Islanda on the road

Islanda on the road

Islanda on the road

Salve Inguaribili Viaggiatori,
in questi giorni abbiamo voglia di raccontarvi uno dei viaggi che vorremmo tanto fare e che speriamo di poter realizzare presto, ovvero il tour dell'Islanda on the road, intanto ci documentiamo.

La premessa è data dalla nostra passione per le vacanze on the road, questa modalità di vacanza risponde perfettamente alla passione di una metà della coppia per la guida e più i percorsi sono complicati e maggiore è il divertimento.

Chi condivide questa passione conosce bene la sensazione che si ha nel guidare per ore solo per raggiungere alcuni dei luoghi più belli al mondo.

E’ un’esperienza unica, da vivere almeno una volta nella vita, perché anche i tragitti che permettono di ammirare gli scenari più spettacolari diventano parte dell’esperienza di viaggio.

Ma bisogna ricordarsi, affinché un viaggio in Islanda on the road resti una bella esperienza e non diventi un incubo, di sottoporre il mezzo di trasporto ad un check-out completo per evitare di correre rischi inutili e quindi guidare in piena sicurezza.

Quest’ultima considerazione assume fondamentale importanza quando si parla di scorrazzare per le fredde terre di Islanda on the road.

Islanda on the road - Guidare in Islanda

Il viaggio che sogniamo di fare è percorrere la strada che circonda l'intero paese coprendo oltre 1.300 chilometri che è chiamata Route 1.

Mentre potresti tecnicamente guidare il tutto in meno di 24 ore, la realtà è che ti ci vorrà almeno una settimana per effettuare le doverose soste lungo la strada.

Le opportunità fotografiche in Islanda sono incredibili e ti ritroverai costantemente a scattare foto. Mi sono programmato 10 giorni in Islanda, con 7 giorni interi per guidare lungo la Ring Road.

Sebbene siano possibili 7 giorni, sappiamo prima di partire che ci sposteremo ininterrottamente e perderemo alcuni momenti salienti, soprattutto se troveremo una brutta giornata dal punto di vista meteorologico.

Perché le condizioni climatiche sono sicuramente un fattore da tenere in considerazione in Islanda, con improvvise tempeste di neve comuni in primavera, autunno e inverno.

Periodo migliore per visitare l'Islanda

Il momento migliore per visitare l'Islanda e guidare lungo la Ring Road è l'alta stagione estiva di giugno, luglio e agosto in quanto la probabilità di trovare bel tempo è alta, ma il periodo tra settembre e ottobre ha meno turisti, giorni più brevi e migliori possibilità di vedere l'aurora boreale!

Ti consiglio di visitare il sito Web www.safetravel.is per rimanere aggiornato sulle condizioni meteorologiche, stradali dell'Islanda e fare il loro breve test di guida online per assicurarti di essere pronto per un viaggio sicuro e felice.

Islanda on the road - Pianificazione di un viaggio in Islanda

Dalle email che riceviamo, sappiamo che la maggior parte degli inguaribili viaggiatori iniziano il loro viaggio sulla Ring Road dall'aeroporto internazionale di Keflavik, altri trascorrono alcuni giorni esplorando Reykjavik prima di partire.

Puoi seguire il percorso in senso orario o antiorario, ma ti consiglio di guidare in senso antiorario per scoprire prima le parti più turistiche dell'Islanda.

Stazioni di servizio

La benzina è costosa in Islanda a circa 2 euro al litro. Le stazioni di servizio sono facili da trovare in città, ma in campagna sono meno frequenti.

Quando trovi un distributore, fai sempre il pieno, soprattutto in inverno, nel caso in cui rimani bloccato in una tempesta di neve durante la notte.

Itinerario Islanda on the road

Il Golden Circle è un breve viaggio di una giornata che parte da Reykjavik. Questo percorso di 300 km copre molti splendidi monumenti islandesi in un breve periodo di tempo, quindi è perfetto per le persone che fanno lunghe soste fotografiche.

È anche un buon posto per iniziare un'avventura sulla strada più lunga perché le attrazioni sono tra le più visitate in Islanda. Consiglierei di toglierli di mezzo prima di uscire nelle parti più remote (e meno affollate) del paese.

Geyser A Haukadalur

Un'impressionante area geotermica con due geyser naturali che esplodono regolarmente. Acqua bollente che profuma di uova marce, assolutamente da vedere.

Thingvellir ed il villaggio dei fiori

Ci si dirige poi verso la penisola di Reykjanes e più precisamente il paesino Hveragerdi, conosciuto come “il villaggio dei fiori”, in quanto è situato nel mezzo di un'area geotermale e nelle sue serre riscaldate ad energia geotermale sono prodotte miriadi di rose ed altri fiori.

Il nostro viaggio ideale prosegue in direzione della costa meridionale fino alla zona del parco nazionale e patrimonio mondiale dell’UNESCO di Thingvellir, luogo di notevole interesse storico.

A Thingvellir si svolgevano le assemblee dell’Althingi, la più antica forma parlamentare al mondo e in tempi più recenti vi fu proclamata la Repubblica d'Islanda.

Il parco è famoso anche per le sue caratteristiche geologiche, ovvero i geyser, i potenti getti di acqua calda, alcuni alti anche 30 metri e visibili con una frequenza di circa cinque minuti.

Cascata di Seljalandsfoss

La tua prossima fermata è perfetta per ammirare delle albe incredibili, quindi svegliati presto! La cascata di Seljalandsfoss crea un salto dell’acqua di circa 60 metri ed esiste un breve sentiero escursionistico che ti porta dietro la cascata stessa.
Tuttavia, scattare foto dietro la cascata all'alba può essere difficile per via degli schizzi d’acqua che ci sono. Un'altra buona posizione fotografica è da una collina sulla destra, fai solo attenzione perché è scivoloso salendo.

Islanda on the road - Cascata Skógafoss

Dopodiché puoi guidare fino a Skógafoss, un'altra cascata enorme e bella a pochi minuti di distanza. La Cascata Skógafoss è alta circa come la cascata Seljalandsfoss, ma molto più larga e più potente. Arcobaleni colorati sono un evento comune qui. Una scala in legno ti porta in una piattaforma panoramica.

Sólheimasandur Plane Crash

Il relitto aereo abbandonato sulla spiaggia di Sólheimasandur è una delle location fotografiche più iconiche dell'Islanda. Nel 1973 un DC-3 della Marina degli Stati Uniti si schiantò sulla spiaggia. L'aereo è stato utilizzato in molti video musicali che lo hanno reso famoso.

È possibile parcheggiare l'auto ed effettuare escursioni a piedi sull'aereo a piedi ed esplorare ciò che rimane.

Reynisfjara Black Sand Beach

Spesso definita la spiaggia di sabbia nera più bella del mondo, Reynisfjara è un luogo da visitare per tutti gli inguaribili viaggiatori. Questa spiaggia selvaggia è stata creata dalla lava che si mescola con l'acqua dell'oceano.

Non consiglierei di prendere il sole su questa spiaggia, ma qui avrai fantastiche opportunità di fare fotografie per instagram. Dalla stessa spiaggia nera alle scogliere, alle grotte e alle colonne di basalto, Reynisfjara è davvero impressionante.

Si raggiunge, quindi, il villaggio di Kirkjubæjarklaustur, località spesso citata nelle tradizioni popolari islandesi e famosa per il convento cattolico fondato da monaci benedettini nel XII sec., per continuare la nostra visita con una sosta al parco nazionale di Skaftafell, ai piedi del più grande ghiacciaio d'Europa, il Vatnajökull.

Visitiamo quindi la laguna glaciale Jökulsarlon, dove si resta affascinati da icebergs di varie dimensioni che galleggiano nelle gelide acque della baia per arrivare alla piccola cittadina portuale di Höfn.

Islanda on the road - Fjaðrárgljúfur Canyon

Questo maestoso canyon è nato circa 9000 anni fa a causa della progressiva erosione. Sono elettrizzato al solo pensare di camminare all'interno di questo canyon stretto e tortuoso.

Tuttavia, se vuoi evitare di camminare nell'acqua, ti suggerisco di goderne la bellezza naturale dal sentiero sopra il canyon Fjaðrárgljúfur. Tieni presente che il percorso è ripido, ma la vista che puoi vedere, ti ripaga dello sforzo.

Cascata nera di Svartifoss

Le colonne di basalto nero che fiancheggiano lo stretto flusso di acqua proveniente da Svartifoss (alias la "Cascata nera") ti faranno sentire come se avessi scoperto un pianeta alieno.

A seconda che tu voglia prendere il percorso diretto o più circolare, puoi aspettarti di camminare per almeno 3 chilometri per raggiungerlo. Non puoi entrare nella vera area della cascata, ma ti avvicinerai abbastanza per fare delle foto fantastiche.

Laguna di iceberg Jökulsárlón

Il ghiacciaio Breiðamerkurjökull si sta lentamente sciogliendo, con giganteschi iceberg tinti di blu che si staccano e galleggiano in una grande laguna chiamata Jökulsárlón. Il ghiaccio si raccoglie sulle sue rive, mentre alcuni pezzi continuano e si spostano verso il mare.

La laguna glaciale di Jökulsárlón è un luogo così bello che puoi facilmente passare la maggior parte della giornata qui. Non dimenticare di visitare la vicina spiaggia dell'oceano, dove alcuni iceberg vengono spinti a terra a causa delle onde.

Grotte di ghiaccio di cristallo nascoste

Se viaggi in Islanda è dedicato alla fotografia (od a Instagram), non puoi perderti le grotte di ghiaccio di cristallo sotto il ghiacciaio Vatnajökull.
L'acqua crea questi intricati tunnel di ghiaccio naturale, con la luce solare che filtra attraverso il ghiaccio dando loro una tinta blu.

Le grotte di ghiaccio cristallino dell'Islanda possono essere difficili e insidiose da raggiungere, quindi dovrai noi pensavamo di assumere una guida esperta. Per motivi di sicurezza, puoi visitarli anche in inverno (da novembre) quando il ghiaccio si è stabile e il rischio di crolli è basso ma non nullo.

Islanda on the road - Cascata Dettifoss

Dettifoss è la più grande cascata in Islanda (ed Europa) per volume d'acqua. Immagina l'impatto visivo e uditivo di oltre 500.000 litri d’acqua che ti passano davanti ogni secondo! È ugualmente bello e travolgente.

La maggior parte dei turisti si reca sul lato ovest della cascata, ma il lato est è ancora meglio per le foto. Se hai tempo, vale sicuramente la pena fermarti. È molto impressionante, ma anche molto pericoloso se ti avvicini troppo al limite. Soprattutto se le rocce sono bagnate. Stai attento!

Godafoss Waterfall

Godafoss Waterfall è famosa per diversi motivi, tra cui la sua impressionante larghezza di quasi 30 metri. Ancora più importante, se vai qui di notte nel momento giusto dell'anno, puoi fotografare l'aurora boreale sull'acqua.

Non proviene da un'altezza molto alta, ma Godafoss ha larghezza e potenza che ricordano le cascate del Niagara. Quest'attrazione è conosciuta localmente come la "Cascata degli dei" a causa di una leggenda islandese che coinvolge statue norvegesi e la conversione della zona al cristianesimo.

Námafjall Hverir

Ritornando al tuo tour dell'Islanda on the road, ritorni sulla Route 1 e arriverai presto alla zona del lago Myvatn nel nord dell'Islanda. L'attività vulcanica è alta, con alcune sorgenti termali divertenti e altre caratteristiche geotermiche da esplorare. Uno di questi luoghi è l'area geotermica di Námafjall Hverir. Puoi avvicinarti da vicino con pozzi di fango blu bollenti o fumarole fumanti.

Islanda on the road - I fiordi dell'Est dell'Islanda

Un'intera giornata deve essere dedicata alla visita dei Fiordi dell'Est per ammirare i piccoli villaggi di pescatori su cui dominano le maestose montagne a tuffo sul mare.

Se si è fortunati in estate è possibile vedere dei simpatici volatili, tipica fauna islandese, le pulcinelle di mare.

Un'esperienza meravigliosa deve essere quella di attraversare l'altopiano desertico di Möðrudalsöræfi, sembra di essere atterrati direttamente sulla luna, per poi continuare verso il magnifico canyon a forma di ferro di cavallo chiamato Ásbyrgi.

Il viaggio da noi sognato volge verso il termine e si raggiunge la regione di Skagafjördur, conosciuta anche per i rinomati allevamenti di cavalli, dove è possibile visitare il museo del folklore a Glaumbær e, attraversando l'altopiano di Holtavörduheidi, tornare a Reykjavik, dove l’avventura ha fine.

Una volta riconsegnata l’auto, si riparte per tornare a casa con gli occhi pieni di immagini di una terra dove la natura recita il ruolo primario.

Spero ti sia piaciuta la mia guida sull'Islanda on the road e quindi non dimenticare di aggiungerla alla tua bacheca Pinterest.

Islanda on the road