Modena - Tra arte e buona tavola

Salve inguaribili viaggiatori,
la meta che volevo oggi segnalarvi e’ Modena.

Camminare nelle sue strade nelle diverse ore del giorno, dalla primissima alba fino alle profonde oscurità delle ore notturne, vuole dire cambiare di continuo il tempo, il respiro, e tutto ciò che l'occhio può vedere.
Modena e’ una citta’ molto bella da girare e vi consiglio di camminare con la testa rivolta verso l'alto, per poter meglio scorgere nelle decorazioni dei portici e dei sottotetti; e’ il ricordo di quella Modena medioevale e rinascimentale fatta di prosperita’ e di fatica, di ricchezza e di poverta’.

Di sera e’ bello scoprire a Modena gli angoli nascosti, le mille luci soffuse dei giardini dei palazzi patronali o dei vicoli prospicenti il Duomo.

La citta’ di Modena offre al turista monumenti e musei di grande rilievo storico-artistico.

Piazza Grande e’ il cuore della vita modenese e il luogo in cui sono riuniti i monumenti piu’ significativi e piu’ amati.

Il Duomo di Modena, uno dei massimi capolavori del Romanico europeo, e’ stato edificato sulle rovine di una chiesa del 400 costruita dove era sepolto San Geminiano che e’ il patrono della citta’.

Nella cripta del Duomo si trovano le spoglie del Santo entro la semplice urna del IV sec. ricoperta da una lastra di pietra e poggiante su colonne di spoglio.

A fianco al Duomo, s'impone per mole la Ghirlandina.

La Torre, che sfiora i 90 metri d'altezza, unisce armoniosamente in se’ gli stili di due epoche diverse: infatti, la parte a base quadrata e’ coeva del duomo e segue i canoni architettonici romanici, mentre la parte a base ottagonale e la piramide che costituisce la cuspide sono piu’ tarde e risentono di un gusto piu’ chiaramente gotico.

Nella Ghirlandina, il cui nome risale forse al doppio giro di ringhiere che la incoronano quasi come ghirlande, i modenesi vedono con orgoglio il simbolo della citta’.

Il Duomo, la Torre Civica (Ghirlandina) e la Piazza Grande della citta’ di Modena sono stati dichiarati patrimonio dell'umanita’ dall'UNESCO nel 1997.

In Piazza Grande sorge anche il Palazzo Comunale, la cui costruzione ha conosciuto diverse fasi dal Medioevo e che e’ ora sede dell'Amministrazione cittadina.

In Piazza Roma, a pochi passi dalla Ghirlandina, si trova il seicentesco Palazzo Ducale, con il famoso salottino d’oro. Tra il seicento e l’ottocento era l’antica sede della corte Estense ed ora e’ sede dell'Accademia Militare.

Risalendo lungo Via Emilia si incontra Piazza Sant'Agostino sulla quale si affacciano la Chiesa di Sant'Agostino, al cui interno e’ possibile ammirare lo splendido "Compianto del Cristo morto" del Begarelli, e il Palazzo dei Musei, sede di alcuni prestigiose raccolte d'arte.

Girovagando per Modena, vi ricordo di visitare in particolare la Galleria Estense, un'importante collezione che testimonia l'interesse degli Estensi per le arti; la Biblioteca Estense, dove sono conservati i preziosi codici miniati dal XIV al XVI secolo.

Amate girare per mercatini caratteristici? Allora vi consiglio di andare al mercato coperto di Via Albinelli, che e’ una istituzione a Modena, infatti dal 1931 si svolge il mercato della frutta e verdura da consigliare a chi, alla ricerca della misura quotidiana di una citta’, ne sa apprezzare i toni minori.

Di lunedi’, se siete da queste parti, potere andare al parco Novi Sad dove c’e’ il mercato settimanale molto amato da chi vive a Modena, nello stesso parco si svolge anche la mostra mercato dell'antiquariato, il quarto sabato e la successiva domenica di ogni mese, ad eccezione di luglio, agosto e dicembre.

Infine Modena e’ anche una citta’ di buongustai.

Se passate qualche giorno a Modena, potere dite addio alle vostre velleita’ di dieta perche’ dovete dare ascoltate il grido di gioia del vostro colesterolo, che impazzira’ assaggiando le varie e gustose specialita’ locali.

 

Tra le specialita’ principali di Modena, possiamo ricordare, l’aceto balsamico da gustare su un pezzetto di parmigiano o nell’insalata, i tortellini, lo gnocco fritto, le crescentine e tutti gli insaccati di maiale (mortadella, ciccioli, cotechino, zampone). Il tutto abbinato ad un buon bicchiere di Lambrusco, vino rosso da tavola, che fa bene al cuore e previene gli infarti, perche’ ricco di polifenoli e altre sostanze utili nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Piccola nota curiosa, nello stemma della citta’, compare una frase latina "Avia pervia" che significa "Rendiamo facili le cose difficili" che e’ anche il motto di Modena.

Alla prossima meta.
inguaribile.viaggiatore(at)yahoo.it

 SCHEDA TECNICA MODENA

 Per ulteriori informazioni:

iAT MODENA
Piazza Grande, 14
41100 MODENA (MO )
Tel: 059/2032660 - Fax: 059/2032659
E-mail: iatmo@comune.modena.it

Siti Web:

http://turismo.comune.modena.it

Come si raggiunge:

 

In auto:

Autostrada A1:

uscita Modena Nord km 5;

uscita Modena Sud km 10;

In treno:

Linea Milano-Bologna

Stazione di Modena.

Distanze

Roma 430 Km, Milano 177 Km, Venezia 206 Km.

Periodo consigliato:

tutto l’anno.