Kom Ombo
Kom Ombo in Egitto : una guida per i visitatori

Cosa vedere al TEMPIO di KOM OMBO, Egitto

Il Tempio di Kom Ombo è uno dei più bei templi doppi dedicati a due triadi di divinità:

  • La metà orientale del tempio di Kom Ombo è dedicata alla prima triade composta dal dio coccodrillo Sobek - dio del Nilo e creatore del mondo, sua moglie Hathor e il loro figlio Khonsu.
  • Il lato occidentale del tempio di Kom Ombo è dedicato a un secondo gruppo costituito dal dio falco Haroeris (Horus il Vecchio) – dio del cielo e protettore del re, sua moglie Tasenetnofret e il loro figlio Panebtawy.

Sfortunatamente, la maggior parte delle strutture originali del tempio di Kom Ombo sono andate perdute. La maggior parte è stata distrutta da forze naturali o da esseri umani che hanno utilizzato i materiali del tempio per la costruzione di altri edifici. E, proprio come quasi in ogni tempio, molti rilievi sono stati deturpati dai copti.

Ciò che è rimasto e visibile oggi, fu costruito durante il periodo tolemaico dal 108 al 47 a.C.

Scopri cosa vedere al Tempio di Kom Ombo. Ecco le mie 9 cose da non perdere se hai intenzione di visitare il tempio.

Prima di partire per questo viaggio, consiglio vivamente di acquistare il Frasario Italiano-Arabo su Amazon.it che vi sarà molto utile durante il tuo viaggio in questa magnifica nazione.
È ricco di tutte le parole e le frasi essenziali di cui avrai bisogno e ti aiuterà in ogni situazione: dalla ricerca di una camera d'albergo, per ordinare un piatto al ristorante oppure per chiedere informazioni turistiche, questo frasario tratta quasi tutte le situazioni che potresti incontrare durante il tuo viaggio.

Dove si trova il tempio di Kom Ombo

Il Tempio di Kom Ombo Sobek si trova sulla riva del fiume Nilo tra Edfu e Assuan nella piccola cittadina di Kom Ombo.

Come la maggior parte dei turisti, probabilmente arriverai a Kom Ombo su una delle navi da crociera sul fiume Nilo e poi farai un giro del tempio.

Per me è stato il secondo giorno di crociera sul Nilo. La mia guida turistica mi ha detto di essere pronto alle 6:30. Mi ha detto che se andiamo presto, avrei il tempio di Kom Ombo praticamente tutto per me. Quando arrivammo ai terreni del tempio, era ancora buio ed è stata una grande esperienza vedere il tempio splendidamente illuminato. Poi, ho visto un'alba fantastica ed i primi raggi di sole illuminare l'intero posto.

Prima di entrare nel tempio di Kom Ombo vale la pena dare un'occhiata a un'interessante tecnica di costruzione usata nell'antico Egitto.

Per unire insieme due blocchi di pietra, gli egizi praticavano un foro in entrambe le pietre e inserivano un pezzo di legno.

Man mano che il legno si espande dall'umidità, il giunto di legno terrà saldamente insieme i blocchi di pietra.

Cosa vedere al tempio di Kom Ombo (9 cose da non perdere)

1. Cortile di Augusto

Il Cortile di Augusto presso il Tempio di Kom Ombo era circondato sui lati nord, ovest e sud da file di colonnati. C'erano un totale di 16 colonne. Oggi rimangono solo le metà inferiori delle colonne.

Al centro del cortile si notano i resti di una base d'altare quadrata. Su ogni lato dell'altare ci sono piccole bacinelle per accogliere l'offerta fatta a ciascuno degli dei.

Tuttavia, penso che più interessanti siano gli schermi di pietra lungo il lato est e ovest del cortile del tempio di Kom Ombo. In particolare, lo schermo sul lato est è molto ben conservato. Raffigura Haroeris dalla testa di falco e Thoth dalla testa di ibis con Tolomeo XII Neos Dionysos.

2. Sale ipostile

Dall'altra parte del cortile del tempio di Kom Ombo si trova la prima sala ipostila, che conduce a una seconda sala ipostila leggermente più piccola di un design simile. Entrambi hanno due file di cinque colonne autoportanti.

I capitelli delle colonne sono splendidamente decorati. Inoltre, da notare i divieti dei geroglifici con il simbolo della vita (ankh).

Assicurati di guardare anche verso l'alto per vedere gli spettacolari avvoltoi di colore blu che simboleggiano Nekhbet e Wadjet dipinti sul soffitto.

Ci sono bellissimi rilievi in ​​​​tutte le sale ipostile del tempio di Kom Ombo.

Guarda la rappresentazione di Horus e Thoth che versano l'acqua della consacrazione su Tolomeo XII.

3. Le Anticamere e il Santuario

Dopo aver attraversato le due sale ipostile del tempio di Kom Ombo, entrerai in una serie di tre anticamere. Alla fine ti condurranno ai due santuari interni.

A sinistra si trova il santuario dedicato ad Haroeris, mentre a destra si trova il santuario di Sobek.

La mia guida mi ha detto che sotto la parte interna del tempio di Kom Ombo ci sono un certo numero di stanze. Ha detto che alcuni di loro hanno tre livelli. Ci sono anche una serie di passaggi nascosti.

4. Il rilievo dell'antico calendario egiziano

Nella sezione interna del muro di cinta esterno del tempio di Kom Ombo troverai il rilievo dell'antico calendario egizio.

Rappresenta un programma annuale di eventi specificamente legati al Tempio di Kom Ombo.

Il calendario fungeva da agenda per i sacerdoti e le sacerdotesse del tempio. Ha aiutato a programmare e organizzare i servizi e i rituali.

Il rilievo è diviso in tre pannelli. E dovrebbe essere letto da destra a sinistra. Quindi, il primo pannello descrive la data e il mese e la stagione. Il secondo pannello dettaglia il tipo di servizio presentato. E, infine, il terzo pannello, riguarda gli dei locali.

L'antico calendario egizio consisteva in:

  • un anno, che era diviso in 3 stagioni: alluvione, coltivazione e raccolta
  • ogni stagione è stata divisa in 4 mesi
  • ogni mese è stato suddiviso in 3 settimane
  • ogni settimana era divisa in 10 giorni

Questo è davvero affascinante e voglio mostrarti come leggere il primo pannello che è la descrizione di giorni, mesi e stagioni.

Quindi, per cominciare:

  • il simbolo del disco solare significa un nuovo giorno
  • successivamente, una U rovesciata rappresenta il numero dieci
  • infine, il simbolo I rappresenta il numero uno

5. Rilievi di donne sedute su sedie da parto

Il rilievo mostra due donne che usano sedie da parto o sgabelli per partorire. Le sedie o gli sgabelli erano fatti di mattoni e avevano un foro o un taglio nel sedile attraverso il quale veniva partorito il bambino.

Se guardi da vicino il rilievo della donna in basso, noti un oggetto a forma di trono sulla sua testa. È un geroglifico per la dea Iside, protettrice della fertilità e della maternità.

6. Rilievi di strumenti chirurgici e rituali

Accanto alle donne sugli sgabelli da parto c'è un'incisione che rappresenta strumenti medici e chirurgici, o forse anche alcuni strumenti rituali. Si pensa che questo rilievo sia la prima rappresentazione di strumenti correlati alla medicina.

Puoi vedere pinze, flaconi di medicinali, prescrizioni, curette, bilance, coppette e molti altri.

È possibile che il Tempio di Kom Ombo operasse come tempio di guarigione. Haroeris (Horus il Vecchio), era venerato come guaritore, e quindi molti pellegrini venivano al tempio nella speranza di curare eventuali problemi di salute.

7. Nilometro

A sinistra del tempio di Kom Ombo c'è un grande pozzo con una scala discendente. Era usato come Nilometro.

È interessante notare che un nilometro era una struttura utilizzata dagli antichi egizi per misurare quanto alta o bassa sarebbe stata l'alluvione del fiume Nilo. Se fosse basso, causerebbe la carestia. Se fosse troppo alto, potrebbe anche essere distruttivo. C'era un segno all'interno del pozzo che indicava il livello dell'acqua che produceva raccolti di successo.

Tutto sommato, il Nilometro ha aiutato a prevedere l'esito del raccolto e calcolare l'aliquota fiscale per l'anno.

8. Pilone

In origine, il pilone del tempio di Kom Ombo aveva una doppia porta. Tutto ciò che rimane oggi è la parte inferiore della sezione di destra. Tuttavia, non perderlo.

Scopri il rilievo dell'imperatore romano Domiziano che fa offerte a Sobek, Hathor e Khonsu. Inoltre, dai un'occhiata a un lungo testo di 52 righe in geroglifici.

9. Il Museo della Mummia di Coccodrillo

Accanto al tempio di Kom Ombo si trova il Museo della mummia del coccodrillo. Contiene un gran numero di mummie di coccodrilli che vanno dall'uovo alla taglia adulta. Onestamente, da non perdere! È uno dei musei più belli che ho visitato in Egitto.

Imparerai tutto sul dio Sobek, vedrai bellissimi votivi offerti dai pellegrini che venivano ad adorare Sobek e imparerai tutto sul processo di mummificazione.

I coccodrilli erano abbondanti lungo le rive del fiume Nilo a Kom Ombo, quindi non è del tutto una sorpresa il motivo per cui venererebbero qui il dio coccodrillo Sobek.

Tuttavia, dalla costruzione della diga di Assuan non ci sono coccodrilli nel Nilo a nord della diga, quindi se vuoi avvistarli in natura devi andare a sud verso il lago Nasser o altri paesi lungo il Nilo come il Sudan.

Alcune ultime impressioni su Kom Ombo

Dopo il tour informativo, ho avuto del tempo libero per esplorare il complesso del tempio di Kom Ombo a mio piacimento.

Questo è stato molto apprezzato perché oltre ad aver bisogno di un po' più di tempo per la fotografia, mi è piaciuto molto avere il tempo in più per assorbire l'ambiente unico in tutta tranquillità.

 

 

Questo articolo contiene link di affiliazione. Tutto ciò non comporta alcun costo aggiuntivo per te, mentre per noi significa ricevere una piccola commissione su qualsiasi tuo acquisto fatto attraverso i nostri link. È un modo per supportare le nostre attività.
Grazie per sostenerci.