Cantine aperte 2017

Cantine aperte 2017 : Tutte le info sull’evento, in programma l’ultimo weekend di maggio in tutta Italia

Torna Cantine Aperte, torna uno degli appuntamenti a carattere enologico più apprezzati in Italia. Da tempo è partito il countdown per l’edizione n.25 della manifestazione, in breve tempo diventata l’appuntamento più amato del Movimento Turismo del Vino, la più importante associazione no profit delle cantine d’Italia.

Le date delle Cantine Aperte di quest’anno sono sabato 27 e domenica 28 maggi, ovviamente in tutta Italia. Moltissimi saranno gli eventi, dalle degustazioni alle visite in vigna; ogni cantina ovviamente avrà i suoi tempi e le sue iniziative, che a breve inizieremo a scoprire. Prima preò, ancora qualche parola sull’evento

Cantine Aperte è diventato negli anni, successo dopo successo, l’evento enoturistico più importante in Italia. Dal 1993, come detto, l’ultima domenica di maggio, le cantine socie del Movimento Turismo del Vino aprono le loro porte al pubblico, favorendo un contatto diretto con tutti gli appassionati di vino.

L’evento è diventato nel tempo una filosofia, uno stile di viaggio e di scoperta (o riscoperta) dei territori del vino italiano.

La formula funziona perché ogni anno sempre più turisti, curiosi ed enoappassionati sono portati ad avvicinarsi alle cantine, desiderosi di fare un’esperienza diversa dal comune.

Oltre alla possibilità di assaggiare i vini e di acquistarli direttamente in azienda, è possibile entrare nelle cantine per scoprire tutti i passaggi della vinificazione, dal recupero di antiche tradizioni all’utilizzo delle tecnologie più moderne.

Protagonisti di Cantine Aperte sono giovani, comitive e coppie, che contribuiscono ad animare le innumerevoli iniziative di cultura gastronomica e artistica che fioriscono attorno all’evento in tutto il Paese, su iniziativa degli stessi vignaioli.

Cantine Aperte ha riscosso nel tempo un successo crescente, anche grazie ad una maggiore consapevolezza dei produttori, che hanno visto svilupparsi potenzialità di accoglienza e di valorizzazione inattese. Può essere il destino del turismo? Sì, no, forse, ma andiamo per gradi.

Da un certo punto di vista è una strada ancora in buona parte inesplorata: quanti produttori sanno fare accoglienza? Quanti hanno pensato, al momento di fare impresa, che le loro cantine sarebbero uscite dal rigoroso processo vinicolo per diventare meta di turismo? Non in molti (tante delle cantine che partecipano sono veri e propri pezzi di storia), per questo ancora tanta strada resta da fare.

Dall’altra però, il tempo libero si riduce ogni anno sempre di più, e al netto delle vacanze canoniche, eventi del genere sono il massimo per ritemprarsi, stare a contatto con la natura e le eccellenze del territorio e spesso in luoghi vicino casa.

Infine però, una piena accessibilità del turista nei luoghi di produzione snaturerebbe il concetto di eccellenza. Per questo queste giornate sono così preziose. Avvicinano all’eccellenza in un contesto e in date esclusive. Per sapere tutti gli eventi di questa due giorni basta andare sul sito www.movimentoturismovino.it/cantine-aperte.

L’inguaribile viaggiatore Modestino Picariello
inguaribile.viaggiatore(at)yahoo.it