home chi sono viaggi articoli enogastronomia foto e video contatti

Italydifferent nelle Langhe e Roero (terza parte)

Salve inguaribili viaggiatori,
Oggi continuo a raccontarvi il mio viaggio nelle Langhe e Roero che ho fatto in occasione del blog tour “Italydifferent”.

Sabato pomeriggio siamo andati a Barolo per visitare il WiMu, il Museo del Vino (sito internet: www.wimubarolo.it)

Il Museo del vino-Wimu è stato inaugurato circa due anni fa ed è ospitato nelle sale del Castello dei marchesi Falletti ed ha delle caratteristiche innovative, lontane dalla classica e noiosa configurazione di museo.

Il Museo del vino di Barolo è pensato per coinvolgere il visitatore e condurlo in un viaggio attraverso la produzione, la cultura e la tradizione del vino.

Il percorso di visita del Museo del Vino è strutturato come una discesa in profondità nella cultura del vino: la suggestione di addentrarsi nei suoi misteri e nei suoi miti, corrisponde alla sensazione fisica di raggiungere il cuore del castello dei marchesi Falletti, seguendo il percorso di visita che conduce l’inguaribile viaggiatore dal terzo piano del castello giù fino al seminterrato accompagnato da dipinti, fotografie, giochi di luce, mitologia e storia.

A darci il benvenuto nel Museo del vino di Barolo sono gli antichi Dei Greci e Romani, i primi veri amanti del vino, che ci accolgono nel loro bar delle divinità, dove il bancone costellato da rappresentazioni degli dei è fronteggiato da un'intera parete ricoperta da bottiglie di vino prodotte in Piemonte.

Nella sala dedicata alla nostra casa nell’universo alcune fotografie in successione fanno percorrere un viaggio dall'universo, fino alle vigne delle Langhe e Roero. Questo viaggio a rimpicciolirsi prosegue, dopo essere passati al cospetto di Adamo ed Eva, nelle sale dedicate alla geometria della vita e alle radici della vita dove le foto si fanno sempre più particolareggiate fino ad arrivare al DNA, la base della vita sulla terra.

Mi ha destato molta curiosa la sala del carosello delle stagioni, dove mi sono ritrovato a pedalare attraverso i vari mesi dell'anno, accompagnato da quattro grandi fotografie del comune di Barolo che ne illustrano il variare dell'aspetto nel variare delle stagioni.

Le scale che si utilizzano per scendere da un piano all’altro del Museo del Vino sono costellate di fotografie di vigne in giro per il mondo, per rendere meglio l’idea di come la vite ed il vino sono diffusi in ogni parte della terra.

Il secondo piano del Museo del vino è dedicato al vino nella Storia e nelle Arti.
La prima sala che si incontra è la sala della storia del vino dove una sequenza di disegni accompagnati dalle didascalie ci raccontano dettagliatamente l'evoluzione della storia vinicola nel mondo.
Di fronte a questi disegni ci sono dei piccoli teatrini interattivi con meccanismi in vista che vengono animati dal visitatore che meglio illustrano alcuni aspetti della storia del vino.

Si passa poi alla stanza del Museo del vino dedicata alla cucina dove è possibile assistere ad un dialogo interattivo tra un cuoco professionista moderno ed una vecchia casalinga, accanto c’è la sala della musica, dove seduti in delle comode poltroncine si possono ascoltare in sottofondo tutte le canzoni che hanno come riferimento il vino.
All'interno del Museo del Vino, ci sono poi la sala della letteratura e la sala “schermo divino” dove vengono evidenziati come il vino sia presente in tutte le arti.

Scesi nel piano nobile del castello che ospita il Museo del Vino si arriva nel grande "Salone delle Quattro Stagioni" dove si assiste ad un banchetto dell’ottocento.
Una tavola imbandita ed un quadro animato, ci immergono in un banchetto virtuale risorgimentale. Nei piatti compaiono in sequenza le portate che ci vengono illustrate dalla voce della padrona di casa attraverso il dipinto.

Una visita merita anche la grande biblioteca del castello, dove ha lavorato anche Silvio Pellico, ospite dei marchesi Falletti.
Alla fine del Museo del vino, nelle antiche cantine dei marchesi Falletti, si trova l’enoteca regionale del Barolo, dove è possibile degustare e poi acquistare delle ottime bottiglie di Barolo.

Vi consiglio anche di fare una visita ad una delle numerose cantine che offrono dei tour guidati ai turisti, per avere l’elenco aggiornato vi rimando ATL delle Langhe e Roero (indirizzo nella scheda tecnica)

Per vedere le fotografie che ho scattato durante il blog tour Italydifferent – Langhe e Roero vi rimando a: www.flickr.com/inguaribile, mentre i video li trovate su: www.youtube.com/inguaribile.

Per maggiori informazioni su ItalyDifferent: www.viaggidellepleiadi.com/italy-different

Il racconto del blog tour italydifferent nelle Langhe e Roero continua nell'articolo: Italydifferent - Langhe e Roero (quarta parte) mentre se vi siete persi l'inizio di questo racconto, vi consiglio di andare all'articolo: Italydifferent - Langhe e Roero (prima parte).

Alla prossima meta

inguaribile.viaggiatore(at)yahoo.it

 

SCHEDA TECNICA LANGHE E ROERO

Per ulteriori informazioni:
Ente Turismo Alba Bra Langhe Roero
Piazza Risorgimento, 2
12051 - Alba (Cuneo)
Tel. +39.0173.35833 – Fax +39.0173.363878
Email: info@langheroero.it

Siti Web:
Ente Turismo Alba Bra Langhe Roero: www.langheroero.it

Come si raggiunge:
In aereo:
Gli aeroporti di riferimento per il vostro viaggio nelle langhe e roero sono:
Aeroporto Internazionale di Cuneo
Email: info@aeroporto.cuneo.it
Web: www.aeroporto.cuneo.it. Se amate i voli low cost vi ricordo che l’aeroporto di Cuneo è quello che fa per voi perché in questo aeroporto atterra la Ryanair ed è quindi facile trovare delle buone occasioni.
Aeroporto di Genova "C. Colombo"
Email: info@airport.genova.it
Web: www.airport.genova.it
Gli aeroporti di Milano (Malpensa e Linate)
Email: communication@sea-aeroportimilano.it
Web: www.sea-aeroportimilano.it
L’aeroporto di Torino Caselle
Email: mailbox@sagat.trn.it
Web: www.aeroportoditorino.it

In auto:
Se volete raggiungere le Langhe o il Roero in auto le autostrade sono:
A21 Torino-Piacenza uscita Asti Est
A33 Asti-Cuneo uscita Alba
A6 Torino- Savona uscita Marene

In treno:
Le stazioni ferroviarie nelle Langhe e Roero sono:
Stazione di Alba Tel. +39.0173.440262
Stazione di Asti Tel. Call Center FS 892021
Stazione di Bra Tel. +39.0172.413720
Oppure bisogna fare riferimento alle due stazioni di Torino (Porta Nuova o Porta Susa) e poi proseguire con i pullman di linea fino alle Langhe e Roero.

Distanze (da Alba (Cn)): Roma 657 Km, Milano 153 Km, Venezia 412 Km
Periodo consigliato: Le Langhe e Roero sono interessanti per gli inguaribili viaggiatori tutto l’anno.