord della città, il curatissimo Giardino Bellini / Villa Bellini è lo spazio verde pubblico più grande e antico di Catania. Adornati con busti di vari musicisti, scrittori e politici catanesi, gli omonimi giardini sono un luogo in cui sfuggire alla calura dell'estate siciliana o prendersi una pausa dal girovagare per le strade di Catania per circa un'ora.

In anticipo, ti consigliamo di prendere qualcosa di dolce dalla vivace Pasticceria Savia, proprio di fronte alla scalinata principale. Risalente al 1897, Savia è una delle pasticcerie più antiche di Catania e da sempre una delle preferite dai locali, e mentre noi abbiamo optato invece per più gelato al pistacchio (in nome della ricerca, naturalmente), i pasticcini avevano un aspetto straordinariamente gustoso (la verità è troviamo tanti dolci siciliani troppo dolci).

Se sei appassionato di saperne di più sul "Cigno di Catania", allora considera di visitare il museo situato all'interno della casa d'infanzia del compositore. Non siamo stati al Museo Belliniano, ma è aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 19:00.

Come arrivare a Catania

La stazione dei treni ( Stazione Catania Centrale ) è vicino al mare, di fronte alla stazione degli autobus AST e AMT. È 20-25 minuti a piedi dal centro della città con le valigie, ma puoi anche salire su un autobus.

Altri collegamenti autobus da/per Catania partono o arrivano a Piazza Paolo Borsellino, che si trova proprio accanto alla pescheria in centro, e quindi punto di partenza/arrivo più comodo.

Dall'aeroporto di Catania

La maggior parte dei visitatori volerà all'aeroporto di Catania Fontanarossa, l'aeroporto internazionale noto anche come Aeroporto Internazionale Vincenzo Bellini, che è un hub trafficato per voli provenienti da altre parti d'Italia, nonché rotte economiche a corto raggio per la Sicilia dal Regno Unito e dall'Europa.

A marzo 2021 è stata aperta una nuova linea ferroviaria, con gli arrivi che ora possono camminare per 600 metri dal terminal fino alla stazione ferroviaria "Catania Aeroporto Fontanarossa" o attendere la navetta gratuita, che parte ogni 10 minuti. Il treno dall'aeroporto di Catania alla stazione di Catania Centrale costa €1,90 a persona e impiega 6-9 minuti.

In alternativa, sali sulla navetta AMT 'ALIBUS'. Ha partenze ogni 25 minuti e ti porta dall'aeroporto nel cuore di Catania e nella stazione ferroviaria. I biglietti costano 4 euro a persona, da convalidare prima dell'imbarco, e il viaggio dura circa 20 minuti.

Se non hai intenzione di soggiornare a Catania, puoi semplicemente collegarti a un treno in poi da Catania Centrale. Tuttavia, vale la pena sapere in anticipo che di solito è più facile e veloce salire sugli autobus diretti e convenienti da subito fuori dall'aeroporto verso destinazioni famose come Siracusa (1 ora) e Taormina (90 minuti).

Da Taormina

La tua tappa più probabile nel nord prima di Catania sarà Taormina. Da lì, puoi prendere l'autobus diretto per 90 minuti, oppure salire sul treno Intercity (40 minuti) o Regionale (1 ora) da Taormina-Giardini.

Da Siracusa o Noto

Se viaggi da sud-est, prendi semplicemente uno dei regolari Interbus diretti in partenza da Siracusa (90 min) e Noto (95 min). Questo è più veloce e più frequente del treno.

Da Noto, puoi di nuovo salire sull'autobus di linea (90 minuti) o prendere il treno per Siracusa e da lì collegarti a un treno o autobus nord.

SCHEDA TECNICA CATANIA

Per ulteriori informazioni:

Ufficio Informazioni Palazzo Minoriti
Via Etnea, 63/65
Tel. +39 095 4014070
Email: [email protected]

Ufficio del Turismo Via V. Emanuele,172
Tel. +39.095.742.5573 Fax: +39.095.742.5515
Email: [email protected]
Orario di apertura da Lunedì a Sabato 8:15-13:00 e 14:00-19:00

Siti Web:
Assessorato provinciale al turismo: www.turismo.cittametropolitana.ct.it

Distanze: Roma 810 Km, Milano 1.363 Km, Venezia 1.307 Km (fonte google maps)
Meteomar Catania: periodo consigliato: Tutto l’anno.

Alcune fotografie di Catania

Catania Catania
Catania Catania

 

 

Questo articolo contiene link di affiliazione. Tutto ciò non comporta alcun costo aggiuntivo per te, mentre per noi significa ricevere una piccola commissione su qualsiasi tuo acquisto fatto attraverso i nostri link. È un modo per supportare le nostre attività.
Grazie per sostenerci.

Ami viaggiare? Vuoi tornare a farlo in sicurezza? Anche noi e non possiamo pensare ad un viaggio senza preoccuparci di fare un’assicurazione di viaggio per proteggersi da ogni imprevisto che può accadere prima o durante il vostro viaggio, soprattutto in questo periodo in cui spesso le condizioni cambiano velocemente.

Queste sono le compagnie a cui ci rivolgiamo:

  • Frontier Assicurazioni - www.frontierassicurazioni.it

Fai un preventivo gratuito e senza impegno per verificare quale sia la migliore soluzione per te e la tua famiglia.