L'affascinante Sabbioneta

Salve inguaribili viaggiatori,
la meta che volevo oggi segnalarvi è Sabbioneta in provincia di Mantova.

Sabbioneta oltre che essere uno dei massimi esempi dello stile architettonico rinascimentale lombardo, è famosa perché rappresenta l'ideale di città del Rinascimento voluto dal Duca Vespasiano Gonzaga Colonna: una città a misura d'uomo, tappa obbligatoria per chi, anche in una sola giornata,vuole immergersi nella quiete di una città che vive in simbiosi con la propria storia.

Nel 1556 su iniziativa del Duca Vespasiano Gonzaga Colonna inizia la trasformazione di Sabbioneta basata sull'ideale classico che si rifaceva al modello romano, quindi pianta ortogonale con una trentina di “insulae” tipiche del “castrum” divise in due settori. In quello orientale si trovava la piazza Ducale che costituiva il centro politico-religioso, mentre in quello orientale trovavano posto gli edifici delle sfera privata.

Lo stupefacente scacchiere urbanistico di Sabbioneta lascia trasparire la propria anima e la particolare articolazione storica di cittĂ  militare e al contempo residenziale, di corte rinascimentale e rurale.
Terminati i lavori, nel 1562 il Duca Vespasiano obbligò i suoi sudditi di abitare la nuova Sabbioneta che divenne così una specie di piccola Atene, questo grazie alla corte coltissima ed illuminata che la frequentava.

La sua fedeltĂ  alla casata degli Asburgo gli valse la possibilitĂ  di innalzare Sabbioneta al livello di Ducato autonomo (1577).
Come capitale di un piccolo stato indipendente, Sabbioneta grazie alla sua avanzata struttura difensiva, si presentava principalmente come una fortezza.

La visita di Sabbioneta può avere inizio dalla costruzione capolavoro dovuta al vicentino Vincenzo Scamozzi: il Teatro all'antica, primo esempio assoluto di teatro stabile. Una struttura elegante a pianta rettangolare con all'interno una gradinata ed una loggia circondata da dodici statue di divinità.

Proseguiamo la visita di Sabbioneta raggiungendo la piazza d'armi delimitata dalla Galleria degli Antichi (la terza galleria più lunga d’Italia) dove entriamo per ammirare i capolavori che vi stanno: putti che reggono festoni vegetali, figure allegoriche femminili quali Astronomia, Poesia, Musica, Geometria, Fama, e poi ancora le quattro Virtù Cardinali, le tre Virtù Teologali con le quattro stagioni. Ecco l'Inverno con i suoi agrumi, la Primavera che sparge i fiori, l'Estate con la cornucopia colma di spighe, ed infine l'Autunno con una coppa di frutti.

Dalla Galleria si raggiunge quella che fu l'abitazione privata di Vespasiano ovvero il Palazzo del Giardino.
Questo edificio meglio di altri esprime la personalità, l'ideale umanistico e l'amore per il mondo classico del Duca. All'esterno è completamente anonimo, mentre all'interno troviamo sale, salette e passaggi decorati in modo elegante con affreschi e stucchi.

La fantasia degli artisti si è sbizzarrita nel creare e decorare ambienti quali la sala di Marte, la sala dei Venti, il camerino di Venere, il camerino dei Cesari, la sala delle Olimpiadi, la sala dei Miti, il corridoio di Orfeo, la sala degli Specchi, la sala dei Sogni.
La residenza ufficiale dei Duchi di Sabbioneta però era il Palazzo Ducale.
Questo edificio ha subito nel corso dei secoli diversi ed importanti danneggiamenti.
Per fortuna è ancora possibile ammirare i soffitti lignei della sala degli Ottagoni, della sala dei Grappoli, della sala dell'Angelo, della sala dei Leoni.
Molto bella e pregevole è la Galleria degli Antenati che una volta ospitava la libreria privata di Vespasiano.

 

Infine, a Sabbioneta trova spazio anche una Sinagoga: l'edificio attuale è una ricostruzione, datata 1824, dell'originario tempio, risalente alla fondazione della città nella quale la comunità ebraica esercitò sempre un ruolo di primo piano.
Molti degli arredi attualmente presenti nella sinagoga sono originali del XVI secolo.

Nelle sere d'estate si svolgono diverse manifestazioni e concerti che rendono la Sabbioneta ancora piĂą emozionante.

A Sabbioneta potrete degustare le specialità locali, come i tortelli di zucca, la torta sbrisolona, i biscotti “Filos”, i salumi e tanti altri prodotti tipici delle terre mantovane.

Alla prossima meta.
inguaribile.viaggiatore(at)yahoo.it

SCHEDA TECNICA SABBIONETA (MN)

Per ulteriori informazioni:
IAT - Ufficio del Turismo - Pro Loco Sabbioneta
Piazza d'Armi, 1 - Palazzo Giardino
Orari di apertura:
Da Aprile a Ottobre: Feriali: 09:30 – 13:00 14:30 – 18.00
Sabato e festivi: 09:30 – 13:00 14:30 – 18.30
Da novembre a marzo: Feriali: 09:30 – 13:00 14:30 – 17.00
Sabato e festivi: 09:30 – 13:00 14:30 – 18.00
Lunedì chiuso (escluso festivi).
Tel. / fax +39 0375 52039
e-mail: iat@sabbioneta.org

Siti Web:
IAT Sabbioneta: www.iatsabbioneta.org

Come si raggiunge:
In auto:
Autostrada A22, uscita Mantova poi SS420 direzione Casalmaggiore, Parma.
Autostrada A4, uscita Desenzano del Garda poi SS343
Autostrada A1, uscita Parma poi SS343 direzione Colorno, Casalmaggiore e da qui SS420 direzione Mantova
Autostrada A21, uscita Cremona poi direzione San Giovanni in Croce, Casalmaggiore, poi SS420 direzione Mantova.
In treno:
Stazione di Casalmaggiore (a 6 km da Sabbioneta, poi taxi o bus).
In pulman di linea:
Da Mantova: linea Mantova - Viadana.
Da Parma: linea TEP per Sabbioneta.
In aereo:
l’aeroporto più vicino è l’Aeroporto Catullo, Villafranca, (Verona) distatnte 55 Km.

Distanze: Roma 493 Km, Milano 146 Km, Venezia 193 Km
Periodo consigliato: Tutto l’anno.