home chi sono viaggi articoli enogastronomia foto e video contatti

Langhe e Roero - Enogastronomia - Fritto misto

Salve inguaribili viaggiatori,
il nostro pranzo nelle Langhe e Roero all’insegna della tradizione continua con un piatto di ravioli del plin, ovvero dei gustosi agnolotti di forma rettangolare con un ripieno di carne brasata amalgamata con il riso, conditi con saporiti sughi di carne o con il più tradizionale burro e salvia.

Oppure con dei fumanti tajarin all’albese, che sono simili ai classici tagliolini ma molto più sottili, per la cui preparazione è aperta una discussione; c’è chi “arretra” con gli albumi ed “avanza” con i rossi per ottenere via via, un prodotto più dorato o per mantenere un equilibrio di sapori.

Per i secondi piatti si apre un mondo di profumi e sapori dai più decisi quali selvaggina in salmà, lepre al "civet", passando per i più delicati tra i quali spicca la fonduta con tartufi o per i più consueti arrosti o bolliti, finendo con il piatto delle feste per vocazione, il più barocco dei piatti albesi, il fritto misto.

Il fritto misto ha una varietà e ricchezza di componenti sovrabbondante di sapori, talora anche contrastanti, agretti, dolci, amarognoli, in cui sono presenti tutti i prodotti della cascina: carni di vitello, di agnello, di maiale, salsicce, verdure, mele, dolci e tanto altro ancora.

Ingredienti del fritto misto albese per cinque persone:

costolettine di agnello gr 250,
costolettine di vitello della coscia gr 250,
cervella gr 150,
lacetto gr 150,
filoni (midollo) gr 150,
fegato gr 150,
batsoà (piedino di maiale) gr 300,
funghi porcini gr 150,
cavolfiore gr 150,
salsiccia gr 200,
cinque amaretti,
due mele,
tre carote,
un finocchio,
due zucchini,
cinque caponèt (fiori di zucchina ripieni),
due carciofi,
una melanzana,
cinque croquettes,
dieci fritture dolci,
farina di grano,
uova,
pane grattugiato,
olio.

Prepazione del fritto misto albese:

Ogni componente del fritto misto, preventivamente preparato (lessato, pulito o spellato), si fa passare successivamente in farina di grano, uova sbattute e pane grattugiato; quindi si frigge in abbondante olio bollente; raggiunta la doratura e colato bene, si serve subito, molto caldo.

Per la salsiccia, il fegato tagliato sottile bisogna prima rosolarli un tantino in burro e olio e poi procedere con farina, uova e pangrattato.

Per le mele del fritto misto: passare in una pastella preparata con uova, farina e latte, poi impanare e friggere.

Le croquettes, si preparano come segue: un pezzo di carne stracotto, un pezzo di cervella cotta nel burro ed una fetta di prosciutto cotto: tritare il tutto, aggiungere un rosso d’uovo e besciamella. Rimestare aggiungendo parmigiano ed odore di noce moscata.

Fare pallottole tonde, infarinarle, passarle nell’uovo e nel pane grattugiato, quindi friggerle.

Il racconto del mio viaggio enogastronomico nelle Langhe e Roero grazie ad Italydifferent continua su: Italydifferent nelle Langhe e Roero. Enogastronomia (cogna) mentre se vi siete persi la prima parte dell'articolo vi suggerisco di andare a leggere: Italydifferent nelle Langhe e Roero. Enogastronomia. (prima parte) ma se siete degli inguaribili viaggiatori più interessati alle Langhe e Roero sotto l’aspetto storico, artistico e culturale l'articolo che fa per voi è: Italydifferent nelle Langhe e Roero.

Alla prossima meta
inguaribile.viaggiatore(at)yahoo.it