homechi sonoviaggiarticolienogastronomiafoto e videocontatti

Gui come guida, Gui come guinness

Salve inguaribili viaggiatori
da dove cominciare per conoscere e insieme capire Dublino? Non c'è alcun dubbio, avete una sola scelta, il Guinness Storehouse, a circa un quarto d'ora a piedi dalla chiesa del Cristo e dai monumenti più importanti di Dublino.

Il Guinness Storehouse non è un semplice luogo celebrativo, tra l'altro ricavato dall'originario edificio di produzione della più famosa birra d'Irlanda, esportata e conosciuta in tutto il mondo, è insieme un tempio, una chiave di lettura e la più suggestiva e concisa guida turistica che Dublino potrà mai offrirvi.

A pelle il biglietto d'ingresso non è esattamente economico (si consiglia di farlo in uno dei numerosi tourist point sparsi per il centro di Dublino. Salterete lunghe file ed eviterete inconvenienti) ma ciò che troverete lì dentro vale tutta la spesa, inclusa la tappa obbligata al merchandising ufficiale della Guinness).

Il Guinness Store è un palazzo di sette piani dove Dublino racconta la sua birra, dall' origine a tutte le fasi trattandone i diversi aspetti, uno per piano. Ma soprattutto racconta gli irlandesi e il loro rapporto con se stessi e con gli altri meglio di qualunque guida turistica.

Si parte dal piano sotterraneo, dove, all'entrata, si possono trovare alcune scene di vita dell'antico birrificio costruito oltre un secolo fa, mentre le file vengono rapidamente smaltite e si entra definitivamente nel mondo Guinness.

Poche parole, tante immagini e servizi ottimi: percorsi per i disabili e le persone in carrozzella, audioguida ad un euro nelle principali lingue del mondo.

Salendo di piano in piano, poi, si scoprono tutti i segreti della birra irlandese più famosa del mondo, attraverso tutti i sensi.

Il numeroso personale resta sempre attento ad ogni esigenza e spiegazione per le numerose attività interattive presenti su ogni piano, dalla possibilità di diventare aiutante birraio (con foto mandata istantaneamente per mail) alla certificazione di perfetto spillatore di birra, a diverse possibilità di assaggio e degustazione non solo di diversi tipi di Guinness ma anche di stuzzichini di accompagnamento, alla storia di tutti gli ingredienti attraverso video e esperienze olfattive.

I piani più particolari sono due: il primo è quello dedicato al marketing, dove si da la possibilità a tutti i visitatori di interagire coi marchi e gli slogan Guinness di tutti i tempi.

Dalle foto dentro i testimonial al gioco con l'arpa alle gigantesche rappresentazioni del Guinness Zoo, ovvero tutto l'insieme di animali che nei secoli ha simboleggiare la Guinness, tra cui spicca un pesce su una bici. Perché? Perché " una donna ha bisogno di un uomo come un pesce di una bicicletta". Chiaro no? L' altro piano è invece l' ultimo, il settimo, il gravity bar, la più concisa mappa di Dublino che potreste mai avere.

Il perché ve lo spiego nell'articolo Dublino guinness Storehouse, mentre se volete leggere l'inizio del mio racconto, non vi resta che andare all'articolo: Irlanda da scoprire.

L’inguaribile viaggiatore Modestino Picariello
inguaribile.viaggiatore(at)yahoo.it