homechi sonoviaggiarticolienogastronomiafoto e videocontatti

Massimo Bottura a Palazzo Lana Berlucchi

Salve inguaribili viaggiatori
Come avrete letto nei giornali nei giorni scori, con l’assegnazione all’Osteria Francescana di Modena del titolo di miglior ristorante del mondo, lo chef Massimo Bottura è stato incoronato il nuovo re della cucina mondiale.

E’ la prima volta che un cuoco italiano riceve il primo premio a The World’s 50 Best, l’Oscar mondiale della cucina e questo riconoscimento è motivo di orgoglio per tutti gli appassionati di cucina italiani.

Io volevo però segnalarvi che 80 fortunate persone potranno riservarsi un posto nel salone delle feste di Palazzo Lana Berlucchi dove Massimo Bottura cucinerà per loro.

Sì, cari inguaribili viaggiatori amanti della buona cucina, nella storica residenza di Palazzo Lana Berlucchi che noi abbiamo visitato poco tempo fa (vedi articolo: Palazzo Lana Berlucchi) che è attigua alle cantine dove nel 1961 nacque il primo Franciacorta il miglior chef al mondo vi farà provare un’esperienza enogastronomica unica ed indimenticabile.

Accompagnati da un Cellarius Rosé 2011 dall’inconfondibile nuance ramata e dalle vivaci note di piccoli frutti rossi e lieviti di pane, la cena inizierà con “Una lenticchia meglio del caviale”, dove delle piccole lenticchie nere assumono sul ghiaccio la forma e il sapore del caviale con aneto e panna acida.

La seconda proposta che lo chef Massimo Bottura cucinerà è “La parte croccante di una lasagna” un piatto che si focalizza su un piatto tipico italiano, ovvero la lasagna, o meglio sulla crosta croccante della lasagna che tutti i commensali vogliono staccare dalla placca da forno.

La cena continua poi con un altro must di Massimo Bottura, ovvero il “Compromesso Storico: Tortellini in crema densa di Parmigiano Reggiano”, che lui stesso spiega così: «Tortellini in brodo o alla panna? Dopo decenni di dibattito, la questione è ancora da risolvere. E se trovassimo un compromesso storico? I tortellini tradizionali, fatti con pasta all'uovo tirata a mano, vengono cotti in brodo di cappone e poi serviti con un'emulsione di Parmigiano Reggiano 36 mesi di razza bianca modenese e acqua natura per garantirne la purezza. Tradizione e innovazione in ogni boccone».

A questo piatto è stato deciso di abbinare il piatto è Berlucchi ’61 Nature 2009, che è un Franciacorta di carattere affinato sui lieviti oltre 5 anni; Nature incarna la più pura e sincera espressione del territorio del Franciacorta perché unisce la pienezza dello Chardonnay alla mineralità del Pinot Nero e rinuncia all’aggiunta finale di sciroppo di dosaggio».

Gli inguaribili viaggiatori che saranno presenti alla cena, a questo punto assaggiereanno il piatto denominato “Psychedelic Spin Painted Veal, not Flame Grilled”. Lo Chef Massimo Bottura con questo piatto vuole rappresentare la grande tradizione toscana della carne alla griglia, ma rivisitandolo, ovvero senza accendere la fiamma. La carne di vitello è cotta sottovuoto per preservare le proteine essenziali, poi ricoperta di cenere e carbone e abbigliato con clorofilla, succo di barbabietola rossa, crema di patate, peperone giallo e arancione e Aceto Balsamico Villa Manodori.

A questo piatto di carne, è stato deciso di abbinare un Palazzo Lana Extrême 2007, Pinot Nero in purezza affinato 7 anni sui lieviti e dosato Extra Brut. Un Franciacorta “senza compromessi”, dall’incredibile freschezza e persistenza aromatica.

La cena di Massimo Bottura a Palazzo Lana Berlucchi continua con una “Caesar salad in bloom” che vuole essere un omaggio all’estate racchiudendo il profumo e il colore dei petali di fiori, camomilla, gelsomino e polvere di lampone essiccata che ricordano i sentori della natura e ci rinfrescano il palato prima di passare al dessert.

Il dessert che conclude la serata non può che essere uno dei piatti più famosi di Massimo Bottura, ovvero “Oops! Mi è caduta la crostata al limone”: una crostatina al limone rotta gioca tra convenzioni e aspettativa; strati di zabaione al limone, sorbetto alla verbena e una frolla delicata incontrano bergamotto e canditi.

Il dessert, dai delicati aromi agrumati, incontrerà l’invitante morbidezza di Demi Sec, Franciacorta quasi-dolce dai delicati profumi di frutta a polpa gialla e crosta di pane.

Se volete avere maggiori informazioni sulla cena con Massimo Bottura a palazzo Lana Berlucchi o volete prenotarvi, potete andare sul sito www.berlucchi.it.