Belgrado
Cosa fare a Belgrado

Cosa fare a Belgrado

Belgrado è una meravigliosa città, adagiata sulla confluenza dei fiumi Sava e Danubio, ospita una storia incredibile, oltre ad alcuni abitanti del posto seriamente amichevoli. Eppure è così sottovalutata!

Belgrado è relativamente inesplorata rispetto alle principali città dei paesi vicini e rimane incontaminata dal turismo di massa.

Quello che amo di Belgrado è come puoi sentire il battito della città che emana da sotto la superficie; quasi come se fosse vivo. L'energia qui è incredibile e ci sono tanti modi per riempire il tuo tempo, dalle passeggiate lungo il fiume ai festival musicali, dai pub e dai bar ai tranquilli ritiri nel parco.

In questo articolo, condividerò le migliori cose da fare a Belgrado, ed alla fine capirai perché Belgrado è uno dei posti migliori da visitare in Serbia.

Le migliori cose da fare a Belgrado

La fortezza di Belgrado

Ok, quindi se c'è solo una cosa che fai a Belgrado, è vedere la fortezza della città. È l'attrazione numero uno per una buona ragione.

Kalemegdan, o Fortezza di Belgrado, è uno di quei punti di riferimento che non puoi saltare quando visiti una nuova città. Non solo hai muri in pietra secolari su cui passeggiare, ma c'è anche un bellissimo parco all'interno. Combina i due e avrai il posto perfetto per rilassarti, passeggiare e goderti alcuni dei panorami più belli di Belgrado.

Dalla fortezza, puoi avere un'immagine chiara del punto di incontro dei fiumi Danubio e Sava, così come Zemun, Nuova Belgrado, ponti e parte della città vecchia.

Se vuoi fare come la gente del posto, ti consiglio di andare alla fortezza al tramonto. Mentre sei lì, vedrai coppie, famiglie e amici seduti sulle panchine lungo le pareti, godendosi il panorama, ridendo e spettegolando.

La fortezza ha più di 2000 anni, con alcune sezioni più recenti. La storia della fortezza è piena di battaglie e guerre, a causa della sua posizione geopolitica. Dai Celti ai Romani e agli Ottomani, queste mura nascondono una storia che vale migliaia di libri. È un luogo che ogni appassionato di storia vorrebbe visitare.

Le migliori viste dalla fortezza si ottengono sotto il monumento Pobednik (monumento del vincitore). Si tratta di una statua di un uomo che impugna una spada e un falco sulla sommità di una colonna dorica. L'autore di questo bellissimo pezzo è Ivan Meštrović, uno scultore croato che ha creato molte statue famose situate intorno a Belgrado.

La mia parte preferita della fortezza di Kalemegdan è la Chiesa di Ružica, situata sul lato nord-est della fortezza. È la chiesa più antica della città e l'intera area sembra uscita da una fiaba. L'ingresso è libero, come per la fortezza. Gli unici luoghi della fortezza dove si paga il biglietto d'ingresso sono il Museo Militare e l'Osservatorio.

Il Museo militare di Belgrado espone mine, cannoni antichi, panzer tedeschi, armi degli antichi greci e romani, armature medievali e molto altro ancora. Copre la storia di tutte le nazioni che sono passate in questo modo in passato e la storia più recente della Serbia, compreso il bombardamento della NATO del 1999.

L'Osservatorio fa parte della più antica società astronomica dei Balcani, la Società Astronomica Ruđer Bošković, fondata da un gruppo di studenti nel 1934. Da pochi membri è cresciuta fino a raggiungere oggi oltre 700 appassionati di astronomia. Puoi visitarlo di giorno o di sera e pagare un piccolo contributo per l'uso del telescopio. 

Passeggia per le strade di Skadarlija: il quartiere boemo

Skadarlija è il quartiere bohémien dove tutti gli scrittori, artisti e intellettuali hanno trascorso del tempo negli ultimi due secoli. Oggi è una località turistica, ma è ancora piena di gente del posto che ama il buon cibo, il vino, la musica e uno stile di vita bohémien.

Si tratta di una zona pedonale ricoperta di ciottoli, dove aprirono i primi ristoranti nei primi anni del 1800. Alcuni la chiamano “Montmartre serba”. Questo posto è da non perdere se ti piace vivere la vita locale, il miglior cibo della città, vedere l'arte in mostra e ascoltare artisti di strada.

Dai un'occhiata alla Chiesa di San Sava

La Chiesa di San Sava, o Tempio di San Sava come viene chiamata in Serbia, è la più grande chiesa ortodossa nella regione dei Balcani e la seconda più grande del mondo. Si trova sull'altopiano di Vračar, proprio accanto alla Biblioteca Nazionale, con vista sulla città.

Puoi vederlo da quasi ogni angolo di Belgrado poiché è più alto della maggior parte degli edifici e si trova anche in alto sulla collina.

L'ubicazione della chiesa è importante per la Chiesa ortodossa perché è qui che il gran visir ottomano Sinan Pasha bruciò le reliquie di San Sava dopo che la sua icona aveva adornato le bandiere durante una rivolta serba nel 1594.

La costruzione della chiesa iniziò nel 1935, 340 anni dopo quella evento, e terminata nel 1989. L'interno della chiesa è stato ultimato da poco ed è visitabile. 

Ti piace fare shopping? Vai in via Knez Mihailova

Prima che i centri commerciali arrivassero a Belgrado, questa era la principale via dello shopping. Ancora oggi la gente del posto ama fare shopping qui, passeggiare per la strada da Piazza della Repubblica alla fortezza di Belgrado e prendere un caffè con gli amici in uno dei caffè lungo la strada.

Qui troverai marchi come Reply, Zara, H&M, Gap e simili. Alla fine della strada è stato recentemente aperto il centro commerciale Rajićeva con un bellissimo ristorante all'ultimo piano. Al piano terra troverai l'unico Starbucks a Belgrado, ma ti consiglio di andare dall'altra parte della strada verso Kafeterija, una caffetteria a tre piani, piuttosto che una catena popolare.

La mia parte preferita di questa strada sono tutte le librerie e le gallerie d'arte che puoi visitare. Una delle gallerie che ospita regolarmente mostre di artisti serbi e internazionali nella galleria nell'edificio dell'Accademia serba delle scienze e delle arti.

Questo edificio di per sé è un'opera d'arte e se guardi l'enorme vitrage sotto la luce del pomeriggio rimarrai stupito dai colori e dalle forme che vedrai. L'edificio è stato completato nel 1924 ed è stato costruito in stile Art Nouveau.

La via Knez Mihailova è lunga un chilometro e prende il nome da Mihailo Obrenović III, principe di Serbia. La strada è stata protetta nel 1964 come unità storico-culturale spaziale. Le caratteristiche architettoniche più belle sono gli edifici neoclassici e le ville costruite alla fine degli anni '70 dell'Ottocento.

Zemun: la città di Belgrado nella città

Zemun era una città separata fino al 1934 quando fu assorbita da Belgrado. Fino ad oggi è diverso passeggiare per Zemun rispetto al resto di Belgrado. L'architettura ricorda le antiche città austro-ungariche e la posizione sul fiume Danubio conferisce a questo luogo una caratteristica speciale. 

La gente del posto ama passeggiare lungo il fiume, sedersi nei ristoranti sulla riva che la sera si trasformano in luoghi tradizionali per uscire, ascoltare musica dal vivo e divertirsi con gli amici. Kej Oslobođenja (Monte della Liberazione), o semplicemente Zemunski Kej, è un lungomare che ti porta da Zemun a Brankov most (ponte di Branko) dove puoi attraversare la città vecchia, o continuare ad andare in bicicletta o camminare ulteriormente lungo la costa della Nuova Belgrado.

Tutto in Zemun è più rilassante che nel frenetico centro di Belgrado. Strade di ciottoli, cigni che si avvicinano alle persone che vogliono essere nutrite, aree pedonali con caffè e negozi, Zemun è come una città nella città.

La torre di Gardoš è un punto di riferimento situato sulla collina sopra il fiume che domina Zemun. La torre risale all'impero austro-ungarico quando Zemun era la prima linea di difesa contro gli ottomani. All'interno della torre, c'è una piccola mostra dedicata alla storia di Zemun, quindi puoi salire in cima per vedere una vista straordinaria della città e del fiume Danubio.

Museo Nikola Tesla

Il Museo Nikola Tesla, come dice il nome, è un museo dedicato a un grande inventore e fisico, cittadino serbo. L'ingresso al museo e una visita guidata in italiano costa 800 RSD e l'orario di apertura è dalle 10:00 alle 17:00. Si dice che il museo sarà spostato in un edificio più grande del centro nel prossimo futuro, ma per ora si trova in via Krunska, 51.

La mostra ha due sezioni. Il primo riguarda la vita di Tesla e il secondo riguarda la sua ricerca scientifica e le sue invenzioni. La seconda è anche una mostra interattiva con rendering 3D o riproduzioni perfettamente funzionanti come una bobina a induzione che produce scariche a 500.000 volt.

Il Parco Tašmajdan, o Taš

Probabilmente il parco cittadino meglio tenuto e più bello, Tašmajdan si trova a soli 15 minuti a piedi da Piazza della Repubblica ea 5 minuti dall'Assemblea Nazionale della Serbia. Siediti sulle panchine del parco e goditi l'odore dei fiori e il suono delle fontane d'acqua e dei bambini che giocano.

La Chiesa di San Marco è di fronte al parco ed è visibile da qualsiasi parte del parco. Fu costruita al posto della piccola chiesa di Palilulska che fu distrutta dai bombardamenti tedeschi di Belgrado il 6 aprile 1941. La chiesa odierna è stata costruita in stile serbo-bizantino medievale, sul modello del monastero di Gračanica. 

Piazza della Repubblica, il cuore di Belgrado

Questa è la piazza principale della città e anche “il centro” della città. Se stai incontrando degli amici, probabilmente diresti loro "incontrami a cavallo", il che significa che li aspetterai su questa piazza vicino alla statua del principe Mihailo a cavallo. Qui si trovano due degli edifici più importanti, il Teatro Nazionale Serbo e il Museo Nazionale. 

Il Teatro Nazionale è il posto migliore in città per assistere a uno spettacolo teatrale, un'opera o un balletto. Il prezzo di un biglietto è compreso tra 400 e 1000 RSD, che è ancora inferiore a 10 euro. Se visiti di giorno, puoi optare per un tour del backstage e del Museo del Teatro Nazionale. 

Il Museo Nazionale espone tesori incredibili, tra cui una mummia egizia. Puoi vedere manufatti storici e opere d'arte, che coprono periodi dalla preistoria al 20° secolo.

La collezione permanente è dislocata su tre livelli, oltre a mostre temporanee tutto l'anno. Un unico biglietto costa 300 RSD per la collezione permanente e 500 RSD per la mostra tematica. Una visita guidata per singoli o gruppi fino a 5 persone costa 3500 RSD.

Residenza della Principessa Ljubica

La residenza della principessa Ljubica è uno dei pochi edifici rimasti dal governo del principe Miloš Obrenović. Fu costruito nel 1830 come sede della corte serba, ma non fu mai utilizzato a tale scopo. Per un po' qui ha risieduto la principessa Ljubica, moglie del principe Miloš Obrenović, mentre lui si trovava nella sua residenza situata nella fortezza di Kalemegdan (non visitabile all'interno, ma si può vedere l'esterno dell'edificio e fare delle foto).

La villa è un mix di stile ottomano e stile europeo del XIX secolo, che può essere visto nelle esposizioni permanenti di mobili e opere d'arte. Lo stile orientale è presentato al piano inferiore e lo stile dell'Europa occidentale è all'ultimo piano. Se pianifichi in anticipo o se sei solo fortunato, visiterai questo museo quando le attrici recitano scene della vita della principessa Ljubica. L'ingresso al museo è 200 RSD.

Torre di Avala: l'edificio più alto dei Balcani

L'Avala Tower si trova sul monte Avala, a meno di un'ora di auto dal centro di Belgrado. È una torre di comunicazioni e l'edificio più alto dei Balcani. Se vai in autobus, prendi l'autobus 401 dal parco Karadjordjev vicino alla chiesa di San Sava.

La torre è stata completata nel 1965 ma è stata gravemente danneggiata nel 1999 durante i bombardamenti NATO di Belgrado. Dal 2010 è di nuovo aperto ai turisti e il biglietto d'ingresso è di 300 RSD. Sebbene la torre stessa sia alta 135 metri, il ponte di osservazione si trova a 122 metri. Hai anche la possibilità di visitare un bar-caffetteria "Panorama" situato 3 metri più in basso.

La montagna di Avala è la migliore escursione vicino a Belgrado e se ti piace la natura puoi passare l'intera giornata qui. La vetta più alta è di soli 511 metri e saprai di essere arrivato quando vedrai il Monumento all'Eroe Ignoto, un memoriale della prima guerra mondiale progettato da Ivan Meštrović. Da lì puoi goderti la vista dei paesaggi circostanti, fare un picnic e riposarti prima di tornare in città.

Museo di storia jugoslava

Il Museo della storia jugoslava è un luogo controverso che è molto interessante per coloro che vogliono saperne di più sul comunismo in Jugoslavia e su Tito. Ci sono ancora alcuni locali "Yugo nostalgici" che pensano al periodo comunista come a qualcosa di meglio che sia mai successo alla Jugoslavia. Altri, invece, vogliono dimenticare tutto ciò che riguarda quell'epoca.

Il museo è allestito intorno al mausoleo dell'ex presidente autoritario Josip Broz Tito, nei primi anni 2000. Puoi vedere tutti i doni che Tito ha ricevuto durante il suo governo. Ci sono oltre 200.000 manufatti e opere d'arte nella mostra permanente.

Combina il tuo ingresso al museo con un tour approfondito sul comunismo a Belgrado ( € 25 ) — dura quattro ore e copre la storia della Serbia dalla seconda guerra mondiale agli anni '90. Con nient'altro che recensioni a cinque stelle da dozzine di viaggiatori, questo è un gioco da ragazzi se sei interessato a saperne di più.

Piazza Nikola Pašić

Nikola Pašić è stato un famoso politico del periodo del Regno di Jugoslavia. La sua statua si trova sulla piazza, guardando la fontana e la casa dell'Assemblea nazionale della Serbia nelle vicinanze.

La sede dell'Assemblea nazionale serba è nota per la sua bellezza architettonica. Costruito in stile Beaux-Arts, viene spesso fotografato dai turisti giorno e notte quando le luci gli conferiscono un aspetto spettacolare. Purtroppo, essendo sede del parlamento, l'edificio non offre visite guidate.

Dall'altra parte della strada si trovano Stari Dvor e Novi Dvor (Palazzo Vecchio e Nuovo), che un tempo erano la residenza di due famiglie reali, Obrenović e Karađorđević. Questi due edifici si fronteggiano attraverso la piazzetta Andrićev Venac. 

Il Palazzo Vecchio fu costruito nel 1880 in stile architettonico Beaux-Arts, con interni importati da Vienna. Oggi è l'assemblea cittadina di Belgrado.

Il Palazzo Nuovo nel frattempo ha anche un'architettura revivalista ed è stato completato nel 1922 dopo essere stato danneggiato durante la prima guerra mondiale. Ora è utilizzato come residenza del presidente della Serbia.

Anche il Museo Storico della Serbia si trova in piazza Nikola Pašić ed è una tappa obbligata per gli amanti della storia. Non ha una mostra permanente, ma ha sempre almeno una mostra temporanea sul passato serbo. Il mio preferito riguardava uno scienziato serbo Mihajlo Pupin, "Pupin - Dalla realtà fisica a quella spirituale". Il biglietto d’ingresso è di 200 RSD.

Palazzo Bianco, residenza della famiglia reale

Il Palazzo Bianco fu costruito con i fondi privati ​​del re Alessandro e ci vollero quasi 4 anni per completarlo. Voleva che fosse una residenza per i suoi tre figli, e in seguito re Petar e sua madre, la regina Marija vi vissero prima di abdicare all'inizio della seconda guerra mondiale.

Questo bellissimo palazzo ha una biblioteca con 35.000 libri, un'ampia sala e diverse splendide stanze in stile Luigi XV e Luigi XVI con grandi lampadari veneziani. 

Il mercato degli agricoltori di Zeleni Venac

Zeleni Venac è ​​un mercato all'aperto con una lunga tradizione che la gente del posto ama visitare per acquistare prodotti freschi. Si trova nel centro della città, vicino alla più grande fermata dell'autobus cittadino con lo stesso nome. È conosciuta come la "Regina dei mercati" a Belgrado e ha la più grande varietà di articoli offerti.

Il mercato è stato istituito per la prima volta nel 1847 e da allora non si è più mosso. Sebbene il baldacchino metallico sia stato restaurato circa un decennio fa. Il mercato è circondato da panetterie che offrono dolci e torte fresche. Ma la mia pasticceria preferita in assoluto è proprio dietro l'angolo, “Slatko Srce” in via Prizrenska numero 7.

Via Terazije

Via Terazije si trova nel centro della città e copre un'area da Via Sremska a Via Kralja Milana. Grazie al principe Miloš Obrenović la strada assunse la forma odierna negli anni '40 dell'Ottocento e alcuni edifici ricordano ancora quell'epoca. 

Il nome Terazije deriva dalla parola turca per un approvvigionamento idrico perché da quando gli ottomani erano a capo di Belgrado c'era una fontana d'acqua (Terazijska česma) all'inizio della strada. Questa fontana è ancora in funzione ed è un bellissimo punto di riferimento di fronte all'Hotel Moskva, un simbolo della strada.

L'Hotel Moskva è stato costruito all'inizio del 20° secolo in stile secessionista e ancora oggi è uno dei posti più belli per prendere un caffè e chiacchierare con gli amici. Altri hotel famosi in via Terazije sono l'Hotel Kasina e l'Hotel Balkan. Tra tutti i ristoranti e i caffè di questa strada, il mio preferito è proprio dietro l'angolo, il pub "Samo Pivo" (il nome significa solo birra) in via Balkanska 13. 

La vita notturna a Belgrado

Alcuni chiamano Belgrado la "Bangkok d'Europa", e questa reputazione segue la capitale della Serbia da quasi due decenni. Tutto è iniziato con la gente del posto che amava uscire, così numerosi locali hanno aperto in città e lungo i fiumi.

Rispetto ad altre città europee, Belgrado è ancora abbordabile e anche i bar e i club più costosi fanno pagare 5 euro una birra. Se bevi champagne o cocktail costosi il conto potrebbe essere più alto, ma per drink semplici non spenderai più di 50 euro a notte a persona.

Ci sono due stagioni principali per la vita notturna a Belgrado, la stagione invernale e quella estiva.

D'inverno la maggior parte dei locali si trasferisce in città, d'estate si trovano in riva al fiume, e questi locali sono chiamati “splavovi”, letteralmente “zattere”.

Il Museo d'Arte Contemporanea

Questo museo è stato in costruzione per molto tempo, ma alcuni anni fa è stato finalmente aperto. La prima mostra che ho visitato da quando è stata riaperta è stata una retrospettiva di Marina Abramović.

La posizione del museo è in uno spettacolare parco nella zona di Ušće e offre viste incredibili sulla Vecchia Belgrado e sulla Fortezza di Belgrado.

Il prezzo del biglietto è di 500 RSD e copre mostre temporanee e collezioni permanenti. Qui puoi vedere artisti di fama mondiale, nazionali e internazionali.

Alcune delle mostre che sono state esposte qui in passato sono la mostra retrospettiva (Re)Evolution – Dragan Ilić, la mostra personale Silent talk di Lana Vasiljević, la mostra retrospettiva di Marina Abramović “The Cleaner” e molti altri.

Giardini botanici di Jevremovac

Ora non so voi, ma adoro girovagare per un buon giardino botanico quando sono in viaggio e Jevremovac offre un esempio straordinario.

Il giardino si trova a Dorćol, una delle parti più antiche di Belgrado, ed è stato fondato per la prima volta nel 1874 su suggerimento di Josip Pančić, un famoso naturalista serbo. La posizione originaria del giardino era accanto al fiume, ma quando l'area circostante si allagava continuamente, fu spostato più nell'entroterra. Il re dell'epoca, re Milan Obrenović, donò alla causa una proprietà che aveva ereditato da suo nonno Jevrem Obrenović (da cui il nome), e così fu costruito un nuovo giardino botanico.

Il giardino botanico di Jevremovac è un'oasi di pace a Belgrado e uno dei miei posti preferiti della città per fare un picnic, riposare o semplicemente ammirare le piante tropicali. Il giardino stesso era costituito da una serra, da un'area esterna e da un giardino giapponese, particolarmente interessante.

Il giardino di vetro fu costruito nel 1892 in stile vittoriano, con una cupola centrale e due ali. Ospita circa 1000 diverse specie di piante tropicali, subtropicali e mediterranee. 

Nello spazio esterno, il giardino ha appezzamenti di sistema, giardini rocciosi, felci, piscine con ninfee, un labirinto di bambù, angolo per bambini, ecc. La sezione esterna ospita oltre 1300 specie di piante, separate da unità ecologiche e regioni geografiche. Il giardino giapponese è una sezione particolarmente bella dello spazio esterno, costruito in stile giapponese con particolare attenzione alla bellezza, alla semplicità e all'armonia. È un ottimo posto per meditare o leggere un libro. L'ingresso è 300 RSD.

Il parco Topčider

Topčider era ricoperto di case estive e vigneti, ma man mano che la città si espanse, divenne più vicina al centro che mai. È un parco eccellente che la gente del posto usa per gite in bicicletta, picnic e passeggiate. Per arrivarci prendi l'autobus 3A dalla fermata Savska e in circa 20 minuti sarai immerso nel verde.

Il nome Topčider deriva dalla lingua turca, originaria del persiano e che significa “valle dei cannoni”. Questo era il luogo da cui i turchi attaccarono Belgrado nel 1521. Nel 1831 il principe Miloš Obrenović costruì qui un maniero e una chiesa. Successivamente si aggiunse la “kafana”, la caserma dell'esercito e il parco.

La residenza del principe Miloš a Topčider è stata costruita in stile ottomano e gli interni sono stati decorati in stile orientale e sono parzialmente conservati. Il museo funziona tutto l'anno e l'ingresso è di 200 RSD. Non funziona solo il lunedì, come molti altri musei, quindi è bene controllare quando i musei sono in funzione prima di dirigersi in qualche luogo lontano.

Belgrado è la migliore!

Belgrado è la città che ti inviterà a braccia aperte e di cui ti innamorerai a prima vista. Non è enorme ma è abbastanza grande da poter trascorrere giorni esplorando e non annoiarsi. La sua posizione perfetta nel centro della Serbia ti permette di fare gite di un giorno e vedere il resto di questo bellissimo paese.

Domande frequenti sui viaggi a Belgrado

Vale la pena visitare Belgrado?

Sicuramente! Questa è una città unica dove le culture sono mescolate, il tempo è fantastico e l'arte di strada e la vita sul fiume sono incredibili!

Sei il benvenuto per testimoniarlo in prima persona.

È sicuro a Belgrado?

Sì, sì e sì! È normale passeggiare di notte da soli, stai al sicuro sugli autobus pubblici e sui taxi! Come in Italia, usa però sempre il buon senso!

Per cosa è conosciuta Belgrado?

Belgrado è principalmente nota per presentare il miglior mix tra la cultura dell'Europa orientale e occidentale.

Questa è la città che è sopravvissuta a molte lotte, tra cui numerosi bombardamenti, che hanno colpito le sue culture.

Ultimamente, Belgrado è anche conosciuta per la sua cultura hipster e la vita fluviale.

Quanto costa Belgrado?

Belgrado è ancora una delle capitali meno costose d'Europa.

Puoi prendere un caffè per 0,5 euro, autentico fast food serbo con bevande per 4 euro o una cena completa al ristorante per un massimo di 40 euro a persona.

Belgrado è la città più cara della Serbia, quindi visitare qualsiasi altra città in Serbia sarà ancora più economico.

Questo è tutto per questa guida alle migliori cose da fare a Belgrado, in Serbia!

Dopo aver visitato la capitale della Serbia, perché non visiti anche la Capitale della Macedonia?

SCHEDA TECNICA BELGRADO

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Turistico di Belgrado
Decanska Street 1
11000 Belgrade
tel. 00381-11-3227834/6154 - 3248310/8404; fax 00381-11-3248770
E-mail: [email protected]

Organizzazione Turistica della Serbia (TOS)
Čika-Ljubina 8, 11000 Beograd, Serbia
PAK 104308
PO BOX 90

General phone number:++381 (0)11 6557-100, fax 2626-767
Email: [email protected]

Siti Web:
Ufficio Turistico di Belgrado = www.tob.rs/
Organizzazione Turistica della Serbia (TOS) = www.serbia.travel/it

Come si raggiunge:
In aereo:
L’aeroporto di Belgrado è intitolato a Nikola Tesla (Aerodrom Nikola Tesla, (codice IATA: BEG; codice ICAO: LYBE) e si trova a circa 16 km dal centro della città.
Una volta atterrati il centro della città si raggiunge poi in bus (partenza davanti al terminal) oppure in taxi con un costo indicativo 15 euro.
In treno:
Attualmente non esistono treni che collegano direttamente l’Italia a Belgrado

Distanze = Roma 1.274 Km, Milano 1.018 Km, Venezia 768 Km (fonte google Maps)

Ambasciata:
AMBASCIATA D'ITALIA A BELGRADO
Bircaninova Ulica 11 - 11000 Belgrado
Tel +381.11.3066100 Fax +381.11.3249413
Email: [email protected]
Email PEC: [email protected]
Orari di apertura: da lunedì a venerdì 09.00 - 16.30
Numero di emergenza, solo per i cittadini italiani: +381.63.243652
Web: www.ambbelgrado.esteri.it/

Documenti: Per i cittadini italiani basta la carta d’identità valida per l’espatrio. E’ previsto il visto per soggiorni superiori a 90 giorni.
Fuso orario: Stessa ora dell’Italia
Voltaggio energia elettrica: Tensione: 220 V - Frequenza: 50 Hz
Prese elettriche utilizzate: Tipo C (CEE 7/16) o F (CEE 7/4) come in Italia ma senza lo spinotto centrale

Valuta: L’unità monetaria è il Dinaro serbo (RSD)
1 Dinaro serbo (RSD) = 0,01 Euro
1 Euro = 119,18 Dinaro serbo (RSD)

Vaccinazioni obbligatorie: Nessuna.
Periodo consigliato: Tutto l’anno.

 

 

Questo articolo contiene link di affiliazione. Tutto ciò non comporta alcun costo aggiuntivo per te, mentre per noi significa ricevere una piccola commissione su qualsiasi tuo acquisto fatto attraverso i nostri link. È un modo per supportare le nostre attività.
Grazie per sostenerci.