homechi sonoviaggiarticolienogastronomiafoto e videocontatti

Fai della Paganella

Salve inguaribili viaggiatori,
sognate di trascorrere qualche giorno di completo riposo, lontano dal caos e dai ritmi frenetici della città? Allora una vacanza in montagna a Fai della Paganella è esattamente quello che fa per voi. Vette innevate, prati verdi che si estendono a perdita d’occhio e laghi dalle acque cristalline vi aspettano in questi luoghi talmente belli che sembrano appena usciti da una cartolina o da una fiaba per bambini.

Se anche voi non sapete resistere al fascino della natura, non perdete altro tempo e organizzate subito la vostra settimana bianca. Le offerte sulla montagna a Fai della Paganella sono un ottimo punto di partenza per cominciare la ricerca e partire alla scoperta di un territorio a dir poco incantevole.

Un paradiso di sport e bellezze naturali

Il comune di Fai si trova in provincia di Trento, alle pendici dell'altopiano della Paganella e a pochi chilometri dall’imponente massiccio delle Dolomiti di Brenta. Inoltre, grazie alla sua posizione strategica a poco meno di 1.000 metri sul livello del mare, il paese offre una meravigliosa vista della valle dell'Adige, del monte Fausior e delle vicine località di Andalo e Molveno. Da queste parti, l’indiscussa protagonista della scena è la natura: al fascino della montagna si alterna, infatti, la sorprendente bellezza del fondovalle, con i suoi fitti boschi di faggi, le pareti rocciose, le grotte e i corsi d’acqua che riempiono il paesaggio di vita e colori. Insieme ai comuni limitrofi, Fai della Paganella è poi considerata una delle mete imperdibili per gli amanti dello sci e degli sport invernali in generale.
Le piste imbiancate da gennaio a dicembre, grazie anche all’utilizzo di tecniche d’innevamento artificiale, e i moderni impianti di risalita attirano ogni anno migliaia di appassionati del fondo e della discesa. Professionisti e meno esperti, adulti e bambini: a Fai tutti sono i benvenuti.
I tracciati più battuti, in rigoroso ordine di difficoltà, sono l’Olimpionica 2, la Nuvola Rossa e Lo Scoiattolo. E quando comincia la bella stagione, la montagna mostra il suo lato nascosto e si trasforma in un grande parco giochi all’aperto: dalle escursioni guidate alle uscite in mountain bike, le alternative non mancano di certo.

L’importanza della tradizione e della cultura locale

L’intero altopiano della Paganella è da sempre legato agli aspetti più caratteristici del suo passato, a quegli elementi propri del folklore che si tramandano nel corso del tempo tra le varie generazioni.
Il comune di Fai, in particolare, è riuscito a conservare perfettamente intatta la sua atmosfera più tradizionale e genuina, che trova testimonianza tanto negli usi e costumi degli abitanti quanto nelle sue bellezze architettoniche. Da questo punto di vista, un last minute in montagna a Fai della Paganella è un’occasione imperdibile per visitare interessanti attrazioni come l’antica chiesa di San Rocco, in frazione Cortalta, la parrocchia di San Nicolò e lo storico Palazzo di Fai, risalente al 1620 e utilizzato come dimora estiva dalla famiglia Spaur e gli scavi di Dos Castel, dove sono stati rinvenuti alcuni reperti dell’età del bronzo.

Come raggiungere Fai della Paganella

Tra tutti i comuni dell’altopiano della Paganella, Fai è senza dubbio quello più facile da raggiungere: il paese vanta, infatti, una posizione strategica, a soli 20 minuti in auto dall’uscita autostradale.
Se viaggiate sull’autostrada A22 Brennero-Modena, imboccate l’uscita Trento Nord-Rocchetta e da lì seguite le indicazioni. In alternativa, dallo svincolo per S. Michele all'Adige- Mezzocorona proseguite prima sulla strada statale SS 43 e poi sulla strada provinciale SP 64.
Per chi, invece, preferisce spostarsi in treno, le stazioni ferroviarie più vicine sono quelle di Trento (40 km) e Mezzocorona (19 km).
Infine, Fai della Paganella dista circa 130 km dall’aeroporto Valerio Catullo di Verona.

Fai della Paganella, si trova, non tanto distante dal Monte Bondone, che potete scoprire leggendo questo articolo: Un inguaribile viaggiatore sul Monte Bondone.