Kandy cosa vedere
Kandy cosa vedere

Kandy cosa vedere

Continua oggi il racconto della nostra lettrice Barbara Mattiuzzo. Se vi siete persi l'inizio della sua avventura in Sri Lanka, la potete leggere al seguente link: www.inguaribileviaggiatore.it/colombo-sri-lanka.

Dai finestrini del mini van che mi sta portando a Kandy il panorama lentamente cambia.

A Matala ci fermiamo in un centro di medicina ayurvedica, ufficialmente riconosciuta dallo stato dello Sri Lanka.

In questi centri si può imparare l’utilizzo delle tante erbe e piante che la natura cingalese offre.

Ravi, che mi accompagna tra alberi e piante, mi spiega che ci vogliono 3 anni di studi per diventare medico ayurvedico.

Mi racconta come usare gli oli di rosa, di frangipane, di cocco reale, cosa si cura con il cardamomo, la noce moscata o il cocco giallo e mi mostra piccole noci colorate, radici di curcuma, bacche di pepe e fave di cacao.

Mi fa sentire la consistenza di un olio di sandalo o la crema preparata con aloe vera, il balsamo con olio di cannella.

L’Ayurveda si occupa di tutti gli aspetti del benessere, fisico, psichico e spirituale e utilizza non solo con preparati fatti con sostanze naturali ma anche massaggi, tecniche di purificazione e rilassamento.

Molto dei rimedi di questa scienza antichissima, risale a 5000 anni fa, sono parte anche della ricchezza di ogni famiglia cingalese, come mi spiega Jud che tanti insegnamenti ha avuto dalla nonna.

Arrivo a Kandy

Arrivo a Kandy mentre scende la sera e sopra il lago artificiale su cui si affaccia la città, volano grandi pipistrelli e grossi pellicani.

Attorno le montagne sono ricoperte da foreste e piantagioni di the.

A 500 metri di altitudine, capitale nel 1590, Kandy è famosa in tutto il mondo buddista per il dente di Buddha custodito nel Sri Dalada Maligawa.

Ci andiamo il mattino seguente per assistere all’esposizione della reliquia.

La leggenda dice che il dente, trovato tra le ceneri della pira funebre di Buddha, per alcuni anni rimase in India dove si scatenarono guerre per entrarne in possesso, finché una principessa lo portò in Sri Lanka nascondendolo fra i capelli.

A Kandy arrivò nel 1850 e l’unico momento in cui esce dal tempio è la grande processione che si tiene ogni agosto.

Io sono qui in attesa con centinaia di fedeli, religiosi, famiglie intere, una lunga fila che si snoda tra le sale e le scale del tempio.

I monaci iniziano la cerimonia con preghiere in una stanza chiusa, spargendo incenso e suonando tamburi e trombette.

Il fervore e la trepidazione sono palpabili.

Osservo la donna anziana accanto a me. Vestita di bianco, i capelli raccolti, le mani giunte in preghiera, gli occhi fissi sulla porta dorata che custodisce la teca.

Nulla la distrae, né la folla che avanza spingendo, né i turisti armati di macchine fotografiche.

Ci sono gruppi di fedeli seduti per terra mentre pregano, famiglie con bambini, i più piccoli in braccio, i più grandicelli che si avvicinano timorosi al tavolo delle offerte per lasciare fiori, piattini di frutta o di riso.

L’esperienza indimenticabile non è veder per una frazione di secondi la reliquia, ma stare immersi in quest’atmosfera di devozione, raccoglimento, serenità, in cui la calca della gente attorno non si percepisce, non si sente né ansia né timore.

Le piantagioni di the

La zona centrale dell’isola quella che da Kandy sale fino ai 2000 metri di Nuwara Eliya è famosa in tutto il mondo per le piantagioni di the.

Furono i coloni britannici che iniziarono la coltivazione di queste montagne.

Ci provarono con il caffè ma dovettero arrendersi a un fungo che uccideva la piantine.

Non si scoraggiarono e provarono con le piante del the.

Presto le coltivazioni ricoprirono le montagne con quel verde che caratterizza il panorama attorno a me.

Nel cielo corrono nuvole cariche di una pioggerellina che crea un clima da “Little England”.

Qua e là vedo tanti puntini colorati: sono le raccoglitrici perché il delicato lavoro di raccolta delle foglie di the è esclusivamente femminile ed è duro e faticoso.

Interamente svolto a mano, ogni foglia viene messa in un sacco che le donne tengono tra la testa e le spalle.

Avvicino le lavoratrici in un luogo dove il raccolto viene pesato e loro ricevono la paga.

Visitando una Tea Factory imparerete la differenza tra un the coltivato a bassa quota, dal sapore più forte e quello di alta quota più costoso e delicato nel gusto e che le montagne dello Sri Lanka ci regalano non solo ottimi the neri e verdi ma anche una pregiatissima qualità di the bianco.

Il racconto del viaggio in Sri Lanka, terminerà con l'articolo www.inguaribileviaggiatore.it/yala-park/.

L'inguaribile viaggiatrice Barbara Mattiuzzo
inguaribile.viaggiatore(at)yahoo.it

Se anche te vuoi condividere la tua esperienza di viaggio in qualche parte d'Italia o del mondo, non ti resta che contattarci!!!

SCHEDA TECNICA KANDY COSA VEDERE

Siti Web:
Sito ufficiale del turismo in Sri Lanka: www.srilanka.travel

Come si raggiunge:
In aereo:
L’aeroporto internazionale di Colombo Bandaranayake si trova a circa 40 minuti in taxi o pullman dal centro della città.
L’indirizzo esatto è: Bandaranayake Airport
Katunayake,
SRI LANKA
Tel. +94 (0)112252861
Una volta arrivati dall’Italia all’aeroporto di Bandaranayake, vi suggerisco di non accettare passaggi da persone non autorizzate, ma di recarvi presso lo sportello dei taxi ufficiali che si trova usciti dall’aeroporto a sinistra, il quale vi chiamerà il taxi e vi rilascerà una ricevuta con l’importo esatto da pagare.

Ambasciata: Ambasciata d`Italia in Sri Lanka ed Isole Maldive
55, Jawatta Road - Colombo (Sri Lanka)
Tel.: (0094) 11 258.83.88 / Fax: (0094) 11 259.63.44
Email: ambasciata.colombo@esteri.it
Web: www.ambcolombo.esteri.it

Documenti: Per i cittadini italiani serve il passaporto con una validità` residua di almeno sei mesi.
Fuso orario: +4h.30 rispetto all'Italia; +3h.30 quando in Italia è in vigore l'ora legale.
Voltaggio energia elettrica: Corrente elettrica a 220 volt con spine di tipo inglese, per cui è necessario munirsi di un adattatore.

Valuta: L’unità monetaria è la Rupia dello Sri Lanka (LKR)
1 Euro = 162,64 LKR - 1 LKR = 0,01 Euro

Vaccinazioni obbligatorie: Nessuna, anche se prima di partire è meglio consultare il sito: www.viaggiaresicuri.it/sri_lanka

Periodo consigliato: Tutto l’anno, tenendo presente che la stagione monsonica delle piogge va da novembre ad aprile nelle regioni nord-orientali.e da maggio a settembre in quelle sud-occidentali.

 

 


Booking.com