valle de la luna bochas Cuyo

Viaggio a Cuyo

Viaggio a Cuyo

Deserti e vigneti, città affollate e valli silenziose, cime innevate e pianure secche, Cuyo è una terra di estremi.

Il Cuyo comprende le province di Mendoza, San Juan, San Luis e La Rioja. La città più grande è Mendoza, con una popolazione totale di circa 1 milione di abitanti, situata a 1.060 km (659 miglia) a ovest di Buenos Aires.

Dove andare

L'ovest argentino non è così selvaggio come prima. Una volta che una precaria città di frontiera attendeva nervosamente il prossimo terremoto, Mendoza, la città più grande della regione, è diventata una prospera e prospera metropoli.

Il Sciogliere dell'acqua dai ghiacciai delle Ande alimenta fiumi che tagliano le pianure secche sottostanti; a loro volta alimentano i frutteti e i vigneti che hanno reso Mendoza e, in misura minore, San Juan, le più importanti regioni produttrici di frutta e vino del paese.

Tuttavia, queste oasi sono l'eccezione, non la regola. In luoghi come la Valle della Luna di La Rioja, dove i fiumi si sono prosciugati milioni di anni fa, niente vive e nulla si muove - tranne il vento che si infrange sulle scogliere di arenaria.

In queste aree è più probabile vedere un paleontologo che un viticoltore: Cuyo è una mecca per i cacciatori di dinosauri.

Cosa fare

In termini di turismo, la regione attrae sia avventurieri che edonisti. Per il primo ci sono escursioni di rafting sulle rapide distese di fiumi di neve, escursioni ai piedi delle Ande, giri in kart con il vento su antichi laghetti lacustri e salti nel cielo su un parapendio.

Gli scalatori vengono da tutto il mondo per scalare il Monte Aconcagua - a 6.960 metri (22.841 piedi) la vetta più alta al di fuori dell'Himalaya.

Per gli edonisti le attrazioni del Cuyo (e Mendoza in particolare) si possono riassumere in una sola parola: il vino.

La ricettività delle molte cantine della provincia al turismo è aumentata in proporzione alla fama dei loro vini. Ora è possibile passare un giorno con una guida saltando da una cantina di Mendoza all'altra, assaggiando l'ultima annata e visitando le strutture.

Luoghi da visitare nel Cuyo

Città di Mendoza e le sue pregiate cantine vinicole

Mendoza non assomiglia alla metropoli di Buenos Aires, ha il suo fascino e una ricchezza di attività culturali. I residenti trapiantati dalla capitale vantano una felice conversione al ritmo più rilassato di Mendoza.

Sparse tra le fertili pianure e le valli attorno a Mendoza ci sono centinaia di aziende vinicole, che vanno dalle piccole attività familiari alle enormi fabbriche di alcolici di proprietà straniera.

Tutta questa coltivazione è resa possibile da un'estesa rete di canali di irrigazione, originariamente collocata in epoca pre-colombiana e estesa durante l'era coloniale.

L'area è benedetta da una inebriante combinazione di acqua abbondante, terra sabbiosa, clima secco e sole tutto l'anno, che rende enormi i raccolti di uva.

I tour del vino possono essere organizzati tramite un'agenzia specializzata, ma un modo più piacevole per fare il giro è acquistare una mappa, noleggiare un'auto (o una bicicletta) e trovarli da soli.

Questo offre l'opportunità di percorrere le deliziose stradine di campagna, fiancheggiate da pioppi e fiori selvatici.

Un buon punto di partenza per un tour del vino è Bodega La Rural, a Maipú, a 16 km (10 miglia) dal centro di Mendoza.

Questa enorme azienda vinicola, fondata dalla famiglia Rutini verso la fine del 19 ° secolo, ospita un eccellente museo del vino che ti aiuterà a capire come si è sviluppata la tecnologia del settore negli ultimi quattro secoli, dalle brocche di terracotta ai dispositivi di tappatura manuale e carri trainati a cavallo dell'era coloniale ai carri armati di acciaio inossidabile usati oggi.

La più importante regione vinicola di Mendoza è Luján de Cuyo, situata a circa 20 km a sud-ovest della capitale.

L'area è sede di molte delle più rispettate cantine vinicole argentine - quelle che hanno fatto di più per trasformare l'immagine dell'industria vinicola del paese da quella di un gigante dormiente che produce vino scadente a quello di un esportatore di vini pregiati d'avanguardia.

Inoltre, a un'ora di auto dalla città di Mendoza si trova la stupenda Valle de Uco.

Qui ci sono una serie di importanti cantine aperte ai visitatori, tra cui Salentein, Lurton e Clos de los Siete.

Aconcagua

A 6.960 metri (22.841 piedi), Aconcagua è la vetta più alta al di fuori dell'Himalaya. La torreggiante montagna è al centro del Parque Provincial Aconcagua, un'importante riserva naturale.

Aconcagua significa "torre di guardia di pietra" nel dialetto di Huarpe.

È perennemente ricoperta dalla neve, e la sua faccia meridionale visibile presenta un tremendo muro di 3000 metri di ghiaccio e pietra.

L'aria limpida della montagna crea l'illusione che Aconcagua si trovi abbastanza vicino alla strada, ma il picco è in realtà 45 km (28 miglia) di distanza. Si può arrivare fino alla Laguna de los Horcones, un lago di colore verde alla base della montagna.

La maggior parte delle spedizioni affronta la parete nord. La salita è "immediata", nel senso che non è richiesta alcuna competenza tecnica, ma un'eccellente forma fisica e attrezzature adeguate sono indispensabili.

La maggior parte delle vittime sulla montagna sono dovute a mal di montagna, attrezzature inadeguate o scalatori che tentano di scalare contro il consiglio delle loro guide.

Il Cementerio de los Andinistas è un piccolo cimitero per coloro che sono morti - e alcuni muoiono ogni anno - nel tentativo di scalare il Cerro Aconcagua.

Il momento migliore per tentare la salita è da metà gennaio a metà febbraio.

Ulteriori informazioni possono essere ottenute a Mendoza presso il Club Andinista o sul sito Web di Aconcagua (www.aconcagua.com).

Rafting in acque bianche nel fiume Mendoza

Prova a fare rafting sul fiume Mendoza! Questo fiume selvaggio passa per tutte le valli vinicole della regione, ma può anche darti un pomeriggio di avventura.

Ci sono diverse compagnie che possono portarti fuori sulle rapide e ti prestano tutte le attrezzature di cui hai bisogno, come mute, scarpe, caschi e giubbotti di salvataggio.

La tua guida ti fornirà un briefing sulla sicurezza prima di colpire le rapide di Classe III, e alcuni di loro prenderanno persino le tue foto durante il viaggio lungo il fiume con sullo sfondo le montagne delle Ande

Sorgenti termali calde

Dopo tutto questo duro esercizio di rafting, potresti essere stanco e voler rilassarti.

Dirigetevi verso le sorgenti termali di Termas Chacueta, un resort perfetto per trascorrere la giornata a ritembrarvi.

Termas Chacuetas è un complesso completo di piscine interne ed esterne, sorgenti calde, calde e fredde, piscina e bagni di fango. A metà giornata, agli ospiti viene servito un delizioso brunch a buffet .

Sono solo circa 45 minuti al di fuori della capitale Mendoza nella piccola città di Chacueta, queste sorgenti termali sono un ottimo modo per godere appieno del clima e della geografia della regione.

Valle de la Luna

Per chiunque abbia anche un interesse passeggero in geologia, Valle de la Luna (ufficialmente conosciuta come Parque Ischigualasto provinciale) è una parte essenziale di un itinerario di Cuyo, ma non è facile da raggiungere.

Questo vasto parco copre un'area di 62.000 ettari (153.000 acri) e, insieme al Parque Provincial Talampaya a La Rioja, forma un sito del patrimonio mondiale dell'Unesco.

Il Parque Ischigualasto provinciale si trova in una grande depressione naturale dove l'erosione costante del vento e dell'acqua attraverso millenni ha scolpito una serie di formazioni di arenaria dalle forme strane e dall'abbondanza di colori.

Oltre alla sua bellezza, la Valle de la Luna ha un grande significato geologico e paleontologico.

In epoca preistorica (anche prima della nascita delle Ande) quest'area era coperta da un immenso lago, circondato, durante il Triassico, da una ricca fauna e flora.

Un rettile lungo due metri, il Dicinodonte, era uno degli abitanti più tipici della zona. Sessantatre specie diverse di animali fossilizzati sono state trovate qui.

Con questo articolo finisco di raccontarvi l'Argentina, se volete leggerlo dall'inizio, non vi resta che cliccare su: Argentina, mi amor (parte I)).

Alla prossima meta.
inguaribile.viaggiatore(at)yahoo.it

SCHEDA TECNICA ARGENTINA

Per ulteriori informazioni:
Ambasciata argentina di Roma
Piazza dell’Esquilino 2 – 00185 Roma
Orario d’apertura: dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00
Telefono: 06 648073300 - Fax: 06 48073352
Email: privada@ambasciatargentina.it

Siti Web:
Ambasciata argentina di Roma: www.ambasciatargentina.it

Ministero del turismo argentino: www.turismo.gov.ar (il lingua inglese, spagnolo e portoghese)

Come si raggiunge:
In aereo:
Gli unici voli diretti che collegano l’Italia all’Argentina sono i voli Roma – Buenos Aires operati dalle compagnie aerre Alitalia e Argentina Aerolineas (durata volo circa 14 ore). Le altre compagnie aeree effettuano il collegamento, ma con uno o più scali.

Ambasciata:
Ambasciata d'Italia a Buenos Aires
Calle Billinghurst, 2577
1425 Buenos Aires
tel. 005411 40112100 - fax 005411 40112159
mail: ambasciata.buenosaires@esteri.it
Web: www.ambbuenosaires.esteri.it

Documenti: Per i cittadini italiani serve il passaporto con validità residua di almeno sei mesi al momento dell’ingresso nel Paese.
Fuso orario: 4 ore in meno rispetto l’Italia.
Voltaggio energia elettrica: La corrente elettrica è a 220 V mentre le prese di corrente sono uguali a quelle italiane ma per sicurezza è meglio dotarsi di un adattatore universale.
Valuta: L’unità monetaria è il Peso Argentino (ARS) 1 ARS = 0,15 Euro - 1 Euro = 6,69 ARS
Vaccinazioni obbligatorie: non richieste; si consiglia la vaccinazione contro la febbre gialla a coloro che intendano visitare la zona delle cascate di Iguazu.
Periodo consigliato: Tutto l’anno.

 

 


Booking.com