Capitale Cipro
Capitale Cipro

Capitale Cipro

Cipro è la terza isola del Mediterraneo per la sua dimensione. Da tempo ormai ha acquisito una ottima reputazione per il turismo. La sua importanza risale all'antichità per aver dato i natali alla Dea Afrodite. Un mare splendido e caldo circonda un polmone verde dove le persone in tutte le zone turistiche sono aperte ed accoglienti. Il clima dell'isola è piacevole durante l'estate soprattutto di sera dove a seconda della posizione si può godere della brezza. Per visitarla è comunque sempre suggerito portarsi l'acqua con se per le punte di calore che si raggiungono a mezzogiorno.

Lefkosia o Nicosia

Dal 1974 la capitale di Cipro si è divisa in due zone, nella parte a sud Nicosia prende il nome di Lefkosia ed è politicamente identificabile con lo stato della Repubblica di Cipro. Nella parte di nord invece, Nicosia è gestita dal governo turco. Per questa sua divisione Nicosia è l'unica città al mondo spezzata in due parti.

Al centro della città si erge un muro che funge da frontiera tra le due parti, che sono qindi capitali della stessa isola.

Il transito da una parte all'altra a partire dal 2008 è stato facilitato per un'apertura concordata in Ledra Street.

La via principale della città

Ledra Street è la strada più importante per via dello shopping. Una lunga via pedonalizzata dove osservare anche la torre di Shacolas che permette al suo apice di ammirare la vista dell'intera città.

Dalla strada principale ci si muove per piccole viuzze ricche di tradizione e fascino. Percorrendole si arriva naturalmente nella piazza principale di Nicosia, Eleftheria. La piazza ospita il cuore politico dell'isola con il suo municipio.

La piazza Libertà, questa la traduzione italiana del nome di questa piazza, ospita le più importanti manifestazioni a carattere ufficiale.

Il Museo di Cipro

Da Ledra Street si arriva al Museo di Cipro, che contiene i manufatti archeologici più importanti dell'isola. La ricchezza della storia cipriota permette ancora oggi di effettuare importanti ritrovamenti. Il Museo è stato inaugurato nel 1924 ed è il miglior modo per rendersi conto dell'enorme importanza della sua storia. Quattordici periodi storici affrontati in 14 sale dedicate. Il Museo d Cipro è aperto tutti i giorni tranne il lunedì.

Le Mure Veneziane

A Nicosia sono sicuramente da vedere le Mura Veneziane della città che risalgono alla seconda metà del 1500 quando gli ingegneri Barbaro e Savorgnano le fecero costruire tutt'attorno la città. Intendevano mettere al sicuro i loro abitanti dalle popolazioni ottomane in particolar modo, che in quell'epoca dominavano nel Mediterraneo.

Nel 1570 avvenne ugualmente l'invasione nonostante la protezione fosse stata costruita. I bastioni ancora oggi visibili sono 10 su 15, divisi a metà tra la parte turca e quella greca.

La Porta Famagosta

Si tratta della porta militare di accesso alle Mura Veneziane al deposito delle munizioni. E' l'unica delle tre che è oggetto di interesse turistico culturale. Si chiamava Porta Giuliani in onore dell'Ingegner Giulio Savorgnano che l'aveva ideata. Di recente è stata restaurata permettendo così di rendere accessibile anche l'interno della fortezza. Oggi è un centro culturale dove vengono anche ospitate mostre artistiche.

Laiki Geitonia

Nella parte vecchia di Nicosia c'è la parte più turistica ricca di piccole vie piene di piccoli negozi di souvenir. E' una strada perfetta per una passeggiata serale alla ricerca di uno dei tanti ristorantini tradizionali e romantici. E' piacevole sedersi all'aperto per usufruire di pasti informali ed esotici.

La Moschea Selimiye

In origine era una cattedrale cristiano ortodossa, che successivamente ha subito la conversione a seguito della conquista ottomana.

Rappresenta il simbolo della parte Turca dell'isola. E' da visitare per la particolarità della struttura che mischia due generi. E' una moschea ancora attiva per il culto, visitabile con il necessario contegno e decoro che meritano queste strutture a carattere religioso.

Museo Bizantino

Anche il museo Bizantino merita una visita. Si trova all'interno della Fondazione Culturale Makarios. Ci sono 230 icone che riguardano il periodo tra il IX e il XIX secolo compresi vasi sacri e libri.

Rilevanti sono i mosaici del VI secolo che sono stati prelevati nel 1974 dalla chiesa Kanakaria e recuperati dal mercato nero in seguito, nel 1991.

Nicosia è senz'altro una città molto interessante da visitare, è il centro economico e motore dell'intera isola. La sua attrattiva comprende diversi interessi che includono il turismo a scopo ricreativo grazie alla presenza di spiagge spettacolari che si trovano un po' ovunque.

La linea che divide le due Nicosie si chiama Green Line ed è presidiata da militari che stonano rispetto al clima pacifico che si respira in tutta l'isola nella parte greca.

La città è stata fondata dai Greci subito dopo la guerra di Troia, per questo motivo ha un fascino di una storia millenaria, e che riguarda anche il periodo delle crociate.

Il clima

Merita una nota anche il clima che si respira nell'isola. I ciprioti sono persone semplici ed amichevoli. Talvolta la loro serenità stupisce, e di certo noi europei non siamo abituati a vedere le banche come se fossero negozi qualunque.

Dall'Italia è semplice arrivarci con un volo diretto. Vale la pena affittare un'auto per girovagare verso le altre città raggiungibili in poco tempo. La guida è all'inglese quindi meglio fare un po' di pratica prima di inoltrarsi anche in piccoli spostamenti.

L'isola è facile da visitare, sia per la possibilità di raggiungere le località migliori anche al di fuori della capitale Nicosia, sia perché le strade sono semplici e frequentate. I parchi archeologici sono ben segnalati e molto interessanti poiché ricchi di storia e leggende che si mescolano attraverso la mitologia. La raccomandazione è di non svolgere le visite nell'entroterra quando il sole è alto poiché si rischia l'insolazione a meno che non si siano portate con se sufficienti scorte di acqua.

Per chi conosce l'inglese non c'è difficoltà a comunicare con i locali, abituati alla presenza di turisti provenienti dall'Inghilterra, anche se ultimamente sono i turisti russi ad affollare le varie turistic area.

Per le spiagge, non c'è che l'imbarazzo della scelta, alcune di esse sono meravigliose e libere, di modo che ognuno possa trovare la propria quando lo desidera a pochi minuti di strada.

Se dopo essere stati a Nicosia, volete visitare anche il resto dell'isola, vi suggerisco di leggere l'articolo: Un inguaribile viaggiatore a Cipro

 

 


Booking.com